Menu
In Aspromonte
Platì. L’Associazione San Domenico ONLUS di Reggio ha avviato la distribuzione degli aiuti alimentari del fondo europeo

Platì. L’Associazione San Dome…

L’Associazione San Dom...

Coldiretti. Da domani, 19 aprile, va in porto una battaglia storica: l’obbligo di indicare in etichetta l’origine del latte

Coldiretti. Da domani, 19 apri…

Molinaro: l’importante...

La riflessione. Gli agnelli di Montecitorio “arrivano” da … Crotone

La riflessione. Gli agnelli di…

Abbiamo appena visto i...

Calabria Greca. Scì Melu e i cowboy aspromontani

Calabria Greca. Scì Melu e i c…

Le falde aspromontane&...

"Pasquetta Sociale sulla neve" di Gente in Aspromonte: escursione dai Piani Tabaccari fino a Montalto

"Pasquetta Sociale sulla …

ASSOCIAZIONE ESCURSION...

Wwf. Il cinghiale della discordia

Wwf. Il cinghiale della discor…

Ma come? Ogni anno gli...

L’Osservatorio Ambientale si rinnova, parzialmente

L’Osservatorio Ambientale si r…

Sabato 8 aprile u.s. s...

Locri. Sporting, ai Play Off largo ai giovani

Locri. Sporting, ai Play Off l…

Federica Marino squali...

Palmi: l’opera “Deposizione” in dono alla Chiesa Maria SS. del Soccorso dall’Associazione Prometeus

Palmi: l’opera “Deposizione” i…

Un’opera d’arte sacra ...

Torna il “Teatro dei Due Mari”: il dramma dell’immigrazione riletto attraverso i miti di ieri

Torna il “Teatro dei Due Mari”…

Nel suggestivo scenari...

Prev Next

Melito. Nota del Movimento “una città da #cambiare” su: fatturazione del Servizio Idrico Integrato per le utenze non domestiche

  •   Redazione
Melito. Nota del Movimento “una città da #cambiare” su: fatturazione del Servizio Idrico Integrato per le utenze non domestiche

Riceviamo e pubblichiamo - «Ennesimo scivolone dell’Amministrazione Meduri sulla fatturazione del Servizio Idrico Integrato per le UTENZE NON DOMESTICHE anni 2014, 2015 e 2016

Nell’ambito delle attività di studio e controllo degli atti amministrativi condotta dai consiglieri e dagli altri attivisti del Movimento “una città da #cambiare” è emerso quello che rappresenterebbe a tutti gli effetti l’ennesimo scivolone dell’amministrazione Meduri a danno dei cittadini.

Ci riferiamo in particolare in questa circostanza alle fatture del Servizio Idrico Integrato inviate a tutte le attività che fanno riferimento alle utenze di tipo NON DOMESTICO (nella fattispecie: Pubblici Servizi Bar Caffetterie, Pubblici Esercizi Bar Ristoranti, Autolavaggi, Lavanderie e Tintorie, Enti Pubblici e Privati, Edilizia ed Industria, Zootecnico, Stabilimenti balneari, Alberghi Pensioni, Uffici, Negozi, Lavanderie a secco, ecc…) alle quali è stato applicato un aumento pari ad € 0,20 a MC in maniera totalmente arbitraria e senza alcun presupposto giuridico.

In alcuni casi l’aumento sfiora il 20% rispetto a quanto dovuto. Quindi, si capisce bene in particolare per alcune specifiche tipologie di utenze NON domestiche, come questo aumento possa tradursi in una cifra significativa per ogni singola attività.

Nello specifico infatti, le tariffe delle UTENZE NON DOMESTICHE approvate con deliberazione della Giunta Comunale n. 34 del 28/02/2012 non sono mai state modificate con l’approvazione di un’apposita delibera per gli anni 2014, 2015, 2016 e, pur tuttavia, per questi TRE anni e per tutte le categorie è stato applicato l’aumento dello 0,20 €/Mc che, per quanto detto non ha alcun presupposto giuridico.

Mentre per quel che riguarda la fatturazione relativa al 2016 la stessa non è ancora stata inviata e pertanto ne contesteremo a breve in Consiglio Comunale l’applicazione. Per ciò che riguarda invece gli anni precedenti (2014 e 2015) agli ignari cittadini non resta altro che, nel caso abbiano già provveduto al pagamento, chiedere l’immediata restituzione di quanto pagato in eccesso, ovvero l’accantonamento della somma pagata in eccedenza per le successive annualità, nella forma della compensazione. Mentre per chi ancora non ha provveduto al pagamento, il gruppo “una città da #cambiare” chiederà all’amministrazione l’annullamento in autotutela del ruolo emesso almeno per il 2015 ed ove l’amministrazione non accettasse di procedere in tal senso, sosterrà le richieste di annullamento da parte dei singoli contribuenti per tutte le fatturazioni errate oppure la loro rettifica».