Menu
In Aspromonte
Moleti in festa per piccini e grandi

Moleti in festa per piccini e …

Si è svolta domenica 4...

Torna il “Parkbus”, dal Museo in Aspromonte con le Guide Ufficiali del Parco

Torna il “Parkbus”, dal Museo …

Anche nella stagione e...

Parco dell’Aspromonte, il 21 luglio la Giornata dell’Amicizia con escursione “speciale”

Parco dell’Aspromonte, il 21 l…

Tutti insieme in cammi...

A Sant’Eufemia d’Aspromonte celebrata la sesta edizione della Giornata della Riconoscenza

A Sant’Eufemia d’Aspromonte ce…

«L’esempio quotidiano ...

Ente Parco. Rondoni e divertimento: il 23 giugno torna il Festival in Aspromonte

Ente Parco. Rondoni e divertim…

È ormai diventata una ...

“In Cammino nel Parco”: domenica prima escursione a Zervò. Aperte le iscrizioni

“In Cammino nel Parco”: domeni…

Tra i piani di Zervò e...

Domenica 23, l’escursione di Gente in Aspromonte sulla cima dell’Aspromonte

Domenica 23, l’escursione di G…

Gente in Aspromonte in...

Estate d’Aspromonte. Ricco e sostenibile il programma del Parco, tra natura, cultura e attività ludiche

Estate d’Aspromonte. Ricco e s…

Dal Parkbus, che dal M...

CaiReggio. Anticipata a domenica 26 maggio l'escursione da Monte Papagallo alla foce della fiumara Amendolea

CaiReggio. Anticipata a domeni…

Essendo stata posticip...

Il Prefetto Michele Di Bari in visita a Polsi

Il Prefetto Michele Di Bari in…

Nel suo giro di incont...

Prev Next

I comunisti e le crociate

  •   Bruno Salvatore Lucisano
I comunisti e le crociate

Avevano il pugno chiuso, han chiuso il cuore, aperto solo per gente sconosciuta, non per pietà ma per scopo… di lucro. Si preoccupano che il reddito di cittadinanza possa andare a chi lavora in nero e non a quanti (più di quattro milioni), non hanno di che mangiare. Hanno cambiato rotta i compagni, che si interessano delle lauree degli altri, mentre hanno fatto governare per anni, la feccia di questo paese: pluricondannati, inquisiti, mafiosi e terze medie. Danno lezione di onestà e si son mangiati puru a curuna i Santu Lazzaru! E Salvini andava bene quando governava con loro!

Col pugno chiuso, i nuovi benestanti, che hanno due stipendi in casa e si preoccupano del reddito di cittadinanza che esiste in tutta Europa, ma è l’unica cosa che dell’Europa è sbagliata (per loro).

Continuano a difendere gente che ha rubato milioni con la scusa dei migranti, pure in presenza di ruberie certe! Pure in presenza di matrimoni combinati, di milioni di euro scomparsi. Guai a chi tocca la Magistratura…quando la magistratura non tocca loro! “A nu parmu du me’ culu, undi pijja pijja”, questo è lo slogan dei nuovi compagni benestanti e occupati! Una casta serva dei massoni e dei poteri forti. Servi di una ideologia che ideologia non è.

Chi ha approvato una legge come la Jobs act, non può essere di sinistra. I sindacati che non hanno protestato contro questa legge, sono dei prezzolati o altrimenti disonesti intellettualmente.

Poi fanno la battutina: siamo passati da Nilde Iotti alla Taverna. Si vergognano (o si dimenticano) di dire che siamo passati da Berlinguer a Renzi…

I compagni se ne fottono delle città che sono diventate delle cloache invivibili dove non si può uscire dopo le sette di sera, con le stazioni ferroviarie occupate giorno e notte da spacciatori e prostitute. Se ne fottono della gente senza lavoro. Se ne fottono di Rosarno, di Isola C.R., pensano solo di far soldi con i poveri migranti che appena arrivati in Italia, non vedono l’ora di scappare, perché l’Italia di Verdini, Berlusconi, Fini, Renzi e compagnia brutta, non piace neanche a loro.

Concludo, ma di una cosa sono stato sempre certo che è questa: quando la chiesa e i comunisti (presunti) la pensano alla stessa maniera, c’è qualcosa che non va o c’è (forse) da magnà.

Se vogliono vedere in quanti sono rimasti nelle chiese e nelle sezioni con falce e martello (che non ci sono più), forse, dico forse, si accorgeranno che qualcosa non ha funzionato. Altrimenti vorrà dire che sono stupidi a loro insaputa!

E se è vero che “u cumandari e mejju du futtiri”, quando non si comanda, diventa difficile “futtiri”, in tutte le accezioni del termine.

Buona vita a tutti


  • fb iconLog in with Facebook