Settembre 22, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Mario Orozco, ex giocatore del Chivas e preparatore atletico per JJ Macías

Guadalajara /

Il 2020 è stato un anno da incubo per Mario Orozco: rimasto fuori chivasL’epidemia è arrivata e come se non bastasse ha avuto un problema al ginocchio. Di fronte a questa situazione, ha dovuto reinventarsi e ha trovato una valvola di sfogo in allenamento. Questo ha completamente cambiato la sua vita, in quanto lo ha portato a entrare Exathlon Messico.

Tuttavia, prima di entrare nel programma, ha iniziato a lavorare come istruttore di fitness Uno dei suoi primi compiti è stato quello di fare l’ultima parte della preparazione Jose Juan Macías Prima della sua partenza per Getafe in Spagna.

“È stato un ruolo molto importante nella mia vita. Mi sono rotto il ginocchio, è arrivata la pestilenza, sono rimasto senza contratto al Chivas e l’unica squadra che ha continuato a pagarmi tutto l’anno era l’Albrigis, gli sono stato molto grato. È arrivata la pandemia. , e ho detto ‘Ora cosa farò?’, così ho iniziato ad allenarmi; molti dei miei compagni di squadra mi dicevano che stavo meglio di quando giocavo”, ricorda in un’intervista a Mediotempo“Nei miei allenamenti ho avuto diversi atleti della prima squadra di cui sono stato allenatore prima di andare all’Exatlon.

Il lupo come è noto L’ex Chivas Bulletin, ha lavorato con JJ Macías, Carlos Cisneros e Miguel Ponce, essendo uno degli elementi con cui ha condiviso una squadra nelle categorie inferiori, oltre al suo caro amico, Angelo Zaldivar.

“Stavo anche lavorando con Jose Juan Macías, Miguel Ponce, con Cisneros, che conoscevo perché ho avuto tempo con loro quando ero con Cardoso, anche nelle stagioni passate, ma l’ultima volta che sono stato con Cardoso. Sapevano che ero rimasto fuori. Ho iniziato a studiare corsi funzionali, farmacologia e integratori alimentariEd è stato allora che ho iniziato a incoraggiarmi a insegnare, che è venuto dopo exathlon Ora è qualcosa che voglio continuare a fare, ma è già in condizioni migliori”, ha aggiunto.

“Tutto era molto privato nelle loro case, privato, e molti di loro avevano una palestra nei loro condomini e noi usavamo quelle palestre, e tutto dipendeva dal lavoro che non veniva svolto al mattino con PF”, ha detto.

Orozco è nato a Colima, ed è venuto a cava di chivas, dove ha iniziato la sua carriera e nel 2014 ha esordito in Coppa MX; anche giocato in Coras de Tepic e Alebrijes di Oaxaca e El Zacatepec. Il suo miglior risultato è stato il titolo Ascenso MX con il Team Oaxacan nel 2019.

READ  Il colombiano Jorge Luis Pinto sarà scelto per guidare la nazionale del Guatemala - Diez

Era supportato da molti giocatori del Chivas

Ha fatto il suo passato a Chivas Mario Orozco Ha ricevuto il sostegno dei giocatori di Guadalajara come un suo grande amico, Angelo Zaldivare che lo ha incoraggiato durante il suo soggiorno a Exatlón.

“Sì, me ne sono andato (Exatlón) già quando mi hanno dato il mio cellulare, ho visto le loro storie che mi sostengono anche la loro figlia, con Angel, con (Carlos) Fierro, Choves (Lopez), ho un’ottima comunicazione, ho li conosco da quando ero molto giovane, e sono andato con loro, sono persone che apprezzo molto, con Orso Robin Gonzalez‘, ha sottolineato.

“El Chelo è una persona molto concentrata che non ha mai perso terreno dal suo debutto e molto prima, e saprà come gestire quella situazione, anche affrontando momenti difficili o crisi a Chivas a un certo punto.