Settembre 23, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

L’Australia non si piegherà alle richieste cinesi di ripresa dei colloqui: ministro degli Esteri

di Colin Backham

Canberra (Reuters) – Il ministro degli Esteri Maurice Payne ha affermato che l’Australia non accetterà le richieste cinesi di un cambiamento di politica per riprendere i colloqui bilaterali.

“La Cina ci ha avvisato che si impegnerà in un dialogo ad alto livello solo se soddisferemo determinate condizioni. L’Australia non ha imposto alcuna condizione ai negoziati. Non possiamo soddisfare le (loro) condizioni ora”, ha detto Payne in un discorso a tarda notte giovedì a Canberra.

Relazioni in Cina, dopo che l’Australia ha già vietato le Hawaii nella sua nuova rete a banda larga 5G nel 2018, Canberra ha segnalato per la prima volta nella Cina centrale lo scorso anno.

La Cina ha risposto imponendo tasse sulle merci australiane, tra cui vino e orzo, e le importazioni di carne bovina australiana, carbone e uva.

L’ambasciata cinese a Canberra non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Nonostante le tensioni bilaterali, la Cina rimane il principale partner commerciale dell’Australia.

Nei 12 mesi fino a marzo, l’Australia ha esportato in Cina merci per un valore di 149 miliardi di dollari (110,1 miliardi di dollari), lo 0,6% in meno rispetto all’anno precedente, ma le esportazioni sono state sostenute dai prezzi forti del minerale di ferro, la più grande merce in commercio con la Cina. .

(1$ = 1,3534 dollari australiani)

(Rapporto di Colin Bagkam; Montaggio di Raju Gopalakrishnan)

READ  Scoperto in Italia uno squalo dalla faccia di maiale e il film ha fatto il giro del mondo