Menu
In Aspromonte
CaiReggio: Domenica 16 settembre l'escursione sul sentiero "dell’Acqua Luntana"

CaiReggio: Domenica 16 settemb…

La domenica del 16 set...

La nostra storia. I fratelli Borruto e i loro rapporti con Staiti

La nostra storia. I fratelli B…

di Fortunato Stelitano...

CaiReggio. 1-2 settembre il Pellegrinaggio al Santuario di Polsi: "Cammino della Madonna"

CaiReggio. 1-2 settembre il Pe…

Da diversi anni diamo ...

Parco Nazionale dell’Aspromonte. Venerdì 24 agosto il PARKBUS 2018 farà tappa a San Giorgio Morgeto

Parco Nazionale dell’Aspromont…

«San Giorgio Morgeto: ...

Polsi: "il cammino ed il cambiamento"

Polsi: "il cammino ed il …

Un passo dopo l'altro....

Melito di Porto Salvo. Grande partecipazione alla proiezione del Film Documentario di Claudio Cordova “La terra degli alberi caduti”

Melito di Porto Salvo. Grande …

Venerdì scorso, nella ...

Gerace. Sabato 18 agosto si la Seconda Edizione de “Il Tocco”, rievocazione storica della disputa di Roberto e Ruggero D’Altavilla per le terre di Gerace

Gerace. Sabato 18 agosto si la…

La disputa di Roberto ...

Giubileo dei San Robertesi nel mondo, il programma dell’ultima settimana: il 21 agosto Mons. Morosini alla cerimonia di chiusura

Giubileo dei San Robertesi nel…

Si chiuderà il 21 agos...

San Roberto, 17 e 18 agosto evento imperdibile: scatta la seconda edizione della Festa della Birra e dell’Asado argentino

San Roberto, 17 e 18 agosto ev…

Le date sono di quelle...

Roccaforte del Greco. Parte domenica 12 agosto la Quarta edizione di “Estate Roccafortese” 2018

Roccaforte del Greco. Parte do…

A Roccaforte del Greco...

Prev Next

La gente è libera di votare chi vuole

  •   Bruno Salvatore Lucisano
La gente è libera di votare chi vuole

È antidiluviana e fascinosa la critica (di supposti politici o semplici elettori)  che ciascuno di noi fa al voto degli altri. Ed è talmente varia, boriosa e presuntuosa la disputa che, alla fine, tutti hanno ragione e ognuno rimane col proprio pensiero.

Ed allora capita che arrivi a Reggio Calabria uno del Nord, non uno qualunque, il leader della Lega Nord. E capita pure che la sala che ospita l’artico, sia abbastanza piena. Di gente del Sud. A me piace dire sudici (senza offesa) allo stesso modo in cui, si dice nordici per quelli del nord.

Io giuro, non trovo nulla di strano. Esattamente come non trovo strano che qualcuno, al Sud, voti testardamente, Forza Italia o il PD. Anzi è ancora molto più strano che i miei corregionali bisticcino ancora per chi votare tra destra, sinistra e centro (destra e sinistra).

C’è una terra, la Calabria al degrado. Stanno chiudendo ospedali, strade, aeroporti. I giovani scappano. La carestia si sta impadronendo di una Terra uccisa dalla politica. E c’è chi si meraviglia che ci sia gente, nel Sud, che voterà Salvini!

Se una ragazza, laureata, brava, seria, preparata sceglie di votare Lega Nord, non le fate una colpa. Perché se colpa c’è, è dei partiti e delle converticole a cui avete dato il voto voi, nel tempo, miseri e sfortunati calabresi.

Io ho scelto di ritornare a fare politica attiva da qualche giorno, e voterò M5S. Questo non vuol dire che ho scelto la perfezione ma vuole dire che ho scelto chi, finora, non ha mai governato questo paese. Non sarà una garanzia ma è una speranza…gli altri li conosco tutti, gli altri hanno tutti governato!

Darò quindi il mio voto a chi non ha mai governato e, se sarò ancora deluso, sceglierò l’anarchismo liberale, anche se questa ideologia, dicono che non esista. Ma guardandomi attorno, credo che molto di quello che si sostiene, non esista.

Ed allora sarò leader e fondatore dell’anarchismo liberale, anzi ne farò un partito. Del resto ne ha fatto uno anche la Lorenzin, poverina, si era stufata di salterellare da destra a sinistra.

Vedete, c’è anche la possibilità che il nipote della buonanima (secondo i punti di vista) di Giacomo Mancini, diventi deputato PD con in tasca la tessera di Forza Italia. Se ciò capiterà, non sarà per volontà del candidato, ma per gli imbelli che lo voteranno, che saranno quelli che tra qualche anno si lamenteranno di come vanno le cose in Calabria.

Le cose in Calabria vanno come i calabresi decidono che vadano.

Per chi crede, un mea culpa è d’obbligo. Per chi non crede, c’è sempre una falce e un martello da utilizzare, stavolta, meglio!

 

 


  • fb iconLog in with Facebook