Ottobre 21, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Ministero della Scienza in discussione: è il momento di crearlo? | Tecnica

di serie

Progetto fiducia

saperne di più

Il governo del presidente Pedro Castillo avanza la sua proposta per l’istituzione del ministero della Scienza, della tecnologia e dell’innovazione. Sembra che quella che era una delle sue principali promesse elettorali stia muovendo i primi passi con la formazione di una task force multisettoriale che preparerà un disegno di legge che creerà quello che sarebbe il ventesimo dossier ministeriale.

Aspetto: Le nuove regole di Concytec per gli scienziati: “Ora un ricercatore deve dimostrare di avere un’attività”

Mentre, La controversia è aumentata tra gli studiosi peruviani. È questo il momento di crearlo? Quali sono i potenziali vantaggi e svantaggi? Verrà creata più burocrazia o sarà semplificato il processo decisionale? Questi sono alcuni degli argomenti di discussione.

Al riguardo, il Comercio ha richiesto il parere del ricercatore peruviano Percy Maita Tristan, Scientific Editor e Direttore del Project Management e Research Promotion presso Southern Scientific University; Benjamin Martina, presidente del Consiglio nazionale per la scienza, la tecnologia e l’innovazione tecnologica (Concytec), attuale organo di governo; Modesto Montoya, consigliere scientifico della Presidenza. Ecco le loro posizioni:

“Le università sono principalmente ricercate”

Percy Mayta Tristan

Percy Maita Tristan, redattore scientifico e direttore del Project Management e della promozione della ricerca presso la Southern Scientific University.  (Foto: trasmissione)
Percy Maita Tristan, redattore scientifico e direttore del Project Management e della promozione della ricerca presso la Southern Scientific University. (Foto: trasmissione)

Mentre il ministero era una promessa nella campagna, La sua necessità non è condivisa all’unanimità dalla comunità scientifica. Ciò di cui la scienza ha bisogno nel paese è una maggiore disponibilità di budget che includa fondi per la ricerca, posti per ricercatori e programmi per formare e trattenere i medici. Ma il budget per la scienza, la tecnologia e l’innovazione per il 2022 non è aumentato, quindi è incoerente con il presunto interesse per la scienza.

C’è anche preoccupazione che di recente, nel governo del presidente Sagaste, siano state apportate diverse modifiche al sistema nazionale per la scienza, la tecnologia e l’innovazione che sono ancora in fase di attuazione. L’incertezza sulla creazione del ministero rallenterà i progetti di Concytec, ProCiencia (ex Fondecyt) e ProInnovate (Ex Innovate).

D’altra parte, la ricerca viene condotta principalmente nelle università, che non sono state considerate nella commissione. [qrupo de trabajo multisectorial formado por la PCM]Così come l’Accademia Nazionale delle Scienze o il settore privato.

“Con un ministero e senza grandi investimenti possiamo aumentare la produzione scientifica e tecnologica”

Modesto Montoya

Presidente dell'Istituto peruviano di energia nucleare (IPEN) e consigliere presidenziale per gli affari scientifici.  (Foto: Hugo Perez/El Comercio)
Presidente dell’Istituto peruviano di energia nucleare (IPEN) e consigliere presidenziale per gli affari scientifici. (Foto: Hugo Perez/El Comercio)

Oggi la ricchezza dei paesi è nei loro prodotti tecnologici. Non sono più soli nelle risorse naturali. Pertanto, la gestione della scienza, della tecnologia e dell’innovazione è richiesta dai livelli più alti della struttura statale.

Ricordiamo che la prima cosa che è stata creata dopo l’indipendenza del Perù è stata il Ministero della Guerra e della Marina e il Ministero delle Relazioni Estere. Questo perché la priorità era il consolidamento dell’indipendenza. Oggi, Priorità per i paesi nella generazione di prodotti tecnologici Per affrontare le sfide del 21° secolo, come la sfida posta dalla pandemia di COVID-19.

L’attuale competizione tra i paesi è per il talento scientifico e tecnologico. In assenza di una politica ai massimi livelli, il Perù ha perso molti talenti. Il numero di scienziati per milione di abitanti è un decimo di quello del Cile, per esempio.

[Con el ministerio] Si tratta di semplificare la burocrazia. Alzando il livello di Concytec a livello ministeriale, per avere più autorevolezza per incontrarsi davanti alle aziende private, alla stampa e alle organizzazioni sociali in genere. Inoltre, i processi saranno accelerati, nella misura in cui sarà possibile interagire meglio con i diversi stati della struttura statale.

D’altra parte, l’attuale burocrazia potrebbe non essere efficiente, a causa della mancanza di un organo di governo con una gerarchia più alta rispetto al Concytec. I fondi settoriali sono vari, sparsi e quasi non presidiati. Incorporare questi fondi renderà la loro gestione più efficiente.

Anche gli istituti di ricerca pubblici sono divisi e disgiunti, il che si riflette nel declino della loro produzione scientifica e tecnologica.

La nostra esperienza negli istituti, nelle università e in Concytec ci ha portato alla conclusione che con un ministero, e senza grandi investimenti, possiamo aumentare la produzione scientifica e tecnologica. Questo è chiamato ottimizzazione nell’uso delle risorse.

“Ministero [de Ciencia] Non ne gestirò quasi nessuno”*

Benjamin Martina

Benjamín Marticorena Castillo è un fisico dell'Università Nazionale di Ingegneria e attuale presidente di Concytec.  (Foto: PUCP)
Benjamín Marticorena Castillo è un fisico dell’Università Nazionale di Ingegneria e attuale presidente di Concytec. (Foto: PUCP)

La creazione di un ministero ha due inconvenienti molto gravi: da un lato, i paesi che hanno creato un ministero lo hanno fatto quando la ricerca era già molto cresciuta, quando l’investimento statale nella ricerca era già grande e Questo non succede in Perù; Il Ministero, quindi, gestirà ciò che è quasi inesistente, e sarà un ente molto più burocratico di quanto non convenga. La verità nel paese è che c’è una ricerca di alta qualità, ma si tratta di piccoli gruppi perché lo stato e la società non vi hanno prestato attenzione. Siamo secondi solo agli ultimi in termini di investimenti in America Latina.

Lo scopo di mettere le cose a livello decisionale [con el nuevo sistema nacional de CTI] È anche per standardizzare la gestione delle risorse, in modo che quei 26 fondi esistenti, di cui quattro o cinque molto importanti, siano gestiti in maniera unificata, e non come adesso dove ognuno investe in ciò che ritiene opportuno. Questo uso inefficiente delle risorse è anche parte delle ragioni di questa legge.

L’altro motivo per cui un ministero non sembra rilevante in questo momento è che in un paese, in una società, dove si capisce poco dell’importanza della scienza, ciò che accadrà è che se viene creato un ministero, tutti gli altri ministeri diranno , quando si parla di CTI, “Questo va al Ministero”, quando in realtà si tratta che lo fanno tutti e che c’è un ente che dirige questo compito. Se lasciamo che un solo ministero si occupi di tutto, diventerà non solo burocratico, ma di portata molto ridotta. Riguarda tutte le attività produttive ei servizi pubblici che sono sviluppati da tutti i settori. Questo è ciò che dovrebbe generare il consiglio di amministrazione.

* Tratto da A intervistare Presentato dall’autore a Benjamín Marticorena in relazione al nuovo sistema STI.

Video consigliato

Elmer Huerta spiega il futuro dell'epidemia
Assicura che continuerà fino al 2022.

Potrebbe interessarti:

Seguici su Twitter:

READ  Tapis roulant, tapis roulant o bici, quale brucia più calorie?