Ottobre 25, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Le carte di Pandora: il destino inaspettato dell’eredità di El Tigre Azcárraga | foglie di pandora

Morte Emilio Azcarraga Melmoe Tigre, contrassegnato prima e dopo in Televisa, il più grande impero televisivo del mondo di lingua spagnola. Dopo più di 24 anni e dopo una feroce battaglia per la loro eredità, foglie di pandora, l’ultima fuga di notizie coordinata dall’International Consortium of Investigative Journalism (ICIJ) che coinvolge EL PAÍS, getta nuovi indizi su dove una grossa fetta del denaro di tutti è finita per essere classificata come l’uomo più ricco dell’America Latina. La successione di Azkara ha seguito un percorso finanziario inaspettato che ha attraversato trust e società opachi nelle giurisdizioni. Marina Militare Fino alla fine di opere d’arte e pezzi pre-spagnoli, metalli preziosi, armi e aziende tecnologiche.

La sua complicata vita amorosa e l’inclinazione a gestire Televisa come un’azienda di famiglia sono stati fattori determinanti in Volontà di tigreSi sposò quattro volte e nella sua decisione di dividere la sua eredità in sei parti uguali. Tre figlie dal suo secondo matrimonio e il suo unico figlio, Emilio Azcaraga Jean, che sono nati durante il loro terzo matrimonio, hanno avuto un sesto ciascuno. L’intento era quello di distribuire il resto alle donne con cui ha trascorso i suoi ultimi anni di vita: l’ex autista Paula Cosi, sua compagna da due decenni e sua ultima moglie, e Adriana AbascalUn’ex reginetta di bellezza di 40 anni più giovane di lui che lo ha visto morire tra le sue braccia sul suo famoso yacht. prefisso significato ambiente.

Il foglie di pandora Si rendono conto che Paula Cusi, il cui vero nome è Encarnación Presa Matute, ha aperto sei trust e una galassia di dozzine di società opache nelle Isole Vergini britanniche. Cosi si identifica come vedova di Azcara Melmo e pone la sua eredità come principale fonte di reddito, secondo il modulo di registrazione che è stato compilato davanti all’ufficio panamense. Tedesco, Agnello, Galindo e Lee (Alcojal). Attraverso i fondi, come registrato nei registri contabili a cui ha avuto accesso per questa indagine, l’ex pilota è stato in grado di concentrare quasi $ 580 milioni in attività tra il 2015 e il 2017 e gestire un grande gruppo artistico, una delle più grandi passioni che El ha condiviso con lui. .

READ  Questa è la foto che mostra che Tony Costa non tornerà con Adamari Lopez

Il Trust Network è stato costituito nel marzo 2012. Solo pochi mesi fa, nell’aprile 2011, Cusi è stato incriminato dall’avvocato di Azcárraga, Jean, Il nuovo presidente di Televisa, ha reso dichiarazioni mendaci in una causa da lui avviata per rivendicare una parte dell’eredità ed è stato rinchiuso nel carcere di Santa Marta Acatitla. L’arresto è stato una notizia di copertina nei principali media messicani ed è stata la testimonianza che la causa sull’eredità di El Tigre si era intensificata. Nel 2007, dieci anni dopo la morte dell’ex marito, Cusi ha rivendicato il 4% delle azioni di Televisa, valutate oltre 6.300 milioni di pesos, ma il figliastro ha affermato di aver ottenuto tutto ciò che gli corrispondeva.

“È stato un rapimento”, hanno affermato gli avvocati di Cossi dopo l’arresto, e hanno finito per colpire Miguel Angel Mancera, allora procuratore generale e attuale senatore a Città del Messico. Mancera ha sostenuto che l’arresto è stato effettuato secondo la legge e non come un favore personale all’emittente televisiva. Dopo quattro giorni di scandalo e accordo stragiudiziale, l’ex conduttrice è stata scarcerata, ha ricevuto una somma molto inferiore al previsto e ha finito per fare causa al suo avvocato per essersi appropriato di quei soldi, circa sei milioni di pesos.

La figura principale nell’ingegneria finanziaria di Cosi era suo fratello, José Manuel Brisa Matut, che si interessò personalmente alla creazione di trust (noti come fiduciain inglese) e organizzando la compartecipazione agli utili tra lui e sua sorella. Due trust, The Rumi Trust e Hafiz Trust, erano responsabili dell’acquisto e della vendita di opere d’arte. Gli altri quattro erano finalizzati alla gestione di conti presso banche private in Svizzera e agli investimenti in borsa: il Sinan Fund, l’Headquarters Trust, l’Averroes Trust e l’Abi-Rabia Trust.

READ  Lorenzo Mendes dimentica Chiquis Rivera, una giovane donna che l'ha già superata! Immagini

Con The Averroes Trust, i fratelli Prisa Matute avevano un ampio portafoglio di investimenti, dettagliato in un file del 2015. Hanno acquistato azioni di società tecnologiche come Intel, Alibaba, Microsoft, Amazon, Cisco, Facebook, Apple, Oracle, Google, Yahoo e LinkedIn , tra le altre cose. Ci sono anche azioni in società come la compagnia petrolifera Royal Dutch Shell, Nestlé, Visa, la società farmaceutica Roche, il gigante delle materie prime Glencore e il produttore di armi Lockheed Martin. Hanno anche fatto affari comprando e vendendo valute estere e metalli preziosi (per un valore fino a 15,5 milioni di dollari in lingotti e monete d’oro) e trasferimenti a banche svizzere, americane, lettoni, emiratine, britanniche, italiane e altre. Alla Headquarters Trust e alle sue sussidiarie, hanno accumulato altri 8 milioni di dollari in lingotti d’oro, secondo rapporti certificati sui loro beni.

Maya Relief è gestito dall'azienda opaca della famiglia Brisa Matute.
Maya Relief è gestito dall’azienda opaca della famiglia Brisa Matute.

Un’altra parte importante della struttura è Grimound Limited, società costituita dalla famiglia Presa Matute nelle Isole Vergini britanniche per sovrintendere alle transazioni effettuate tramite trust. Chuck Collins, autore di Accumulatori di ricchezza: come i miliardari pagano milioni per nascondere trilioni, spiega che il trust è particolarmente opaco perché di solito non ne esistono registri pubblici nelle giurisdizioni Marina Militare E perché aggiunge uno strato extra che copre il vero proprietario di quei beni, che si tratti di una casa, di un piatto o di una società, che aiuta anche i proprietari “veri” a evitare di pagare le tasse. Cioè, tutto era in famiglia, ma nulla era legalmente registrato a suo nome. “Quando arriva la tassa, queste persone dicono ‘Beh, io non sono il proprietario'”, scherza Collins. Gli autori di questo rapporto hanno inviato un questionario alla famiglia di Prisa Mattut, ma non hanno ricevuto risposta.

Nel luglio 2016, ad esempio, Grimound Limited ha autorizzato l’Hafiz Trust ad acquistare un antico calamaio russo del XVIII secolo per £ 250.000. Nel dicembre di quell’anno si usava la stessa formula per la vendita Concetto spaziale, in attesa, un dipinto di Lucio Fontana (famoso artista italo-argentino, ideatore dello spazio), per 1,9 milioni di dollari e l’acquisto di una scultura di Alberto Giacometti per la stessa cifra. Grimound ha anche mediato con gallerie e case d’asta per il commercio di opere, come la scultura. discussione dell’artista inglese Tony Cragg, del valore compreso tra 300.000 e 400.000 franchi svizzeri, o due opere dello scultore francese François-Xavier Lalanne, del valore di circa 60mila e 80mila franchi svizzeri. Nell’archivio documentale c’è anche una transazione effettuata con due iscrizioni Maya del valore di 2,4 milioni di dollari. I pezzi risalgono al Messico meridionale e uno di essi è datato tra 1.400 e 1.100 anni, secondo i documenti di foglie di pandora.

“L’arte non è più solo qualcosa che appendi a un muro o sopra un caminetto, è diventata un luogo in cui i ricchi possono tenere i loro soldi”, spiega Chris Marinello, specializzato in contenziosi legali d’arte e recupero di opere rubate. “Le persone comprano l’arte attraverso la società Marina Militare E sebbene questo di per sé non sia illegale, di solito viene utilizzato in modo molto opaco”, afferma il direttore internazionale di Art Recovery. “Le tasse vengono pagate quando vengono acquistate, riprese, trasferite, vendute e realizzate un profitto. Ci sono tasse ovunque, ma così è la vita. Lo specialista dice: “Le persone oneste li pagano e le persone ingannevoli no.

Adriana Abascal, che ha citato in giudizio Televisa per aver ereditato El Tigre alla fine degli anni ’90, appare anche in foglie di pandora Associato alla vendita di opere d’arte. Quest’ultima coppia ha pagato Azkaraga Melmo $ 2,8 milioni nel 2015 per il dipinto è ovest Dall’artista Ed Ruscha alla Global Art Portfolio Ltd, una società con sede a Hong Kong associata al gallerista svizzero Paolo Vidovi. Un anno fa, ho ottenuto il 25% del copyright Donna nuda sdraiata a partire dal Pablo Picasso per 512.500 euro, tra le altre operazioni risultanti dalle scritture contabili della manifestazione.

Il foglie di pandora Fornisce inoltre informazioni su Auburn Services Limited, una società con sede nelle Isole Vergini britanniche ad Abascal e Juan Villalongae Ex direttore di Telefónica L’ha sposata nel 2001, quattro anni dopo la morte di Azcara Melmo. Abascal è stato amministratore della società tra il 1998 e il 2000, nonché partner tra il 2007 e il 2010, quando si sono separati. I servizi di Auburn erano già stati esposti nei Paradise Papers, un’altra fuga di notizie dall’International Consortium of Investigative Journalism nel 2017, dove è apparso come azionista di Cutsmore Advisors Ltd, una società collegata a Malta a Villalonga. Ma finora, il coinvolgimento di Abascal in Auburn, che ha rifiutato di commentare, era sconosciuto.

Adriana Abascal, a un evento dell'UNICEF a Madrid, nel 2018.
Adriana Abascal, a un evento dell’UNICEF a Madrid, nel 2018.Eduardo Parra (Getty Images)

Altri nomi associati al regno di El Tigre compaiono nell’infuso. Carmela Azcárraga de BurilloLa sorella dell’ex presidente di Televisa era dietro una galassia di oltre due dozzine di edifici nelle Isole Vergini britanniche, alle Bahamas, in Liberia e negli Stati Uniti. Alejandro BorrelloAzcárraga Milmo, un uomo d’affari associato al calcio e alle telecomunicazioni, era a bordo dei successori di Azcárraga Milmo, ma ha venduto le sue azioni – il 25% della società – e ha lasciato la stazione televisiva nel 2000. Carmella Azcárraga, morta nel febbraio 2020, ha ereditato 306 milioni di dollari dopo la morte di Emilio Azcárraga Vidaurreta, il Leone, suo padre e fondatore di un impero televisivo, e divenne un investitore immobiliare di successo.

Attraverso una complessa rete finanziaria, di cui Carmela Azcárraga de Burillo figura come una vera beneficiaria, la famiglia Burillo Azcárraga ha immatricolato all’estero quattro auto, una polizza assicurativa milionaria e immobili in territori esclusivi degli Stati Uniti per un valore di circa 18 milioni di euro. Tra le proprietà ci sono quattro appartamenti di lusso nella Grand Bay Tower a Key Biscayne, in Florida, due appartamenti a Vail, in Colorado e uno di fronte a Central Park, nel complesso Trump Park di New York, secondo i registri di proprietà. Gli eredi di Azcárraga de Burillo non hanno risposto a una richiesta di commento.

All’inizio di settembre, la Corte Suprema ha confermato l’ordine di restituzione di oltre 1.000 milioni di pesos di tasse alle sorelle successori di El Tigre, in una procedura richiesta dopo la vendita di 120.000 azioni alla controllata Televisa nel 2007. Il caso si è approfondito. La causa è tra la magistratura e il presidente, Andres Manuel Lopez Obrador, che ha detto che gli fa male “nell’anima” che il ritorno sia stato “pagato” con i soldi del popolo. “Immagina cosa significa dare 1.000 milioni, quante borse di studio per bambini con disabilità, per le vaccinazioni, per sostenere le persone più povere Sono insensibili”, ha detto il presidente durante la sua conferenza mattutina.

Dai tempi di Azcárraga Milmo, i destini di Televisa hanno sempre fatto parte delle discussioni nei primi circoli di potere del Paese. Andrew Paxman, co-autore di Tigre, la prima biografia non autorizzata di un uomo d’affari, descrive la causa ereditaria come un “circo” con giochi di potere, la caotica vita amorosa del protagonista e quella che un tempo era “la compagnia più potente del Messico”. “Aveva una tale presenza nel mondo dello spettacolo e dell’informazione, che questo rappresentava un punto di forza che nessun imprenditore aveva, non solo economico, ma anche politico e culturale”, racconta lo storico. Nonostante la sconfitta contro il cancro nell’aprile 1997, nel Paese risuonano ancora gli echi della morte dell’ultimo grande patriarca della televisione.

Mathieu Tourlier (The Process) ha collaborato a questo rapporto.