Menu
In Aspromonte
Partito Radicale. Parlamento: problema vitalizi è ennesimo fumo negli occhi ai cittadini. Problema vero è autodichia Camere

Partito Radicale. Parlamento: …

Maurizio Turco e Irene...

Petrolchimico di Siracusa: tra i 39 siti da bonificare con urgenza

Petrolchimico di Siracusa: tra…

Dopo l'Ilva di Taranto...

Ente Parco. Sabato 22 l'inaugurazione del piazzale ex Anas di Gambarie

Ente Parco. Sabato 22 l'inaugu…

Sabato 22 luglio ...

CaiReggio. Martedì 18 Conferenza del Prof. John Robb “I segni dell'uomo in aspromonte: prime indagini archeologiche in Aspromonte”

CaiReggio. Martedì 18 Conferen…

“In che epoca l’uomo h...

Escursioni. Domenica 16 luglio “Gente in Aspromonte” andrà alle Gole la Verde

Escursioni. Domenica 16 luglio…

Domenica 16 luglio DA...

“Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”. Sua Eccellenza monsignor Bertolone socio onorario dell’associazione

“Basta Vittime Sulla Strada St…

L’associazione conferi...

Siccità e incendi: le richieste di Coldiretti alla Regione

Siccità e incendi: le richiest…

Molinaro: i Consorzi d...

Escursioni. Sabato 15 e domenica 16 luglio il CaiReggio sarà alle "Gole dell'Aposcipo" (P.N.Aspromonte)

Escursioni. Sabato 15 e domeni…

L’escursione prevede l...

Palmi. "Addio Salvatore Barone, tifoso della Palmese"

Palmi. "Addio Salvatore B…

di Sigfrido Parrello -...

La riflessione. "Trump e le minacce di accendere la miccia della bomba nucleare"

La riflessione. "Trump e …

di Virginia Iacopino -...

Prev Next

La riflessione. Sperare nell'attesa...

  •   Bruno Salvatore Lucisano
La riflessione. Sperare nell'attesa...

di Bruno Salvatore Lucisano - Quando ci ostiniamo a pretendere una Calabria migliore, la Calabria dei calabresi per i calabresi che tornano, che partono, che restano. Quando ci sforziamo di segnalare, di criticare di mettere in evidenza quello che non funziona. Quando ci accorgiamo che stiamo arretrando in tutti i settori, possiamo scegliere di stare zitti, di lasciar perdere, di farci i fatti nostri. Ecco, se mai ci fosse un modo per farci i fatti nostri, non è certo quello di stare zitti e il famoso proverbio che chi si fa i fatti suoi campa cent’anni non è altro che l’ennesima cazzata “du nticu”, perché “u nticu”, di cazzate, ne ha dette più di un politico in carriera.

Io non ho nulla contro chi ama il quieto vivere, contro chi non fa rumore per celare la sua presenza, contro chi muore asfissiato per l’educazione di non strillare al cielo un rutto. Ma guardate che anche lo zingaro muto, a volte, s’incazza e grida; e come se grida! E raccoglie i mozziconi per strada e fuma e se ne fotte!

Certo, non si capisce quello che dice e che vuole, perché non si spiega, perché è muto; ma questo vale anche per chi ha parola ed intelligenza.

Quando mi sono deciso di scrivere qualcosa sulla speranza e sull’attesa, sono andato alla ricerca per vedere se fosse venuto in mente a qualcun altro di trattare questo problema e, ovviamente, era già stato trattato. Eugenio Brogna, primario emerito di psichiatria dell’ospedale maggiore di Novara: “L’attesa e la speranza”.

Come vedete è roba da pazzi! È roba per pazzi!

Ed io, che pazzo sono, un pensiero, spero originale, lo voglio lasciare ai giovani di questa Terra di questa Calabria, che dev’essere e vuole essere straordinaria; ed è questo:

“Tu Terra, sei l’attesa e la speranza, della terra, appena arata”.

Che Dio ci aiuti.


  • fb iconLog in with Facebook