Menu
In Aspromonte
Tutto pronto per il I° Slalom automobilistico “Città di San Roberto”: una bellissima domenica di sport lungo le strade dell’Aspromonte

Tutto pronto per il I° Slalom …

Cresce l’attesa, si co...

CaiReggio. Domenica 15 aprile 2018 escursione sul Monte Pinticudi

CaiReggio. Domenica 15 aprile …

Un escursione molto im...

Reggio. Mercoledì 4 aprile alla "botteguccia di PietraKappa" si parlerà della dimensione urbana della "Reggio medievale"

Reggio. Mercoledì 4 aprile all…

Qual era la dimensione...

Reggio. Sabato 31 marzo alla "Botteguccia di PietraKappa" un incontro per parlare del Sentiero del Brigante

Reggio. Sabato 31 marzo alla …

Appuntamento per oggi,...

Wwf: «Il clima che cambia minaccia api e impollinatori»

Wwf: «Il clima che cambia mina…

Dopo i pesticidi il cl...

Escursioni. Il Fuori Sede di Gente in Aspromonte, 7 giorni alla scoperta di “Grecia Classica e Meteore”

Escursioni. Il Fuori Sede di G…

Domani, giovedì 29 mar...

Anas. Chiusa al traffico la Galleria della Limina, dalle 22.00 del 29 marzo

Anas. Chiusa al traffico la Ga…

Calabria, Anas: per il...

Il Comitato Civico Pro Condofuri e l’Alica Festival propongono un interessante trekking fotografico nella Valle Grecanica dell’Amendolea

Il Comitato Civico Pro Condofu…

Col timido avanzare de...

Bovalino superiore. Dopo Scinà, la discarica lungo la Statale 112

Bovalino superiore. Dopo Scinà…

Lungo la Statale 112, ...

Prev Next

La riflessione. Sperare nell'attesa...

  •   Bruno Salvatore Lucisano
La riflessione. Sperare nell'attesa...

di Bruno Salvatore Lucisano - Quando ci ostiniamo a pretendere una Calabria migliore, la Calabria dei calabresi per i calabresi che tornano, che partono, che restano. Quando ci sforziamo di segnalare, di criticare di mettere in evidenza quello che non funziona. Quando ci accorgiamo che stiamo arretrando in tutti i settori, possiamo scegliere di stare zitti, di lasciar perdere, di farci i fatti nostri. Ecco, se mai ci fosse un modo per farci i fatti nostri, non è certo quello di stare zitti e il famoso proverbio che chi si fa i fatti suoi campa cent’anni non è altro che l’ennesima cazzata “du nticu”, perché “u nticu”, di cazzate, ne ha dette più di un politico in carriera.

Io non ho nulla contro chi ama il quieto vivere, contro chi non fa rumore per celare la sua presenza, contro chi muore asfissiato per l’educazione di non strillare al cielo un rutto. Ma guardate che anche lo zingaro muto, a volte, s’incazza e grida; e come se grida! E raccoglie i mozziconi per strada e fuma e se ne fotte!

Certo, non si capisce quello che dice e che vuole, perché non si spiega, perché è muto; ma questo vale anche per chi ha parola ed intelligenza.

Quando mi sono deciso di scrivere qualcosa sulla speranza e sull’attesa, sono andato alla ricerca per vedere se fosse venuto in mente a qualcun altro di trattare questo problema e, ovviamente, era già stato trattato. Eugenio Brogna, primario emerito di psichiatria dell’ospedale maggiore di Novara: “L’attesa e la speranza”.

Come vedete è roba da pazzi! È roba per pazzi!

Ed io, che pazzo sono, un pensiero, spero originale, lo voglio lasciare ai giovani di questa Terra di questa Calabria, che dev’essere e vuole essere straordinaria; ed è questo:

“Tu Terra, sei l’attesa e la speranza, della terra, appena arata”.

Che Dio ci aiuti.


  • fb iconLog in with Facebook