Menu
In Aspromonte
Tutto pronto per il I° Slalom automobilistico “Città di San Roberto”: una bellissima domenica di sport lungo le strade dell’Aspromonte

Tutto pronto per il I° Slalom …

Cresce l’attesa, si co...

CaiReggio. Domenica 15 aprile 2018 escursione sul Monte Pinticudi

CaiReggio. Domenica 15 aprile …

Un escursione molto im...

Reggio. Mercoledì 4 aprile alla "botteguccia di PietraKappa" si parlerà della dimensione urbana della "Reggio medievale"

Reggio. Mercoledì 4 aprile all…

Qual era la dimensione...

Reggio. Sabato 31 marzo alla "Botteguccia di PietraKappa" un incontro per parlare del Sentiero del Brigante

Reggio. Sabato 31 marzo alla …

Appuntamento per oggi,...

Wwf: «Il clima che cambia minaccia api e impollinatori»

Wwf: «Il clima che cambia mina…

Dopo i pesticidi il cl...

Escursioni. Il Fuori Sede di Gente in Aspromonte, 7 giorni alla scoperta di “Grecia Classica e Meteore”

Escursioni. Il Fuori Sede di G…

Domani, giovedì 29 mar...

Anas. Chiusa al traffico la Galleria della Limina, dalle 22.00 del 29 marzo

Anas. Chiusa al traffico la Ga…

Calabria, Anas: per il...

Il Comitato Civico Pro Condofuri e l’Alica Festival propongono un interessante trekking fotografico nella Valle Grecanica dell’Amendolea

Il Comitato Civico Pro Condofu…

Col timido avanzare de...

Bovalino superiore. Dopo Scinà, la discarica lungo la Statale 112

Bovalino superiore. Dopo Scinà…

Lungo la Statale 112, ...

Prev Next

La riflessione. C’è bisogno di tempo, di molto tempo

  •   Bruno Salvatore Lucisano
La riflessione. C’è bisogno di tempo, di molto tempo

Di Bruno Salvatore Lucisano - Nel luogo della foto dove degli incivili continuano, giornalmente, a gettare le buste piene di rifiuti di ogni tipo, sono stati trovati, tempo addietro dei rifiuti ospedalieri. Non so se portati dal mare, non so se gettati da qualcuno, fatto sta che…

Un anonimo signore, avvisa i vigili che sulla spiaggia, esattamente vicino al Lido Liberty, ci sono dei rifiuti ospedalieri: siringhe, garze e quant’altro. Il vigile, vigile, avvisa il sindaco e, nel frattempo, recinta la zona interessata con il solito nastro colorato. Il Sindaco, a sua volta, avvisa la Capitaneria di Porto, il Demanio Marittimo e non so chi altro ancora. Niente, la Capitaneria di Porto si muove a passo lento, come le tartarughe, e se ci sono tartarughe. Insomma dopo non so quanti mesi, nel posto indicato dall’anonimo signore, rimangono due pali di ferro e qualche metro di nastro. Delle siringhe e del resto, nemmeno l’ombra, da allora ci saranno state almeno cinque mareggiate e tutto è ritornato da dove, probabilmente, era venuto: nel mare.

Il mare che ancora e sempre nasconde le nefandezze, le scellerataggini, le turpitudini degli uomini. Il mare, cassaforte di fogne e di ogni rifiuto!

Io non do la colpa a nessuno, anzi a dire il vero, ho finito di scrivere e segnalare, tanto nulla succede e nulla cambia.

Io non so chi sono i responsabili e di chi la colpa, sicuramente quella grave, è di chi ha gettato quel materiale (probabilmente in qualche fiumara), però la colpa è anche di chi ha lasciato lì, credo per più di un mese quelle porcherie. Tutto qua.

Qui non è colpa di chi non ha vigilato perché il vigile ha segnalato e nemmeno è colpa della politica, che ha anch’essa segnalato il problema. Forse della Capitaneria di Porto?

No, no, la colpa è di quella gente indegna che non ha rispetto dei luoghi in cui vive. Di miserabili che non hanno rispetto per la loro Terra, per i loro figli, per i propri simili.

La colpa è, come al solito, degli animali con le scarpe ai piedi e scalzi di cervello.


  • fb iconLog in with Facebook