Menu
In Aspromonte
Artigiani e produttori insieme al Parco dell’Aspromonte ad Artigiano in Fiera

Artigiani e produttori insieme…

Oltre un milione di vi...

Nel Parco dell’Aspromonte vive una delle querce più vecchie del mondo

Nel Parco dell’Aspromonte vive…

Una Quercia di oltre 5...

Ente Parco. Il Consiglio Direttivo ha approvato il bilancio previsionale per il 2020

Ente Parco. Il Consiglio Diret…

Il Consiglio Direttivo...

Domenica a Sant’Agata “immagini d’autunno” e il cortometraggio “Tibi e Tascia”

Domenica a Sant’Agata “immagin…

Nella stessa piazzetta...

Moleti in festa per piccini e grandi

Moleti in festa per piccini e …

Si è svolta domenica 4...

Torna il “Parkbus”, dal Museo in Aspromonte con le Guide Ufficiali del Parco

Torna il “Parkbus”, dal Museo …

Anche nella stagione e...

Parco dell’Aspromonte, il 21 luglio la Giornata dell’Amicizia con escursione “speciale”

Parco dell’Aspromonte, il 21 l…

Tutti insieme in cammi...

A Sant’Eufemia d’Aspromonte celebrata la sesta edizione della Giornata della Riconoscenza

A Sant’Eufemia d’Aspromonte ce…

«L’esempio quotidiano ...

Ente Parco. Rondoni e divertimento: il 23 giugno torna il Festival in Aspromonte

Ente Parco. Rondoni e divertim…

È ormai diventata una ...

“In Cammino nel Parco”: domenica prima escursione a Zervò. Aperte le iscrizioni

“In Cammino nel Parco”: domeni…

Tra i piani di Zervò e...

Prev Next

Ciechi davanti ai Calanchi

  •   Gioacchino Criaco
Ciechi davanti ai Calanchi

di Gioacchino Criaco - Non c’è cecità peggiore di quella dell’anima. Che davanti alla bellezza esagerata dei Calanchi di Palizzi pure un cieco biologico ne sarebbe penetrato. Una meraviglia estranea alla terra, un pezzo di fantastico giunto a noi da chissà quale galassia sperduta nell’universo, una particella divina rubata da un dio artistico per corredare un paradiso calabro che i suoi abitanti, ciechi funzionali, non vedono più. Conto le macchine alle ventidue di una sera profumata di oleandri e puzzolente di rifiuti bruciati. Cinquanta auto in cinquanta chilometri, sul vecchio tracciato della 106, da Reggio a salire a Palizzi. Il conto lo faccio spesso: su tratti vecchi e nuovi della 106, mi parte in testa in automatico, a qualunque ora, su qualunque tratto, vecchio e nuovo. Le macchine sono sempre poche, troppo poche per giustificare l’investimento milionario per la nuova 106, troppo poche per autorizzare l’uomo a divorare uno dei paesaggi più commoventi al mondo. Che il diritto di macchiare il paradiso non ci sarebbe neanche se avessimo il traffico di Città del Messico. La Calabria si svuota a centinaia di migliaia di persone, la Jonica butta figli come la sabbia che sfugge a un sacco bucato che nessun sarto riesce a cucire. Che magari se i soldi li dessero ai calabresi, invece che alle ditte nordiche che spalmano asfalto sopra il miele, a centinaia di migliaia potrebbero costruirsi un nido caldo nel nostro paradiso, lontano da umidità celtiche. È una Calabria orba quella che passa in fretta di lato ai Calanchi di Palizzi, va veloce per dimenticare che non sta andando da nessuna parte. Da noi non esistono mete da raggiungere in fretta, traguardi da tagliare. Da noi, se avessimo occhi, esiste solo una bellezza talmente spropositata da solidificare il surreale, da godere a lancette bloccate. Ma noi alla vista abbiamo sostituito il buio, e l’anima l’abbiamo data in cambio a una pancia vorace, e scorrazziamo per la jonica esibendo ventri strabordanti da portare in giro per i matrimoni dei nostri infiniti parenti. Ché matrimoni sfolgoranti sono gli unici eventi che sappiamo forgiare. E se giustizia ci fosse, si alzerebbe un Dio vero a strappare i Calanchi di Palizzi per riportarli nella galassia sperduta da cui sono stati rubati.   

* Le foto sono di Antonio Aricò e di Alessandro Mallamaci 


  • fb iconLog in with Facebook