Ottobre 25, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

La strada in Italia prende il nome da Gabriel Garcia Marquez

Viale Gabriel Garcia Marquez si trova nella sezione Villa Borges della capitale italiana. Rende omaggio al Premio Nobel colombiano.

Per il suo stretto legame con questo Paese, in particolare con il cinema e il suo cibo, L’Italia rende omaggio a Gabriel Garcia Marquez Intitolandogli una delle sue strade.

Secondo La W Radio, la cerimonia di apertura si svolgerà il 26 ottobre a Villa Borges a Roma. Esattamente alla periferia di Piazza del Popolo Alla presenza dell’ufficio del sindaco della capitale e del ministero degli Esteri colombiano.

Agli scrittori piace Juan Stephen Costanza Sono venuto a confermarlo Nessun paese ha avuto un impatto maggiore sul lavoro di Garcia Marquez, Ha detto a EFE due anni fa.

Il premio Nobel arrivò a Roma nel 1955 sulla strada per Papa Pio XII, morto di malattia. Secondo Constance, Garcia Marquez dovrebbe incontrare un papa guarito o morto, ma Guidò su un’auto papale in direzione di Castelcondolpo, Una cittadina a 28 chilometri da Roma, il Papa trascorre le vacanze.

Dal viaggio di Pio XII dal Vaticano a Castelcondolfo, L’autore ha scritto le cronache raccolte nella serie Il suo santo va in vacanza, Nelle parole di Constance, “la vittoria del loro stile irresistibile” è stata che ha incluso note colombiane in modo che i lettori capissero cosa stava dicendo.

Nella capitale italiana Cabo si iscrisse a un corso di regia cinematografica, Nel Centro Experimental de Cinematography, anche se non è finita lì, gli ha fornito le basi di base del linguaggio audiovisivo, portandolo alla letteratura attraverso la tecnica del racconto utilizzata in tali romanzi. Il colonnello non aveva nessuno a cui scrivergli… E storie simili Non ci sono ladri in questa città.

READ  30 Miglior Due Sirene In Un Bicchiere per te

Nel suo passaggio Roma d’estate, Pubblicato l’8 giugno 1982 da El Espectador e El Pas de Espaானாa, così ha parlato della città che lo ha accolto. “Stavo per morire lo stesso giorno in cui sono venuto a Roma. In una splendida domenica di luglio, come sempre, c’è stato uno sciopero su tutto e l’Italia, come sempre, è apparsa sull’orlo del disastro. “È come Arakataka,” mi sono detto, affogando nel caldo e nella polvere, mentre camminavo attraverso la stazione solitaria dove un’anima caritatevole cercava invano di aiutarmi a portare le mie valigie” (parte).