Ottobre 25, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

L’inflazione ha raggiunto il 5,87% nella prima metà di settembre, il livello più alto in 3 mesi – El Financiero

L’indice nazionale dei prezzi al consumo (INPC) ha accelerato a 5,87 percento Nella prima metà di settembre, il livello più alto dalla prima metà di giugno 2021, lo ha riferito giovedì l’Istituto nazionale di statistica e geografia (ENGI).

Il inflazione È stato premuto prima Aumento dei prezzi di cibo ed energia.

L’indice è stato registrato Il livello più alto dalla prima metà del sesto mese di quest’anno, quando ha raggiunto il 6,02% su base annua.


L’inflazione aggiunge 13 notti consecutive al di sopra dell’intervallo target fissato dal Banco de México (3%, +/- 1 punto percentuale).

“INPC Spinto dall’aumento dei prezzi alimentari ed energetici, il tasso annuo di inflazione del National Consumer Price Index è aumentato di 0,27 punti nelle prime due settimane di settembre 2021 rispetto al precedente per rimanere al 5,87 per cento; il tasso core è stato del 4,92 per cento, il più alto da novembre 2017” ha commentato Giulio Santaella, Presidente di Inegi, sul suo account Twitter.

L’indice dei prezzi core, che esclude dai suoi calcoli i prodotti con un’elevata volatilità dei prezzi, ha raggiunto il 4,92 percento su base annua, il livello più alto dalla seconda metà di novembre 2017, quando ha registrato il 4,95 percento.

dentro Prezzi del servizio Era del 3,41 per cento, mentre l’aumento dei prezzi delle merci è stato del 6,27 per cento.


Nel frattempo, il saldo non primario, che tiene conto dei prodotti che presentano elevate fluttuazioni nei loro prezzi, come ad esempio prodotti agricoli o carburante, all’8,86 per cento su base annua, il livello più alto dalla seconda metà di luglio, quando era stato fissato al 9,44 per cento.

READ  La carenza di chip continuerà fino alla metà del 2022.

Nel dettaglio, i prezzi dei prodotti agricoli hanno offerto una discrepanza del 10,01%, mentre i prezzi dell’energia e le tariffe approvate dal governo sono stati del 7,95%, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

D’altra parte, il Indice dei prezzi del paniere minimo di consumo Ha registrato un aumento semestrale dello 0,54 percento, ma ha registrato un aumento annuo del 6,71%.

Se confrontato direttamente con le ultime due settimane, il National Oil Institute ha registrato una contrazione dello 0,42%, il tasso più alto dalle prime due settimane di marzo 2021.

Quali prodotti sono aumentati di più di prezzo?

Tra questi ci sono i fagiolini (56,36%); Cile Serrano (57,13%); pomodoro (26,4%); carne di maiale (17,97%); gas domestico LP (17,61 per cento); Benzina ad alto numero di ottano (16,26%).

Al contrario, i prodotti che hanno portato alla deflazione dei loro prezzi sono stati i limoni (17,2 per cento), gli ananas (5,09 per cento) ei peperoni poblano (0,02 per cento).

Per stato, quelli che hanno registrato i maggiori aumenti di prezzo sono stati Morelos (0,81 per cento); Campeche (0,77 percento); Nayarit (0,67 percento) e Yucatan (0,62 per cento).