Menu
In Aspromonte
Sant’Alessio in Aspromonte (RC). Sabato 26 si terrà l'incontro: "La Calabria incontra il Kurdistan: storie di integrazione tra i popoli”

Sant’Alessio in Aspromonte (RC…

Si svolgerà sabato 26 ...

Escursioni. Domenica 27 maggio “Gente in Aspromonte” sarà sul Crinale di Afreni (San Luca)

Escursioni. Domenica 27 maggio…

Domenica 27 maggio Il...

Escursioni: Tra i vicoli di Scilla a Spasso nel Mito

Escursioni: Tra i vicoli di Sc…

Si è svolto domenica 1...

Ambiente. Vanzago, aquila salvata grazie al WWF

Ambiente. Vanzago, aquila salv…

Per difendere le speci...

Escursioni. Domenica 13 maggio “Gente in Aspromonte” andrà sui crinali tra Zervò e il Picco del Diavolo

Escursioni. Domenica 13 maggio…

Associazione escursion...

Venerdì 11 maggio a Canolo l’inaugurazione della prima fattoria didattica nel Parco dell’Aspromonte

Venerdì 11 maggio a Canolo l’i…

Nasce la prima Fattori...

Tutto pronto per il I° Slalom automobilistico “Città di San Roberto”: una bellissima domenica di sport lungo le strade dell’Aspromonte

Tutto pronto per il I° Slalom …

Cresce l’attesa, si co...

CaiReggio. Domenica 15 aprile 2018 escursione sul Monte Pinticudi

CaiReggio. Domenica 15 aprile …

Un escursione molto im...

Reggio. Mercoledì 4 aprile alla "botteguccia di PietraKappa" si parlerà della dimensione urbana della "Reggio medievale"

Reggio. Mercoledì 4 aprile all…

Qual era la dimensione...

Prev Next

L'analisi. Reggio Calabria: il suicidio e il rispetto

  •   Bruno Salvatore Lucisano
L'analisi. Reggio Calabria: il suicidio e il rispetto

di BRUNO SALVATORE LUCISANO - La canea di banditori e pataccari che afferra la preda e la butta sui giornali, sul web, senza rispetto della morte, anche la più cruda, la più violenta, la più inaspettata. La canea di pennivendoli che si trasforma come d’incanto in psichiatri e psicologi che danno subito una spiegazione logica – secondo loro – alle cose.

La risposta e la spiegazione ad ogni tragedia ad ogni dramma personale, dimenticando che i drammi e le tragedie appartengono ai singoli e alle loro anime, e non hanno risposte certe. Che gli studi danno pareri, ipotesi ma mai conferme, mai certezze. Che il cervello, ogni cervello, è differente uno dall’altro così come lo sono le impronte della lingua.

Una ragazza bella, sorridente, nel pieno della vita che, nonostante il cognome, è riuscita a crescere, a vivere, a laurearsi col massimo dei voti, tutto ad un tratto (secondo la pletora dei due più due) a venticinque anni prende e si suicida per il cognome che porta! Si alza una mattina presto e si lancia dal quinto piano per il peso insopportabile del nome che porta. Ma davvero? Possibile? Sicuro?

Solo la povera ragazza sa perché l’ha fatta finita. Solo la sua mente e la sua anima sanno qual è il campanello che l’ha svegliata, qual è il destino che l’ha chiamata, qual è la disperazione per lanciarsi per aria, qual è il coraggio che ha trovato per morire.

La mamma non si rassegna al gesto estremo compiuto dalla figlia, e questo significa che non si diventa pazzi in una sola notte per lanciarsi in volo dal quinto piano. La mamma vuole sapere. Ma credo che nessuno saprà mai il perché di questo gesto disperato.

Ed allora, piano con i giudizi e soprattutto, niente pregiudizi.

E se proprio volete dare delle risposte a tutto, di seguito lascio una pagina in bianco; qui potete aggiungere ai vari titoli già in edicola: “Laureata e contro la famiglia”, “La figlia del boss è morta di solitudine”, “Suicida per la vergogna”, “Il cognome le pesava”. Scrivete quello che vi viene in mente tanto, la povera ragazza è morta e non vi potrà smentire! E, per trovare un testimone, dovete cercare la sua anima, solo e solo nell’anima della povera ragazza, vi è la risposta al gesto finale. La sua anima come unico testimone credibile!

Non sempre due più due fa quattro, a volte, certe volte, fa cinque.


  • fb iconLog in with Facebook