Menu
In Aspromonte
Roma. Registi, fotografi studenti e una preside, lunedì 25, al corso "Web writing e Social media - Le basi della comunicazione 3.0"

Roma. Registi, fotografi stude…

Sono​ ​12​ ​le​ ​dom...

Domenica 24 settembre l'escursione di “Gente in Aspromonte” sul Monte Mammicomito e Pietra Perciata (Placanica - Pazzano)

Domenica 24 settembre l'escurs…

Associazione escursi...

Giornate Europee del patrimonio: il Parco Nazionale della Sila protagonista su Rai Radio3  16, 17, 23, 24 settembre ore 14 e 30

Giornate Europee del patrimoni…

In occasione delle Gio...

Taurianova. Il sindaco Fabio Scionti e l’Assessore Raffaella Ferraro hanno inaugurato l’anno scolastico 2017/2018

Taurianova. Il sindaco Fabio S…

Il sindaco Fabio Scion...

Galatro. Palio della gastronomia: vince la Pro loco di Africo

Galatro. Palio della gastronom…

Con uno dei piatti più...

Maltempo: WWF, subito una sessione parlamentare su caos climatico

Maltempo: WWF, subito una sess…

Il WWF chiede al Parla...

Il 12 Settembre alle ore 14 andrà in onda su Rai Radio3, il programma radiofonico dedicato al linguista tedesco Gerhard Rohlfs

Il 12 Settembre alle ore 14 an…

Il 12 Settembre ...

Calcio, Serie D. La Palmese inizia alla grande: sbancata la Sicilia, colpaccio a San Cataldo (2 a 1)

Calcio, Serie D. La Palmese in…

di Sigfrido Parrello-&...

La nostra storia. Staiti: Giuseppe Maria Martelli il notaio liberale

La nostra storia. Staiti: Gius…

di Fortunato Stelitano...

Carcere di Mamone, ultima tappa sarda della CarovanaXlaGiustizia

Carcere di Mamone, ultima tapp…

La Carovana per la Giu...

Prev Next

La riflessione. Sperare nell'attesa...

  •   Bruno Salvatore Lucisano
La riflessione. Sperare nell'attesa...

di Bruno Salvatore Lucisano - Quando ci ostiniamo a pretendere una Calabria migliore, la Calabria dei calabresi per i calabresi che tornano, che partono, che restano. Quando ci sforziamo di segnalare, di criticare di mettere in evidenza quello che non funziona. Quando ci accorgiamo che stiamo arretrando in tutti i settori, possiamo scegliere di stare zitti, di lasciar perdere, di farci i fatti nostri. Ecco, se mai ci fosse un modo per farci i fatti nostri, non è certo quello di stare zitti e il famoso proverbio che chi si fa i fatti suoi campa cent’anni non è altro che l’ennesima cazzata “du nticu”, perché “u nticu”, di cazzate, ne ha dette più di un politico in carriera.

Io non ho nulla contro chi ama il quieto vivere, contro chi non fa rumore per celare la sua presenza, contro chi muore asfissiato per l’educazione di non strillare al cielo un rutto. Ma guardate che anche lo zingaro muto, a volte, s’incazza e grida; e come se grida! E raccoglie i mozziconi per strada e fuma e se ne fotte!

Certo, non si capisce quello che dice e che vuole, perché non si spiega, perché è muto; ma questo vale anche per chi ha parola ed intelligenza.

Quando mi sono deciso di scrivere qualcosa sulla speranza e sull’attesa, sono andato alla ricerca per vedere se fosse venuto in mente a qualcun altro di trattare questo problema e, ovviamente, era già stato trattato. Eugenio Brogna, primario emerito di psichiatria dell’ospedale maggiore di Novara: “L’attesa e la speranza”.

Come vedete è roba da pazzi! È roba per pazzi!

Ed io, che pazzo sono, un pensiero, spero originale, lo voglio lasciare ai giovani di questa Terra di questa Calabria, che dev’essere e vuole essere straordinaria; ed è questo:

“Tu Terra, sei l’attesa e la speranza, della terra, appena arata”.

Che Dio ci aiuti.


  • fb iconLog in with Facebook