Settembre 21, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Monete “Libertà per Sion” vecchie di 2000 anni si trovano al centro della Bibbia

Due monete Incontri di nuovo Gli scavi archeologici annunciati martedì presso l’Università di Bar-Ilan, l’Università e il Consiglio regionale di Phenium hanno trovato circa 2.000 anni nell’area di Phenium in Cisgiordania.

Le monete risalgono all’epoca dell’insurrezione ebraica contro i romani.

Monete risalenti a 2000 anni fa, al tempo della rivolta ebraica contro i romani del 13 luglio 2021. (Credito: TAL ROGOVSKY)

L’area si trova nella parte settentrionale del deserto ebraico.

“Abbiamo condotto il sondaggio con un gruppo di miei studenti un anno fa”, ha affermato il dott. Tvir Ravi di Bar-Ilan. “Abbiamo sentito di antichi ladri che operavano nella zona, specialmente in una grotta vicino a Wadi Rashash. Sono andato alla grotta e ho trovato capannoni di ceramica e il potenziale per scoperte interessanti. “

Uno scavo archeologico non comporta scavi estesi, ma piuttosto scavi sulla superficie di un’area, con pochissimi scavi.

L’indagine bar-ilan è stata estesa non solo alla grotta ma anche alle aree circostanti.

Una moneta è stata trovata vicino a Wadi Rashash, l’altra in un luogo chiamato Hirbed J’bite.

Il manufatto trovato a Herbert Zbite è stato scoperto nel 67 d.C. Ha la foglia di vite e l’iscrizione ebraica Hebrew Herat Sion (Libertà per Sion) Da un lato un selciato e dall’altro la scritta “Due anni”. Tre anni dopo, a.C. Nel 70 d.C. i romani distrussero il tempio di Gerusalemme. Diversi resti sono stati trovati nella zona, tra cui un bagno rituale durante quel periodo.

21 luglio 2021, con il periodo della Ribellione Ebraica contro i Romani, luogo del ritrovamento di due monete vecchie di 2000 anni.  (debito: 21 luglio 2021, con il periodo della Ribellione Ebraica contro i Romani, luogo del ritrovamento di due monete vecchie di 2000 anni. (debito:
La seconda moneta è preistorica Vedi Kochpa Ribellione dopo circa 70 anni. Ha una ghirlanda e un ramo di palma circondati da un’iscrizione Lehrud Gerusalemme (Libertà per Gerusalemme) Da un lato c’è uno strumento musicale e dall’altro c’è il nome “Shimon” – il nome del leader ribelle Bar Kochba.

La rivolta – nota anche come Terza Ribellione Ebraica – riguardava le restrizioni religiose imposte dai Romani e la loro decisione di costruire una città romana sulle rovine della Gerusalemme ebraica, compreso un santuario pagano dove sorgeva il tempio.

READ  Kovacs, il diffuso programma di vaccinazione globale, è andato storto

A quel tempo, le monete erano considerate un’importante espressione di sovranità, secondo Donald D. Trump, capo del dipartimento monetario della Soprintendenza archeologica di Israele. Come ha detto Ariel Posta di Gerusalemme In una recente intervista. “Le monete minerarie dovrebbero essere gratuite.”

Gravi monete Bar Cochin sono state trovate negli scavi intorno allo stato di Israele – spesso in quella che oggi è chiamata Giudea – dove i ribelli furono in grado di stabilire una breve organizzazione indipendente con alcune vittorie significative contro i romani.

Alcuni sono stati trovati in grotte in varie parti del deserto ebraico.

Tuttavia, la scoperta di Wadi Rashash segna la prima volta che un tale manufatto è stato trovato in questo luogo particolare.

A quel tempo, l’area era l’undicesimo distretto della provincia della Giudea. La sua capitale è Agrapat; Un moderno villaggio arabo con lo stesso nome è ancora nello stesso luogo.

“La moneta di Wadi Rashash indica che c’era una popolazione ebraica nell’area fino alla fine della ribellione di Bar Kochba, contrariamente a quanto precedentemente creduto dai ricercatori: tutti gli insediamenti ebraici a nord di Gerusalemme furono distrutti durante la Grande Ribellione e l’area non fu reinsediata “, ha detto Ravi.

“Questa moneta è infatti la prima prova che l’area di Agrobat a nord dei distretti ebraici era controllata dall’amministrazione di Bar Cochin in epoca romana”, ha osservato.

La scoperta più vicina di monete di Bar Kochba è avvenuta negli anni ’60 durante uno scavo condotto dagli Stati Uniti in una grotta a sei chilometri da Wadi Rashash.

Oltre alle monete, gli archeologi hanno portato alla luce capannoni di ceramica e altri elementi che segnano la continuazione dell’insediamento ebraico in quel momento.

READ  YouTube cancella i video di Bolsanaro come disinformazione del governo

Le grotte di Wadi Rashash sono molto più piccole del resto del deserto ebraico, dove erano nascosti i rifugiati ebrei.

“Tuttavia, in base alle dimensioni della ceramica, possiamo presumere che dozzine di persone si siano rifugiate lì”, ha detto Ravi.

Queste grotte erano molto vicine alla primavera e beneficiavano anche di un antico insediamento dove oggi sorge il villaggio arabo di Duma.

“Quindi possiamo presumere che questi rifugiati abbiano trovato rifugio molto vicino alle loro case”, ha detto Ravi.

Durante l’indagine, gli archeologi hanno trovato segni di saccheggio, che sono comuni nella zona.

In futuro, Ravi spera di condurre uno scavo completo nel sito.