Menu
In Aspromonte
Roma. Registi, fotografi studenti e una preside, lunedì 25, al corso "Web writing e Social media - Le basi della comunicazione 3.0"

Roma. Registi, fotografi stude…

Sono​ ​12​ ​le​ ​dom...

Domenica 24 settembre l'escursione di “Gente in Aspromonte” sul Monte Mammicomito e Pietra Perciata (Placanica - Pazzano)

Domenica 24 settembre l'escurs…

Associazione escursi...

Giornate Europee del patrimonio: il Parco Nazionale della Sila protagonista su Rai Radio3  16, 17, 23, 24 settembre ore 14 e 30

Giornate Europee del patrimoni…

In occasione delle Gio...

Taurianova. Il sindaco Fabio Scionti e l’Assessore Raffaella Ferraro hanno inaugurato l’anno scolastico 2017/2018

Taurianova. Il sindaco Fabio S…

Il sindaco Fabio Scion...

Galatro. Palio della gastronomia: vince la Pro loco di Africo

Galatro. Palio della gastronom…

Con uno dei piatti più...

Maltempo: WWF, subito una sessione parlamentare su caos climatico

Maltempo: WWF, subito una sess…

Il WWF chiede al Parla...

Il 12 Settembre alle ore 14 andrà in onda su Rai Radio3, il programma radiofonico dedicato al linguista tedesco Gerhard Rohlfs

Il 12 Settembre alle ore 14 an…

Il 12 Settembre ...

Calcio, Serie D. La Palmese inizia alla grande: sbancata la Sicilia, colpaccio a San Cataldo (2 a 1)

Calcio, Serie D. La Palmese in…

di Sigfrido Parrello-&...

La nostra storia. Staiti: Giuseppe Maria Martelli il notaio liberale

La nostra storia. Staiti: Gius…

di Fortunato Stelitano...

Carcere di Mamone, ultima tappa sarda della CarovanaXlaGiustizia

Carcere di Mamone, ultima tapp…

La Carovana per la Giu...

Prev Next

La riflessione. E adesso ingessateci tutti

  •   Bruno Salvatore Lucisano
La riflessione. E adesso ingessateci tutti

E adesso, chiudete tutto a Locri: l’ospedale, le scuole e quanto risulti inutile. Lasciate aperto il carcere e quella maestosa caserma dei carabinieri che se non fosse per il proliferare degli ndranghitisti, chissà in quale luogo sarebbe stata eretta. Ah, lasciate aperto il Municipio, per vedere se si riesce a trovare un sindaco per i prossimi cent’anni che tuteli i locresi. E lasciate aperto pure il passaggio a livello, in maniera tale da non ostacolare la corsa a mare dei politici che avranno scelto di annegare e diventare esca per pescecani, ammesso che i pescecani si mangino tra di loro. Oppure di provare il brivido di essere spazzati via da un treno in corsa!

Sembra esista una sorta di sentimento al ridicolo e l’emozione della vergogna (Giuseppe Carzedda).

Una processione di direttori generali nominati, nel tempo, dalla politica che non sanno neppure da che parte vada una supposta. Ospedali messi in mano a mangioni e nullatenenti.

Avvisate don Ciotti di ritornare a Locri perché, dopo la sua venuta, sta scomparendo tutto tranne la ndranghita. Se per caso ha in mente qualche proposta sulla sanità, sul lavoro giovanile, sul malessere sociale, sul disagio e la quasi impossibilità ad una vita normale, si faccia avanti, ci benedica. Ritorni a Locri tutto bandieroso e magliettoso con le scritte di Libera…ci Signore di questi preti.

Ecco, io non voglio il male di nessuno ma, quando chiuderanno l’ospedale di Locri, dopo quello di Melito desidererei che la prima cacarella a cascate la prendesse il presidente della Regione Oliverio, giusto, all’altezza di Brancaleone, proprio nel mezzo tra Melito e Locri, in maniera tale che per raggiungere il primo ospedale aperto, muoia per asfissia da cacarella.

Ecco (mi rivolgo a lei, lupacchiotto della Sila e comunista a momenti), noi siamo tutti i giorni nelle condizioni, come immagino sarebbe lei, presidente, se le capitasse quello che ogni sera le auguro prima di andare a letto: una cacarella a cascate tra Melito e Locri.

Se rimane incomprensibile l’ultimo concetto, altro non vuol dire che siamo nella merda.


  • fb iconLog in with Facebook