Ottobre 21, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ha annunciato che 136 paesi hanno raggiunto un accordo per imporre una tassa del 15% alle multinazionali

Foto d'archivio del segretario generale dell'OCSE Matthias Kormann (Foto: Reuters)
Foto d’archivio del segretario generale dell’OCSE Matthias Kormann (foto: Reuters)

Il L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) ha annunciato venerdì che è stato raggiunto un accordo su un’imposta sulle società mondiale del 15% per le società multinazionali a partire dal 2023.che ha ricevuto il sostegno di 136 paesi.

“Il accordo storico Ridistribuirà oltre 125 miliardi di dollari di profitti ai paesi di tutto il mondo da circa 100 delle multinazionali più grandi e redditizie del mondo, Chi pagherà la sua giusta quota di tasse?si legge in una dichiarazione dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

Nella fase finale dei negoziati, L’iniziativa è stata sostenuta da paesi riluttanti come l’IrlandaEstonia e Ungheria. Solo quattro delle 140 giurisdizioni coinvolte alla fine non si sono conformate: Kenya, Nigeria, Pakistan e Sri Lanka.

Il Segretario Generale di questa organizzazione con sede a Parigi, Matthias Kormann, ha celebrato che “tutti i paesi del G20”, “tutta l’Unione Europea” e “tutti i paesi dell’OCSE” hanno dato il loro consenso a questa aliquota fiscale, che sarà presentato a fine mese durante il vertice del G20 a Roma.

Il PIL del G7 era dello 0,7% al di sotto del livello pre-crisi a metà anno (Foto: EFE)
Il PIL del G7 era dello 0,7% al di sotto del livello pre-crisi a metà anno (Foto: EFE)

“che è Un accordo ambizioso che assicura che il nostro sistema fiscale internazionale si adatta alla realtà dell’economia digitale e globalizzata di oggi”, ha aggiunto nella nota di Corman, che ha descritto come un Una “grande vittoria” e ha chiesto di “muoversi rapidamente” per attuarla.

Il Presidente della Commissione Europea (CE), Ursula von der Leyen ha anche accolto con favore l’accordo raggiunto su un nuovo quadro fiscale globale per le società multinazionali, che ha descritto come un “importante passo avanti” e una “questione fondamentale di equità”.

READ  Israele ha presentato un piano di "economia per la sicurezza" per fermare la violenza del movimento terrorista Hamas

Accolgo con favore l’accordo odierno sulla riforma fiscale globale. È un momento storico. È un grande passo avanti per rendere il nostro sistema fiscale globale più equoLo afferma Von der Leyen in un comunicato diffuso dalla Commissione europea.

La politica tedesca lo ha affermato Richiedere alle grandi società di pagare la giusta quantità di tasse non è solo una questione di finanza pubblica. E, ha aggiunto, è soprattutto una questione di fondamentale equità». In questo senso, ha spiegato l’amministratore delegato della Comunità, Perché “vogliamo una società in cui ci siano regole per tutti e tutte le aziende debbano pagare la loro giusta quota”.

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen (Foto: EFE)
La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen (Foto: EFE)

La procedura è costruita attorno a due pilastri: un’imposta societaria minima del 15% per quelle aziende che fatturano più di $ 867 milioni e uno standard in modo che il reddito che le grandi aziende pagano vada ai paesi in cui ottengono i loro benefici e non dove hanno sede.

Quest’ultima azione verrà applicata a Società multinazionali con vendite globali superiori a $ 23.000 milioni E da redditività superiore al 10%, Definire la dichiarazione.

Arrivo a gennaio Come Joe Biden alla Casa Bianca, una spinta alla riforma globale, che si è concretizzato nel primo accordo di luglio, che afferma, con diverse strategie fiscali, ha finito di delineare venerdì.

Questo accordo sarà discusso in un vertice G20 a Roma, 30-31 ottobre, dove si valuteranno i prossimi passi per l’attuazione dell’accordo a partire dal 2023.

(con informazioni dall’AFP e dall’EFE)

Continuare a leggere: