Settembre 22, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

[Opinión] – Eduardo Carrasco Henriquez – Il diritto umano alla scienza e la riduzione del sostegno statale

Postato più di recente:

Nell’ambito delle discussioni sulla nuova costituzione, che sembrano dettare le norme necessarie, è opportuno discutere aspetti che, sebbene spesso dichiarati rilevanti, quando si tratta di politiche pubbliche, sono di bassa priorità.

L’attuale pandemia ci ha mostrato l’importanza della scienza nell’affrontare le sfide sanitarie. Una scienza sempre deferita all’ordine pubblico e un concetto confinato allo spazio universitario. Quello che sembra essere sempre stato nel Paese, ha un precedente contraddittorio. È stato il Cile che molto tempo fa ha guidato la costituzione del diritto di esercitare la scienza, come diritto umano, raggruppato sotto i diritti economici, sociali e culturali della Carta dei diritti umani delle Nazioni Unite.

La leadership del Cile nella politica estera è incarnata nei tempi della costruzione della Carta dei diritti umani nell’amministrazione del sig. Partecipa liberamente alla vita culturale della comunità, goditi le arti e Partecipazione al progresso scientifico e i benefici che ne derivano.

L’audacia è mia e si riferisce alla lotta che ha fatto il nostro Ambasciatore per considerare che anche i paesi sottosviluppati potranno contribuire alla scienza. Il significato di questo articolo risiede nella differenza fondamentale tra condividere i benefici della scienza e partecipare ai suoi progressi.

L’importanza e la differenza tra condividere o sviluppare benefici possono essere apprezzate in questi tempi di pandemia. Il nostro Paese, e in particolare questo governo, ha avuto una spinta importante a condividere i benefici e non il loro sviluppo. Gli sforzi del governo sembrano concentrarsi nel renderci i primi clienti. Quando all’ex ministro della Salute Jaime Manjalić è stato chiesto della possibilità di sviluppare antivirali, la sua risposta è stata chiara: “Ascolteremo una serie di fantasie e offerte, aziende e soluzioni” (3/3/2020).

READ  La Galizia si rammarica del ritardo nell'istituzione della medicina d'urgenza

Da parte sua, il Presidente mostra con orgoglio il lavoro che ci ha messo al primo posto per il vaccino: primi nella fila della spesa. A questo si aggiunge il caso degli scienziati dell’Università di Talca che sviluppano un metodo di qualità per rilevare il Covid-19. Durante il suo sviluppo, hanno notato, sono stati contattati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità attraverso gli uffici di Argentina e Perù, per lavorare con quei paesi per valutare i campioni e verificare il loro metodo.

Un traguardo riconosciuto dal nostro governo, solo quando Nature lo pubblica. In breve, il nostro governo è riuscito a metterci al primo posto nella lista degli acquirenti e per il mondo i nostri creatori sono stati più facilmente raggiungibili dai governi al di fuori dei nostri confini, il che è un estremo del fatto che non sono profeti nella loro stessa terra.

Infine, uno dei colpi più potenti a cui possiamo pensare è stata una violazione, o almeno un’omissione, della responsabilità del governo di difendere il diritto umano alla scienza per i suoi cittadini, la sospensione delle borse di studio del Cile e la mancata estensione. Tra coloro che sono stati tenuti prigionieri da questa pandemia, affinché i nostri migliori laureandi e laureati possano sviluppare la loro capacità di partecipare allo sviluppo della scienza, ritagliarsi gli sforzi che hanno fatto per raggiungere le frontiere delle loro discipline e per essere attori centrali nella scienza delle costruzioni.

Per loro è una violazione dei loro diritti umani che interrompe i percorsi di vita. È chiaro che dal punto di vista economico, e dal punto di vista speculativo della nostra economia, è meglio assicurarsi accordi per condividere i benefici, almeno per chi può pagarli, piuttosto che impegnarsi per far sì che tutti I cileni, se vogliono, possono partecipare al suo sviluppo. Questo è pericoloso, soprattutto di questi tempi, quando non è stato il mercato a salvarci, ma gli scienziati.

READ  Aranzadi scopre la struttura del forno delle terme romane ad Arce

Il nostro governo ha lasciato l’apparenza di uno statista che significa far rispettare il diritto di tutti i paesi affinché i loro cittadini possano costruire la scienza e ignorando l’impegno assunto da Miquel Manssidore, Comitato per i diritti economici, sociali e culturali, Nazioni Unite in Svizzera, (2017), promuovere la partecipazione alla creatività scientifica, allo sviluppo delle politiche scientifiche, alla responsabilità nella gestione del rischio, alle libertà e responsabilità di coloro che praticano la scienza, tra gli altri aspetti.

Questo non è solo un aspetto ideale, ma è reso operativo nel Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali, che richiede agli Stati di adottare misure di conservazione, Sviluppo e diffusione della scienza e della cultura (art. 15, 2). Così come il rispetto della libertà indispensabile alla ricerca scientifica (artt. 15 e 3), nonché “la promozione e lo sviluppo della cooperazione e delle relazioni internazionali in campo scientifico” (artt. 15 e 4). Quest’ultimo si ottiene non firmando prima un accordo per l’acquisto del vaccino o acquistando il nuovo strumento scientifico a un prezzo più conveniente, ma anticipando lo sviluppo della propria creatività.

Insomma, la decisione di sospendere tutte le borse di studio per lo sviluppo di studi post-laurea all’estero, ridurre i budget del Ministero della Scienza per sostenere la creatività scientifica e annunciare la riduzione del contributo diretto alle università statali, non costituisce altro che cecità nei confronti del ruolo. La scienza nello sviluppo del Paese, ma in palese violazione dei diritti umani 27: il diritto a partecipare allo sviluppo scientifico.

Quindi, quando si discute della nuova costituzione, diventa importante come rispondere al ruolo che lo sviluppo scientifico gioca nella costruzione della nazione.

READ  Il medico che ha il compito di ricostruire la colonna vertebrale