Menu
In Aspromonte
Partito Radicale. Parlamento: problema vitalizi è ennesimo fumo negli occhi ai cittadini. Problema vero è autodichia Camere

Partito Radicale. Parlamento: …

Maurizio Turco e Irene...

Petrolchimico di Siracusa: tra i 39 siti da bonificare con urgenza

Petrolchimico di Siracusa: tra…

Dopo l'Ilva di Taranto...

Ente Parco. Sabato 22 l'inaugurazione del piazzale ex Anas di Gambarie

Ente Parco. Sabato 22 l'inaugu…

Sabato 22 luglio ...

CaiReggio. Martedì 18 Conferenza del Prof. John Robb “I segni dell'uomo in aspromonte: prime indagini archeologiche in Aspromonte”

CaiReggio. Martedì 18 Conferen…

“In che epoca l’uomo h...

Escursioni. Domenica 16 luglio “Gente in Aspromonte” andrà alle Gole la Verde

Escursioni. Domenica 16 luglio…

Domenica 16 luglio DA...

“Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”. Sua Eccellenza monsignor Bertolone socio onorario dell’associazione

“Basta Vittime Sulla Strada St…

L’associazione conferi...

Siccità e incendi: le richieste di Coldiretti alla Regione

Siccità e incendi: le richiest…

Molinaro: i Consorzi d...

Escursioni. Sabato 15 e domenica 16 luglio il CaiReggio sarà alle "Gole dell'Aposcipo" (P.N.Aspromonte)

Escursioni. Sabato 15 e domeni…

L’escursione prevede l...

Palmi. "Addio Salvatore Barone, tifoso della Palmese"

Palmi. "Addio Salvatore B…

di Sigfrido Parrello -...

La riflessione. "Trump e le minacce di accendere la miccia della bomba nucleare"

La riflessione. "Trump e …

di Virginia Iacopino -...

Prev Next

Dissesto idrogeologico. L'ingegnere Mammoliti risponde al sindaco Grenci: «La Locride dovrebbe parlare con una voce sola»

  •   Giuseppe Mammoliti
Dissesto idrogeologico. L'ingegnere Mammoliti risponde al sindaco Grenci: «La Locride dovrebbe parlare con una voce sola»

di Giuseppe Mammoliti - Sono anni ormai che, nel mio piccolo, faccio una piccola battaglia per richiamare l'attenzione di chi, per competenza istituzionale, si trova nelle condizioni di elevare alto un legittimo richiamo di aiuto, prima che si possano verificare disastri ampiamente evitabili, a patto di intervenire con la dovuta tempestività e necessaria competenza.

Sono altresì anni che cerco di sollecitare i sindaci della Locride di unirsi almeno sui problemi comuni e parlare con una sola voce e, all'occorrenza, chiamare alla moblitazione generale per richiamare l'attenzione di uno stato centrale - fin troppo distratto - a investire in truffe legalizzate come il Mose di Venezia o l'Expo. La nostra forza è da ricercare nella nostra unità di vedute, senza scadere in futili campanilismi anacronistici. E' ovvio che i problemi da me evidenziati non siano riferibili alle sole aste torrentizie del Bonamico e del Careri.

Ho ancora impresso nella memoria le immagini relative all'allagamento dei Piani d'Area, luogo in cui sono confluite le acque del suddetto torrente oltre a tutta una serie di impluvi, ora cementificati, incapaci di sversare le loro acque a causa della insufficienza delle sezioni dei tombini stradali sulla Statale 106. Questo vale anche per il torrente La Verde e per tutte le aste torrentizie della Locride e non solo. Decenni di abbandono e di sostanziale inoperosità in questo per noi vitale settore, hanno prodotto i danno di cui oggi siamo testimoni.

La Locride deve imparare a parlare con una sola voce anche nel chiedere alla Regione Calabria una sostanziale riqualificazione dei lavori forestali.

BASTA con l'assistenzialismo!

Dotiamo la forza lavoro di progetti qualificati e qualificanti e chiediamo a gran voce che venga applicato il turn over perchè degli effetti delle costante perdita dei posti di lavoro ci si accorgerà quando sarà troppo tardi, ovvero quando nella Locride (baricentro della forza lavoro di Calabria Verde) verranno a mancare circa 2.000 stipendi/salari. C'è tanto da fare! Non è più tempo di tergiversare perché è il tempo che gioca a sfavore. Su tutta la linea. Sono contento di essere riuscito ad attirare la Sua attenzione su questo genere di problematica sostanziale. Mi ritenga a sua completa disposizione nel caso in cui riterrà opportuno un mio impegno.


  • fb iconLog in with Facebook