Settembre 23, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Olimpionico bielorusso in Polonia dopo aver cercato l’assistenza della polizia all’aeroporto di Tokyo

Kristina Simanuskaya è stata rimandata a casa dalla velocista olimpica bielorussa Tokyo Dopo aver criticato i suoi allenatori, ha cercato rifugio presso la polizia giapponese all’aeroporto e si è rifugiato in Polonia.

Simanuskaya, 24 anni, ha detto Reuters Giovedì, sulla strada per l’aeroporto con i suoi pullman, sua nonna lo ha contattato e gli ha detto di non tornare in Bielorussia per paura che sarebbe stato mandato in un’unità psichiatrica.

I diritti di trasmissione degli atleti olimpici, il CIO afferma che il video dei giochi non può essere rilasciato

“La nonna mi ha chiamato quando mi stavano già portando all’aeroporto”, ha detto. “In realtà, avevo circa 10 secondi. Mi ha chiamato e mi ha detto: ‘Per favore, non tornare in Bielorussia, non è sicuro.’

“Ecco, l’ha tagliata”, ha aggiunto. “Voglio tornare in Bielorussia. Amo il mio Paese. Non l’ho tradito, spero di poter tornare”.

Shimanuskaya ha accusato la sua squadra olimpica di cercare di allontanarsi dal Giappone in una polemica che ha portato a scontri domenica 1 agosto nel principale aeroporto di Tokyo. (Foto di AB / Martin Meissner)

Dopo aver pubblicato un messaggio sui social media in cui criticava il modo in cui viene gestita la sua squadra, Simanuskaya ha detto che gli è stato detto di fare le valigie. I funzionari della squadra le hanno detto che era ferita e che doveva tornare a casa il prima possibile.

“… L’allenatore è venuto da me con un rappresentante della squadra e mi hanno detto che avevano deciso di mandarmi a casa. Non siamo noi a prendere le decisioni. Lo eseguiamo. Hai 40 minuti. Devi fare le valigie e andare a l’aeroporto.”

READ  Re di Giordania: "mi sono emozionato molto" dopo aver incontrato Bennett di Kantant

Fai clic qui per ulteriori pacchetti di giochi su FOXNEWS.COM

Secondo l’Associated Press, Simanuskaya si è avvicinato alla polizia aeroportuale e ha detto di aver usato il suo telefono per tradurre una richiesta di aiuto.

“Non si aspettavano che mi rivolgessi alla polizia all’aeroporto. Pensano che abbiamo paura di agire, abbiamo paura di parlare, abbiamo paura di dire la verità al mondo intero. Ma io non ho paura”, ha detto Reuters.

“Non sono una di quelle persone che hanno paura. Rimango sempre fedele a me stesso. Rispetto me stesso. Rispetto il mio lavoro. E gli altri devono rispettare se stessi, rispettare il loro lavoro, smettere di avere paura e iniziare a parlare apertamente di ciò che preoccuparci.”

Simanuskaya non ha criticato pubblicamente il presidente bielorusso Alexander Lukashenko, che ha governato per un sesto mandato l’anno scorso, ma le critiche ai suoi allenatori sarebbero più interessanti per Lukashenko, che in precedenza ha guidato le Olimpiadi nazionali bielorusse. Ha ceduto il ruolo a suo figlio a febbraio.

Clicca qui per ricevere Fox News Up

“Sono sempre stato molto lontano dalla politica. Non ho firmato alcuna lettera né sono andato a nessuna protesta. Non ho detto nulla contro il governo bielorusso”, ha detto. “Cerco di non fare altro che fare una partita nella mia vita. Cerco il più possibile di non distrarmi in politica”.

Simanuskaya è ora in Polonia, dove gli è stato concesso un visto umanitario. Spera di tornare un giorno in Bielorussia, dove vive la sua famiglia.

L’Associated Press ha contribuito a questo rapporto.