Menu
In Aspromonte
Un porto per tir o un approdo per il turismo?

Un porto per tir o un approdo …

«In questi giorni è es...

Nasce il Coordinamento delle Guide Parco calabresi: il 2 dicembre la prima iniziativa pubblica

Nasce il Coordinamento delle G…

Tre Parchi Nazionali, ...

Reggio. Si terrà nei giorni 2 / 3 e 4 dicembre la Chanukkà: «libertà di espressione e festa delle luci in Calabria»

Reggio. Si terrà nei giorni 2 …

Nei Giorni 2 / 3 e 4 d...

Cardeto. XIX edizione della sagra della castagna: «tantissime le persone venute a degustare il frutto autunnale per antonomasia»

Cardeto. XIX edizione della sa…

Si è svolta domenica 1...

Escursioni. Domenica 18 novembre “Gente in Aspromonte” sarà sul Crinale di San Nicodemo (Mammola)

Escursioni. Domenica 18 novemb…

ASSOCIAZIONE ESCURSION...

San Roberto (RC), grande attesa per il Presepe Vivente: volontari al lavoro per una edizione da record

San Roberto (RC), grande attes…

Sono al lavoro già da ...

San Roberto. Lsu-Lpu, Vizzari: «Mancano 29 milioni, Regione ritiri accordo o aggiunga quota mancante»

San Roberto. Lsu-Lpu, Vizzari:…

“Inaccettabile, dispar...

Escursioni. Domenica 11 novembre, “Gente in Aspromonte”, andrà sui Crinali di Monte Scorda

Escursioni. Domenica 11 novemb…

ASSOCIAZIONE ESCURSION...

CaiReggio: Domenica 16 settembre l'escursione sul sentiero "dell’Acqua Luntana"

CaiReggio: Domenica 16 settemb…

La domenica del 16 set...

La nostra storia. I fratelli Borruto e i loro rapporti con Staiti

La nostra storia. I fratelli B…

di Fortunato Stelitano...

Prev Next

Il lungomare di Reggio arriverà a Montalto

  •   Gioacchino Criaco
Il lungomare di Reggio arriverà a Montalto

“Ci fossero ancora uomini”, i pastori imprecavano davanti al fosso dentro cui sarebbe stata tumulata l’acqua dell’Aspromonte, poi sputavano in aria e aspettavano che lo sputo gli cadesse in faccia. Si riferivano a una stirpe guerriera, non agli omini della malandrinità, che tifavano e tifano per ogni fosso che gli regala un po’ di cibo per venderci. Lo sbrego sul Menta è il tradimento più grande che sia stato fatto alla montagna, tutti siamo responsabili, perché ci dovevamo fare una guerra contro. Dico sul serio, una guerra e con ogni mezzo. E i reggini hanno diritto all’acqua, ma con i soldi che sono stati spesi gli si sarebbe potuto fare una fonte autonoma in ogni casa. Con le centinaia di milioni l’acqua si poteva canalizzare in modi meno cruenti, si sarebbero potuti scavare mille e mille pozzi. Per la Regione tecnicamente è un successo duplice: chiude una questione cinquantennale e dà ristoro ai reggini. Non si poteva pretendere che abbattessero il mostro e ricominciassero da zero. Ma l’acqua del Menta a Reggio non è una festa, non lo è per gli Aspromontani, è un lutto, una mancanza di cui la montagna si vendicherà. È l’ennesimo furto che la Locride subisce, la Nazione che faceva frontiera a Roccaforte. Ci hanno portato via i Bronzi, si sono presi il Drago di Kaulon con la promessa di ridarcelo, e si berranno il sangue di Mana Ji. E in cambio nemmeno le perline che gli sceriffi di solito danno agli indiani ci hanno regalato. Nulla. Per i mille e mille furti che ci hanno fatto, ci fanno e ci faranno. Il ventotto a Reggio faranno la festa dell’acqua, per la nazione Aspromontana sarà un giorno di lutto nazionale.


  • fb iconLog in with Facebook