Menu
In Aspromonte
Platì. L’Associazione San Domenico ONLUS di Reggio ha avviato la distribuzione degli aiuti alimentari del fondo europeo

Platì. L’Associazione San Dome…

L’Associazione San Dom...

Coldiretti. Da domani, 19 aprile, va in porto una battaglia storica: l’obbligo di indicare in etichetta l’origine del latte

Coldiretti. Da domani, 19 apri…

Molinaro: l’importante...

La riflessione. Gli agnelli di Montecitorio “arrivano” da … Crotone

La riflessione. Gli agnelli di…

Abbiamo appena visto i...

Calabria Greca. Scì Melu e i cowboy aspromontani

Calabria Greca. Scì Melu e i c…

Le falde aspromontane&...

"Pasquetta Sociale sulla neve" di Gente in Aspromonte: escursione dai Piani Tabaccari fino a Montalto

"Pasquetta Sociale sulla …

ASSOCIAZIONE ESCURSION...

Wwf. Il cinghiale della discordia

Wwf. Il cinghiale della discor…

Ma come? Ogni anno gli...

L’Osservatorio Ambientale si rinnova, parzialmente

L’Osservatorio Ambientale si r…

Sabato 8 aprile u.s. s...

Locri. Sporting, ai Play Off largo ai giovani

Locri. Sporting, ai Play Off l…

Federica Marino squali...

Palmi: l’opera “Deposizione” in dono alla Chiesa Maria SS. del Soccorso dall’Associazione Prometeus

Palmi: l’opera “Deposizione” i…

Un’opera d’arte sacra ...

Torna il “Teatro dei Due Mari”: il dramma dell’immigrazione riletto attraverso i miti di ieri

Torna il “Teatro dei Due Mari”…

Nel suggestivo scenari...

Prev Next

La riflessione. Barattieri e cacca in Tv

  •   Bruno Salvatore Lucisano
La riflessione. Barattieri e cacca in Tv

Ai tempi di Dante, era Lucca il regno dei barattieri (da non confondersi con i meloni immaturi), quelli che oggi, sono dappertutto. Sono i dannati della V Bolgia dell’VIII Cerchio. Sono gli stessi che commisero quello che in tempi moderni, è il reato di concussione. In sostanza sono quelli che usano le cariche pubbliche per arricchirsi attraverso la compravendita di provvedimenti, permessi, privilegi ecc. Solo oggi 69 arresti a Napoli. Non passa giorno che un giornale, un telegiornale, non commenti reati di qualche politico. Soltanto che ai tempi del sommo poeta, anzi meglio, nella sua infinita immaginazione, questa gentaglia veniva sommersa nella pece bollente e, lì vi restava, totalmente coperta. Non solo, non c’era né Appello né Cassazione ma, venivano sorvegliati dai Malebranche che erano dei diavoli, armati di bastoni uncinati che afferravano quanti cercavano di fuggire, straziando loro, le carni.

Il demone dice ancora che Lucca era pieno di barattieri, tranne Bonturo Dati. Ma questa era una affermazione ironica, infatti questo tizio era il più grande barattiere della città.

È come dire oggi che in Italia sono tutti mafiosi, tranne Riina!

Credo fermamente che ci sia da rivedere qualcosa, anzi, molte cose. Stiamo camminando, da tempo, sulla tragica via del non ritorno e la meta, appare irrimediabilmente prossima. A questi abusi, a queste malefatte, bisogna reagire energicamente, rimettendo con le buone o con le cattive le regole della democrazia che oggi sono offese ed usurpate, il più delle volte, da emeriti ignoranti che conoscono solo il modo di rubare. E l’ignoranza si fa strada, irrimediabilmente, con la Tv.

Giustappunto ieri sera, un intero pubblico in una trasmissione televisiva, si è alzato in piedi, all’entrata di Rocco Siffredi. Siamo nella cacca, siamo nel mare Ionio.

Ecco, c’è qualcosa che non va e se va, è marcia indietro.

Buona fortuna.