Menu
In Aspromonte
Moleti in festa per piccini e grandi

Moleti in festa per piccini e …

Si è svolta domenica 4...

Torna il “Parkbus”, dal Museo in Aspromonte con le Guide Ufficiali del Parco

Torna il “Parkbus”, dal Museo …

Anche nella stagione e...

Parco dell’Aspromonte, il 21 luglio la Giornata dell’Amicizia con escursione “speciale”

Parco dell’Aspromonte, il 21 l…

Tutti insieme in cammi...

A Sant’Eufemia d’Aspromonte celebrata la sesta edizione della Giornata della Riconoscenza

A Sant’Eufemia d’Aspromonte ce…

«L’esempio quotidiano ...

Ente Parco. Rondoni e divertimento: il 23 giugno torna il Festival in Aspromonte

Ente Parco. Rondoni e divertim…

È ormai diventata una ...

“In Cammino nel Parco”: domenica prima escursione a Zervò. Aperte le iscrizioni

“In Cammino nel Parco”: domeni…

Tra i piani di Zervò e...

Domenica 23, l’escursione di Gente in Aspromonte sulla cima dell’Aspromonte

Domenica 23, l’escursione di G…

Gente in Aspromonte in...

Estate d’Aspromonte. Ricco e sostenibile il programma del Parco, tra natura, cultura e attività ludiche

Estate d’Aspromonte. Ricco e s…

Dal Parkbus, che dal M...

CaiReggio. Anticipata a domenica 26 maggio l'escursione da Monte Papagallo alla foce della fiumara Amendolea

CaiReggio. Anticipata a domeni…

Essendo stata posticip...

Il Prefetto Michele Di Bari in visita a Polsi

Il Prefetto Michele Di Bari in…

Nel suo giro di incont...

Prev Next

Buccau lu suli

  •   Franco Borrello
Buccau lu suli

BUCCAU LU SULI (Franco Borrello)

Ormai sdurrupati,

li forti armaceri

su sulu cesina,

ppilìju di jeri.

Lu suli buccau 

calau la sira 

cu nivi e cu trona,

fulijeni nira.

Nu duci surinu 

si vota a zargara,

la luna, di fata,

diventa  magara.

Chianginu chianu  

li nduddhi mpenduti

a li ceramiti 

com’anni perduti.

Luntanu n’ahò,

zzurrija lu ventu,

l’addheddha di l’arma 

non dassa cchjù abbentu:

E nta la muddhura,

li spaddhi rrunchjati,

erremi  jamu   

rribbati rribbati.

Francesco Borrello

ENCOMIO SPECIALE

Premio DELIA 2018

È tramontato il sole

Oramai diruti,

i solidi muri a secco

son solo rovine,

lamento del passato.

È tramontato il sole,

è calata la sera

con neve e con tuoni,

fuliggine nera.

Una dolce brezza

si volge in vento velenoso,

la luna, da fata,

si muta in fattucchiera.

Piangono lentamente

i ghiaccioli appesi

alle tegole

come anni perduti.

Lontano un rombo,

sibila il vento,

la sanguisuga dell’anima

non concede più   requie:

E nella foschia,

con le spalle ingobbite,

andiamo raminghi

per luoghi nascosti.   


  • fb iconLog in with Facebook