Menu
In Aspromonte
Incontro sul "Cammino della Magna Grecia" tra Regione e Unesco

Incontro sul "Cammino del…

L'inserimento del “Cam...

Legambiente. XXV Giornata mondiale dell’acqua dedicata alle acque reflue

Legambiente. XXV Giornata mond…

In Italia la maladepur...

Wwf. Foreste e acqua unite sotto il segno del clima

Wwf. Foreste e acqua unite sot…

Acqua, foreste, clima:...

Ambiente. Acqua: Galletti, Italia ospiterà la conferenza mondiale dei fiumi

Ambiente. Acqua: Galletti, Ita…

Il ministro per la Gio...

Kalabria Experience: Una Giornata a Roghudi Vecchio sui versi di Vito Teti

Kalabria Experience: Una Giorn…

La giornata ha visto u...

La testimonianza. Africo, come fu ucciso Salvatore Barbagallo quarant’anni fa: tutta la verità

La testimonianza. Africo, come…

Sono trascorsi ormai 4...

Locri. Saluto del Vescovo di Locri-Gerace al Presidente della Repubblica

Locri. Saluto del Vescovo di L…

Signor Presidente, be...

Planetarium Pythagoras. Città Metropolitana di Reggio Calabria la magia del nuovo inizio: l’equinozio di primavera

Planetarium Pythagoras. Città …

Lunedì 20 marzo alle o...

Melito diventa Sede di Esami del Campus online dell’Università Statale Gabriele D'Annunzio

Melito diventa Sede di Esami d…

Giuseppe Meduri: “Ques...

Prev Next

La riflessione. Barattieri e cacca in Tv

  •   Bruno Salvatore Lucisano
La riflessione. Barattieri e cacca in Tv

Ai tempi di Dante, era Lucca il regno dei barattieri (da non confondersi con i meloni immaturi), quelli che oggi, sono dappertutto. Sono i dannati della V Bolgia dell’VIII Cerchio. Sono gli stessi che commisero quello che in tempi moderni, è il reato di concussione. In sostanza sono quelli che usano le cariche pubbliche per arricchirsi attraverso la compravendita di provvedimenti, permessi, privilegi ecc. Solo oggi 69 arresti a Napoli. Non passa giorno che un giornale, un telegiornale, non commenti reati di qualche politico. Soltanto che ai tempi del sommo poeta, anzi meglio, nella sua infinita immaginazione, questa gentaglia veniva sommersa nella pece bollente e, lì vi restava, totalmente coperta. Non solo, non c’era né Appello né Cassazione ma, venivano sorvegliati dai Malebranche che erano dei diavoli, armati di bastoni uncinati che afferravano quanti cercavano di fuggire, straziando loro, le carni.

Il demone dice ancora che Lucca era pieno di barattieri, tranne Bonturo Dati. Ma questa era una affermazione ironica, infatti questo tizio era il più grande barattiere della città.

È come dire oggi che in Italia sono tutti mafiosi, tranne Riina!

Credo fermamente che ci sia da rivedere qualcosa, anzi, molte cose. Stiamo camminando, da tempo, sulla tragica via del non ritorno e la meta, appare irrimediabilmente prossima. A questi abusi, a queste malefatte, bisogna reagire energicamente, rimettendo con le buone o con le cattive le regole della democrazia che oggi sono offese ed usurpate, il più delle volte, da emeriti ignoranti che conoscono solo il modo di rubare. E l’ignoranza si fa strada, irrimediabilmente, con la Tv.

Giustappunto ieri sera, un intero pubblico in una trasmissione televisiva, si è alzato in piedi, all’entrata di Rocco Siffredi. Siamo nella cacca, siamo nel mare Ionio.

Ecco, c’è qualcosa che non va e se va, è marcia indietro.

Buona fortuna.