Menu
In Aspromonte
Nel Parco dell’Aspromonte vive una delle querce più vecchie del mondo

Nel Parco dell’Aspromonte vive…

Una Quercia di oltre 5...

Ente Parco. Il Consiglio Direttivo ha approvato il bilancio previsionale per il 2020

Ente Parco. Il Consiglio Diret…

Il Consiglio Direttivo...

Domenica a Sant’Agata “immagini d’autunno” e il cortometraggio “Tibi e Tascia”

Domenica a Sant’Agata “immagin…

Nella stessa piazzetta...

Moleti in festa per piccini e grandi

Moleti in festa per piccini e …

Si è svolta domenica 4...

Torna il “Parkbus”, dal Museo in Aspromonte con le Guide Ufficiali del Parco

Torna il “Parkbus”, dal Museo …

Anche nella stagione e...

Parco dell’Aspromonte, il 21 luglio la Giornata dell’Amicizia con escursione “speciale”

Parco dell’Aspromonte, il 21 l…

Tutti insieme in cammi...

A Sant’Eufemia d’Aspromonte celebrata la sesta edizione della Giornata della Riconoscenza

A Sant’Eufemia d’Aspromonte ce…

«L’esempio quotidiano ...

Ente Parco. Rondoni e divertimento: il 23 giugno torna il Festival in Aspromonte

Ente Parco. Rondoni e divertim…

È ormai diventata una ...

“In Cammino nel Parco”: domenica prima escursione a Zervò. Aperte le iscrizioni

“In Cammino nel Parco”: domeni…

Tra i piani di Zervò e...

Domenica 23, l’escursione di Gente in Aspromonte sulla cima dell’Aspromonte

Domenica 23, l’escursione di G…

Gente in Aspromonte in...

Prev Next

Alpinismo. Il limite del rischio e il valore della rinuncia

  •   Redazione
Alpinismo. Il limite del rischio e il valore della rinuncia

di Michele della Palma* - Rischiare significa essere sprovveduti o, peggio, incoscienti?
Senza l'accettazione del rischio di "saltare nel vuoto" saremmo ancora degli ominidi che cercano di sopravvivere catturando scarafaggi tra i sassi. Questo è lapalissiano. 
Ben diversa è la valutazione del rischio. E faccio un esempio, uno per tutti, che però vale per i superamenti dei limiti che hanno saputo realizzare personaggi come Bonatti e Manolo (di cui conosco le dinamiche di pensiero per conoscenza diretta e non per sentito dire) o di Messner e infiniti altri, da De Gayardon per arrivare a Cristoforo Colombo. 
Userò l'esempio di Alex Honnold. La salita free solo (senza corda nè alcun supporto tecnico di protezione) di Alex Honnold su El Capitan è oltre i limiti dell'arrampicata attuale. 
Alcuni sono arrivati ad affermare che, se qualcosa fosse andato storto, invece di entrare nella leggenda l'arrampicatore americano sarebbe passato per l'ennesimo scriteriato che mette in gioco assurdamente la propria vita. 
QUESTA AFFERMAZIONE, COME TANTE CHE SI LEGGONO A COMMENTO DEI POST CHE HO PUBBLICATO IN QUESTI GIORNI, E' STUPIDA OLTRE CHE PRIVA DI SENSO. 
Honnold rappresenta la "perfezione" e la meticolosità nell'allenamento psichico e fisico, ha salito infinite volte quella via con corda e protezioni classiche, ha imparato a conoscere ogni centimetro di quella immensa parete di granito, ha provato infinite volte ogni passaggio con certosina pazienza e determinazione e, alla fine, si è convinto che poteva salire "Freerider", 1000 metri di difficoltà 7c continuo, senza il supporto fisico e psicologico delle protezioni.

Naturalmente sappiamo tutti che la fatalità è sempre in agguato: un crampo improvviso, la caduta di un sasso, o qualunque altra evenienza avrebbero potuto trasformare quell'impresa in tragedia, ma dal punto di vista tecnico credo che Honnold sia riuscito a ridurre l'indice di rischio molto sotto la soglia delle sue possibilità. 

Perciò, in ogni caso, si può e si deve considerarlo come uno che ha superato, tecnicamente, un limite considerato insuperabile. 
Ma quante volte, lo stesso Honnold, avrà rinunciato a quella salita reputando che in quel momento non c'erano le giuste condizioni? 
O pensate che sia arrivato per caso, un giorno, sotto El Capitan, l'abbia guardato e MAGARI DOPO ESSERSI FATTO UNA CANNA si sia detto: adesso lo scalo senza corda e senza niente e sia partito allo sbaraglio?

Il superamento dei limiti di Honnold, come di Manolo, Messner e infiniti altri, compreso Cristoforo Colombo, è la pura sintesi delle loro abilità messe infinite volte alla prova al fine, ultimo, di ridurre il più possibile e comunque sotto una soglia accettabile il limite del rischio. 
Pensando che gente come Manolo, Messner e Cristoforo Colombo abbiano raggiunto dei risultati epocali buttandosi allo sbaraglio gli date, implicitamente, degli stupidi che hanno avuto fortuna. 
La fortuna non esiste, esiste invece la capacità di uomini con capacità superiori al comune, di esprimere la loro potenzialità dopo essersi messi nelle condizioni di esprimerle al meglio, non andando allo sbaraglio ma, quasi, a colpo sicuro. 
Potete solo immaginare quante volte Manolo, Messner, e infiniti altri che hanno superato un limite considerato insuperabile sono stati capaci di rinunciare?
Sono stati capaci di tornare indietro nonostante l'ambizione, gli sforzi, i sacrifici fatti? 
Ci vuole più coraggio a rinunciare che ad andare avanti, nelle situazioni estreme. Ecco perchè, questi personaggi, sono dei grandi che hanno reso possibile l'impossibile. 
"Piegandolo" alla loro visionarietà, quando i tempi e i modi erano da questi ritenuti "quelli giusti" e soprattutto rispettando il loro istinto e conoscenze e non obbligandosi a seguire pedissequamente quello che si erano prefissi di fare, solo perchè lo avevano deciso (o "spinti" da altre motivazioni quali sponsor, etc) a prescindere dalle valutazioni oggettive.

*Coordinatore per l'Italia NATIONAL GEOGRAPHIC PHOTO EXPEDITIONS PROFESSIONAL PHOTOGRAPHER NIKON PRO VIDEOMAKER, JOURNALIST & WRITER


  • fb iconLog in with Facebook