Menu
In Aspromonte
Sant’Alessio in Aspromonte (RC). Sabato 26 si terrà l'incontro: "La Calabria incontra il Kurdistan: storie di integrazione tra i popoli”

Sant’Alessio in Aspromonte (RC…

Si svolgerà sabato 26 ...

Escursioni. Domenica 27 maggio “Gente in Aspromonte” sarà sul Crinale di Afreni (San Luca)

Escursioni. Domenica 27 maggio…

Domenica 27 maggio Il...

Escursioni: Tra i vicoli di Scilla a Spasso nel Mito

Escursioni: Tra i vicoli di Sc…

Si è svolto domenica 1...

Ambiente. Vanzago, aquila salvata grazie al WWF

Ambiente. Vanzago, aquila salv…

Per difendere le speci...

Escursioni. Domenica 13 maggio “Gente in Aspromonte” andrà sui crinali tra Zervò e il Picco del Diavolo

Escursioni. Domenica 13 maggio…

Associazione escursion...

Venerdì 11 maggio a Canolo l’inaugurazione della prima fattoria didattica nel Parco dell’Aspromonte

Venerdì 11 maggio a Canolo l’i…

Nasce la prima Fattori...

Tutto pronto per il I° Slalom automobilistico “Città di San Roberto”: una bellissima domenica di sport lungo le strade dell’Aspromonte

Tutto pronto per il I° Slalom …

Cresce l’attesa, si co...

CaiReggio. Domenica 15 aprile 2018 escursione sul Monte Pinticudi

CaiReggio. Domenica 15 aprile …

Un escursione molto im...

Reggio. Mercoledì 4 aprile alla "botteguccia di PietraKappa" si parlerà della dimensione urbana della "Reggio medievale"

Reggio. Mercoledì 4 aprile all…

Qual era la dimensione...

Prev Next

La riflessione. Ased, sindaci ed operai

  •   Redazione
La riflessione. Ased, sindaci ed operai

A distanza di un mese dalla protesta davanti al Comune di Bianco, gli operai dell’Ased, che da mesi non percepiscono lo stipendio, hanno riproposto le loro rimostranze davanti il Municipio di Brancaleone. Naturalmente, gli amministratori della società che è sotto sequestro per mafia e quindi, sotto tutela giudiziaria, si giustificano dicendo che i Comuni non pagano e quindi, anche loro, non pagano.

Insomma è come se Marchionne, non pagasse gli operai della Fiat, perché una concessionaria non gli paga le auto!

Chissà se, nel frattempo, gli amministratori stiano trovando i soldi per i loro stipendi. Chissà?

Ecco, voglio dire solo questo agli operai: voi non siete assunti dai Comuni, ma dall’Ased, se questa società non paga, dovete rivolgervi ai suoi amministratori e, se avete delle rimostranze o degli scioperi da mettere in atto, tutto questo dovete compierlo “verso” l’azienda che vi ha assunti e per la quale lavorate.

Non vi dico di rivolgervi ai sindacati perché non credo ci siano più!

È come se, i dipendenti del comune non venissero pagati e, il sindaco, li mandasse da me a protestare perché non pago le tasse! Ma dai, smettetela di prendere per il culo la gente che lavora.

E voi, operai che giustamente lavorate e a fine mese pretendete uno stipendio, prendetevela con il datore di lavoro e se decidete di protestare, rivolgetevi alla vostra azienda non a chi non c’entra nulla.

Riponete le ramazze, fermatevi qualche giorno e aspettate…Tanto è da un anno che aspettate un giorno in più, uno in meno…

Purtroppo come diceva u nticu, che ogni tanto ci azzeccava: “U bisognu è cornutu!”.

Per chiudere, sarebbe come se un cliente si rifiutasse di pagare il conto dell’albergo perché la notte…non ha dormito!

ASEDomani, e sottolineo se…


  • fb iconLog in with Facebook