Ottobre 25, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

L’assassino di George Floyd si è dichiarato non colpevole di un altro crimine contro i diritti di un minore nel 2017

L'ex poliziotto di Minneapolis Derek Chauvin (Baraka via Reuters)
L’ex poliziotto di Minneapolis Derek Chauvin (Baraka via Reuters)

Derek Chauvin, agente di polizia di Minneapolis Condannato a 22 anni di carcere per l’omicidio del cittadino afroamericano George FloydÈ stato annunciato questo giovedì Non colpevole di un altro reato contro i diritti civili di un quattordicenne nel settembre 2017.

Secondo l’accusa del minore: Chauvin lo ha arrestato per essere afroamericano, ha opposto resistenza e l’agente ha usato “forza eccessiva” per immobilizzarlo, Lo colpì alla testa con una torcia e gli mise il ginocchio sulla schiena e sul collo, proprio come fece tre anni dopo con Floyd.

Il rapporto della polizia, scritto dallo stesso Chauvin, indica che Il più giovane, che misura 1,90 e pesa 110 chilogrammi, ha resistito all’arresto, quindi ha dovuto usare il suo “peso corporeo per immobilizzarlo”. La sua versione indica che un file Il ragazzo deve venire da una ferita all’orecchio.

I manifestanti dopo la condanna di Derek Chavin per la morte di George Floyd sono diventati noti (Reuters/Eric Miller/File Photo)
I manifestanti dopo la condanna di Derek Chavin per la morte di George Floyd sono diventati noti (Reuters/Eric Miller/File Photo)

Chauvin, che è apparso in tribunale tramite video Dal carcere di massima sicurezza dove si trova da quando è stato accusato di omicidio lo scorso aprile, si è rifiutato di leggere le accuseLa catena è stata informata CNN.

Oltre a questo caso, l’accusa è stata depositata lo stesso giorno della morte di Floyd, Chauvin ha ricevuto altre sette denunce per uso eccessivo della forza dal 2014. In quattro occasioni, i giudici hanno notato che ha superato “il punto in cui tale forza sarebbe richiesta nelle circostanze”.

Questa settimana, con Chauvin, I suoi tre colleghi al tempo della polizia, Thomas Lane, J. Koeng e Tou Thao, sono stati perseguiti per violazione dei diritti civili di Floyd. I quattro si sono dichiarati non colpevoli delle accuse.

FILE - Questa serie di foto fornite dall'ufficio dello sceriffo della contea di Hennepin in Minnesota mercoledì 3 giugno 2020 mostra gli ex agenti di polizia di Minneapolis Derek Chauvin, J. Alexander Koenig, Thomas Lin e Tou Thau.  Gli ex agenti di polizia di Minneapolis accusati di aver violato i diritti civili di George Floyd compariranno davanti alla corte federale martedì 14 settembre 2021 (ufficio di polizia della contea di Hennepin tramite file AP)
FILE – Questa serie di foto fornite dall’ufficio dello sceriffo della contea di Hennepin in Minnesota mercoledì 3 giugno 2020 mostra gli ex agenti di polizia di Minneapolis Derek Chauvin, J. Alexander Koenig, Thomas Lin e Tou Thau. Gli ex agenti di polizia di Minneapolis accusati di aver violato i diritti civili di George Floyd compariranno davanti alla corte federale martedì 14 settembre 2021 (ufficio di polizia della contea di Hennepin tramite file AP)

Chauvin, 45 anni Non ha mai ammesso alcun illecito nella morte di Floyd, che si è inginocchiato sul suo collo per una decina di minuti nel maggio 2020 a Minneapolis.

READ  Manchester United vs Everton 1-1 partita di Premier League 2021-22 | premier League

Durante le udienze di questa settimana, l’avvocato di Chauvin si è dichiarato soddisfatto del seguito Le procedure in vigore nella polizia e che la morte di George Floyd era dovuta a problemi di salute In combinazione con l’uso di droghe, senza convincere i giurati.

i suoi tre ex colleghi, Tu Thao, Alexander King e Thomas Lane saranno processati a marzo per “complicità in omicidio”, anche nei tribunali del Minnesota.

File foto di una protesta dopo la morte dell'afroamericano George Floyd (EFE/Peter Foley)
File foto di una protesta dopo la morte dell’afroamericano George Floyd (EFE/Peter Foley)

Ma lo riporta la stampa locale Chauvin stava negoziando da diverse settimane un patteggiamento che gli avrebbe impedito un nuovo processo.

Alla fine dell’Operazione Uno, ha offerto le sue condoglianze alla famiglia Floyd e ha accennato a questa opzione: “Ci saranno nuove informazioni in futuro, spero che siano interessanti e ti portino tranquillità”.

queste Il contenzioso “doppio” è consentito negli Stati Uniti, Ma è relativamente raro e riflette l’importanza di questo file che ha generato gigantesche manifestazioni contro il razzismo e la violenza della polizia in tutto il paese e persino a livello internazionale.

Con le informazioni di EuropaPress e AFP

Continuare a leggere: