Ottobre 21, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Marcos Alonso: “In Spagna mi conoscono meno che in Italia o in Inghilterra” | Gli sport

quando Louis Enrique Catturato la squadra nazionale dopo la Coppa del Mondo 2018. Marcos Alonso (Madrid, 30 anni) ha partecipato ai primi due bandi di settembre e ottobre. Julen Lopetegui ha esordito in amichevole contro l’Argentina sei mesi fa (6-1) e ha esordito nella prima edizione della Nations League contro l’Inghilterra a Wembley (1-2) nell’esordio del tecnico asturiano. Un mese dopo, gli inglesi, guidati da Harry Kane, dominano il Siviglia (2-3) e Alonso scompare dalla selezione. Crea nipote e figlio di famosi calciatori (Marquitos e Marcos) Una storia storica, perché i tre siano internazionali, E campione dell’ultima Champions League con il Chelsea, dove ha conquistato la fiducia di Thomas Toussaint, mercoledì a San Siro, dove è ricomparso a livello internazionale con una prestazione eccezionale.

Domanda. Tre anni dopo, Eri d’accordo con te stesso Avevo poche speranze di tornare. Ti senti laureato in Nazionale contro l’Italia?

Risposta. Non so, soprattutto, a poco a poco mi conoscono in Spagna. Ho avuto una carriera all’estero, la gente guarda il campionato più che la Premier, sarebbe stato fantastico, ma so quali sono le mie capacità e cosa faccio da anni.

B. Ti senti meno riconosciuto?

R. No, mi sono sentito riconosciuto e amato da tutte le squadre. In Spagna mi conoscono meno, meno che in Italia o in Inghilterra.

B. I giocatori internazionali che giocano fuori per grandi club sentono questa ignoranza?

R. Sì Al, mi sembra una merda, sembra che neanche BT faccia per me.

B. Eri tu stesso inutile?

R. Al contrario, ho avuto momenti difficili in cui non era facile rinunciare a tutto e di più. Per questo, prima o poi, riuscii a dimostrare quello che ero. Mi sono infortunato e a 19 anni ero nel Bolton, una squadra che non praticava il gioco d’attacco a cui ero abituato al Real Madrid, l’ho fatto bene e sono andato alla Fiorentina. Lì era davanti al capitano e dalla parte della squadra italiana [Pasqual] Grande squadra [Vargas] Ho finito di giocare. Ivanovich era con me al Chelsea Questa è già la mia sesta stagione. Non c’è bisogno da me, no.

READ  Melissa Binny fa parte del Tribunale Arbitrale World Beauty Italy

B. Fa un po’ di rumore?

R. Il posto dove posso fare rumore è il campo, ho sempre fatto del mio meglio. Alla fine ogni allenatore ha un’opinione, chi gli piace e, nel caso dell’allenatore, devi rispettarla.

B. Eri nelle prime due liste di Louis Enrique e hai smesso di chiamare. Chiedersi perché?

R. No, la verità è che per molto tempo ho preso la nazionale come premio e alla fine ho giocato per il mio club e ho cercato di fare quello che potevo. Se poi ho la fortuna di venire in nazionale, lo prendo come una ricompensa per il lavoro.

B. I giornali hanno generalmente analizzato la sua assenza per tre anni nella partita (tre) di Siviglia vinta dall’Inghilterra. Dopo quella sconfitta tu e Nacho siete scomparsi dalla nazionale. Difensivamente non ha convinto l’allenatore?

R. Non so cosa dire, l’allenatore lo sa. La nazionale ha i migliori giocatori e la concorrenza è alta.

B. La partita in cui ti sei sentito più a tuo agio in Nazionale contro l’Italia?

R. Sì, contro l’Italia a San Siro, dopo 37 partite, senza perdere quello che avevano ed è stata la miglior partita da campioni d’Europa. Questa è una grande opportunità per dimostrare che siamo una grande squadra. Avevo il desiderio di dare gli ultimi ritocchi alla partita con l’opportunità che ho avuto.

B. Fin dall’inizio sembrava molto rilassato …

R. Tutto sarà un po’ più facile con questi giocatori.

B. Hai finito la tesi che non puoi giocare nelle quattro linee di difesa?

R. Beh, è… sono il migliore dei quattro di fila questa settimana, vediamo cosa succede dopo, è così. Tutto dipende dall’ultima partita.

READ  La giustizia in Italia dice "basta" e chiede di conoscere la salute di Silvio Berlusconi

B. Ma hai già giocato molto in quattro file.

R. Soprattutto a Madrid, non ho giocato in quinta linea fino a quando non sono andato in Italia. La cosa più strana di me in quel momento era giocare nella difesa di cinque persone. Alla fine ci si fa l’abitudine, ma è vero che passare da un giorno all’altro non è così facile perché ci si abitua ad altre cose dopo aver passato troppo tempo a giocare in un modo.

B. Sei migliorato in fase difensiva nel corso degli anni?

R. Indubbiamente, non dirò che ho imparato a difendere in questi tre anni che non sono venuto in nazionale. Quando ho lasciato Madrid, eravamo abituati a difendere la cosa giusta, ma al Bolton, in Italia, al Chelsea, dove ho allenato tanto tattica, e con un allenatore italiano come Conte, stavo avanzando sotto tutti gli aspetti. Ho lavorato molto e con l’aiuto di allenatori e membri del team. Giocando, impari.

B. Tuchel gli chiede di più in difesa o in attacco?

R. Rispetto a Conte che ha giocato con i cinque sistemi, abbiamo più libertà di venire e un po’ meno responsabilità difensive, ma dipende dal concorrente e dal gioco.

B. Sei stato benedetto dall’arrivo di Tussauds?

R. La verità è che sì, il tempo era di nuovo complicato. Qualcosa che succede a tutti i calciatori ad un certo punto della loro vita è che hai un allenatore che non si fida di te o che tu non vuoi. Ma ho sempre cercato di fare quello che potevo, e in quel momento ero pronto ad aiutare la squadra anche quando giocavo con Lampard.

READ  Keane sostituisce l'infortunato immobile nella lista dell'Italia

B. Come è avvenuto il lancio di truffe?

R. Ho sempre voluto restare dopo l’allenamento, commetto errori in giovane età e mi piace.

B. Hai comprato qualcosa da tuo padre?

R. Credo a tutto, se devo dire una nota lui è dentro e fuori dal campo. Lui e la mia famiglia hanno preso delle decisioni insieme e sono fortunato ad aver fatto quell’esperienza a casa.

B. Quell’esperienza deriva da una storia molto lunga..

R. Sì, mio ​​padre ha avuto quella fortuna con mio nonno.

B. Suo padre, che era serio, era molto arrabbiato con le guardie. stai tranquillo?

R. Sono altre volte, non VAR, hanno effettivamente dato, ci saranno ragioni per loro. Puoi vedere cosa hanno segnato nei video. Non puoi incollare oggi come allora. Aveva molto temperamento, io ero un po’ giù, ma dipende dal momento.

B. Era all’inizio della prima fase di Louis Enrique e lo è ora. L’idea del gioco è cambiata qualcosa?

R. No, la partita contro l’Italia è un esempio di come questa squadra ha sempre giocato. Questo è uno stile molto comodo per i giocatori che abbiamo.

Puoi seguire i campi EL PAÍS in Facebook e Twitter, Oppure registrati qui per ricevere La nostra newsletter settimanale.