Menu
In Aspromonte
Nel Parco dell’Aspromonte vive una delle querce più vecchie del mondo

Nel Parco dell’Aspromonte vive…

Una Quercia di oltre 5...

Ente Parco. Il Consiglio Direttivo ha approvato il bilancio previsionale per il 2020

Ente Parco. Il Consiglio Diret…

Il Consiglio Direttivo...

Domenica a Sant’Agata “immagini d’autunno” e il cortometraggio “Tibi e Tascia”

Domenica a Sant’Agata “immagin…

Nella stessa piazzetta...

Moleti in festa per piccini e grandi

Moleti in festa per piccini e …

Si è svolta domenica 4...

Torna il “Parkbus”, dal Museo in Aspromonte con le Guide Ufficiali del Parco

Torna il “Parkbus”, dal Museo …

Anche nella stagione e...

Parco dell’Aspromonte, il 21 luglio la Giornata dell’Amicizia con escursione “speciale”

Parco dell’Aspromonte, il 21 l…

Tutti insieme in cammi...

A Sant’Eufemia d’Aspromonte celebrata la sesta edizione della Giornata della Riconoscenza

A Sant’Eufemia d’Aspromonte ce…

«L’esempio quotidiano ...

Ente Parco. Rondoni e divertimento: il 23 giugno torna il Festival in Aspromonte

Ente Parco. Rondoni e divertim…

È ormai diventata una ...

“In Cammino nel Parco”: domenica prima escursione a Zervò. Aperte le iscrizioni

“In Cammino nel Parco”: domeni…

Tra i piani di Zervò e...

Domenica 23, l’escursione di Gente in Aspromonte sulla cima dell’Aspromonte

Domenica 23, l’escursione di G…

Gente in Aspromonte in...

Prev Next

Escursioni. Si è conclusa domenica scorsa la 3DAYS TOGETHER, organizzata da "Gente in Aspromonte"

  • Published in Eventi

«Nel pomeriggio di domenica scorsa si è conclusa la 3DAYS TOGETHER, l’evento organizzato dall’Associazione Escursionistica Gente in Aspromonte che, con le tante attività proposte, ha chiamato a raccolta sul versante ionico dell’Aspromonte gli escursionisti di tutte le sei associazioni escursionistiche calabresi affiliate alla Federazione Italiana Escursionismo, l’associazione Greenstone di Messina che ha partecipato con grande amicizia e rinnovata curiosità nei confronti della grande famiglia FIE, oltre che alcuni escursionisti della FIE Lombardia e FIE Umbria.

La visita guidata al borgo di Gerace; i convegni di venerdì e sabato pomeriggio durante i quali, insieme ai rappresentanti dei Parchi Nazionali del Pollino, della Sila e dell’Aspromonte, del Parco Regionale delle Serre, della Riserva Naturale delle Valli Cupe e della Presidenza della Federazione Italiana Escursionismo, si è discusso di sentieristica, di ambiente, comunicazione, tutela e valorizzazione delle aree protette; le escursioni a Monte Tre Pizzi e a Pietra Cappa, luoghi dai quali gli ospiti non volevano più andar via; le ricche degustazioni organizzate per i pranzi immersi nella natura; la cena di venerdì, ‘stile Gente in Aspromonte’, sotto un cielo stellato a dir poco magico; quella di sabato, elegante, in ristorante; le dirette Facebook perché tutti gli interessati potessero seguire le attività da casa; i dolci e i liquori fatti in casa offerti dai soci di Gente in Aspromonte nel perfetto spirito della vera accoglienza calabrese: tutto questo ha incantato gli ospiti e ha fatto apprezzare al meglio le bellezze della nostra terra.

È doveroso un grande ringraziamento ai tanti soci di Gente in Aspromonte che si sono messi in gioco assolvendo ai più disparati incarichi, sempre disponibili a collaborare attivamente e in piena armonia; un contributo essenziale, perché, se solo un piccolo ingranaggio della macchina organizzativa si fosse inceppato, non sarebbe stato possibile portare a termine l’iniziativa con gli stessi tangibili risultati. E ancora si ringraziano tutti i partecipanti che, accettando l’invito di Gente in Aspromonte, hanno impreziosito l’evento con la loro partecipazione.

L’Associazione Gente in Aspromonte vuole continuare con i dovuti ringraziamenti: ai rappresentanti delle Aree protette calabresi che, con la loro presenza, hanno dato rilievo e valore all’iniziativa arricchendola di contenuti preziosi; alla Presidenza della Federazione Italiana Escursionismo che ha partecipato a tutte le attività proposte; al Club Hotel Kennedy di Roccella Ionica che, oltre ad offrire il cestino per il break mattutino degli escursionisti, ha saputo andare incontro a tutte le richieste degli ospiti per l’intera tre giorni; alla Fondazione Città di Gerace, per la disponibilità a concedere l’uso gli spazi del Complesso Monumentale di San Francesco a Gerace; al Comune di Gerace, che ha aperto le porte della Chiesa di San Francesco per ospitare il Convegno del venerdì pomeriggio ed è stato presente nella persona del Vice Sindaco fino a tarda sera; all’Azienda Agricola Green Fruit di Zucco per l’allestimento e la degustazione di sabato nel territorio di Ciminà, in pieno spirito di accoglienza; all’Azienda Agricola Panzera per la degustazione di miele da accompagnare ai formaggi con assaggi di miele in favo; al Comune di Ciminà che, nella persona del Sindaco, ha accolto gli escursionisti, confermando, insieme al Comune di Gerace, che le amministrazioni locali sono al fianco delle associazioni che lavorano proficuamente sul territorio; infine, non ultima, alla ProLoco K di Careri che ha allestito la degustazione offerta nel corso dell’escursione di Domenica.

Unici grandi assenti, ed è doloroso constatarlo, gli organi di informazione: sebbene avvisati per tempo dell’evento e informati di tutte le attività previste dal ricco programma, hanno disertato le attività, non hanno svolto quel ruolo primario che è loro affidato: dare alla collettività la giusta informazione sulle manifestazioni che sanno valorizzare il territorio, premiare le eccellenze locali e richiamare l’attenzione, in questo caso, di oltre cento escursionisti provenienti da tutta la Calabria, dalla vicina Sicilia e non solo. Solo una rete televisiva locale ha risposto con la sua presenza al convegno a Gerace: è possibile che, per informare gli appassionati di ciò che si concretizza sul tema della natura, dell’associazionismo e della cultura, le associazioni debbano provvedere in proprio contando unicamente sui social media e sul passaparola? Le testate giornalistiche vogliono vivere di soli comunicati stampa redatti dalle realtà presenti sul territorio, facendo il solo sforzo di pubblicarli? L’occhio attento e competente del giornalista non deve osservare gli eventi in prima persona, senza che i fatti siano narrati, magari inadeguatamente, dagli stessi promotori?

Queste amare considerazioni non possono comunque velare la grande soddisfazione per quanto realizzato: non attraverso le testate giornalistiche, ma osservando la gioia nei sorrisi e negli occhi di tutti i partecipanti, e apprezzando la risposta del territorio, l’associazione Gente in Aspromonte può affermare di aver trovato conferma del buon lavoro svolto.

La stampa … non è nemmeno rimasta a guardare …»

Leggi tutto

Domenica 14, l’escursione di Gente in Aspromonte ad Ortì, dove sono presenti “tracce di mare in montagna”!

Gente in Aspromonte domenica 14 aprile  sarà ad Ortì, nel territorio di Reggio Calabria.

Un’escursione sul versante calabrese dello Stretto che, come quello siciliano, offre la possibilità di toccare con mano quelle rocce che furono innalzate dalle profondità del mare e i cui fossili presenti a 1000 mt sul livello del mare, testimoniano come quest’area custodisca un patrimonio di incommensurabile interesse geologico.

Un’escursione per tutti i gusti, soddisferà gli escursionisti più esperti con l’ascesa ad Ortì dal quartiere di Archi di Reggio Calabria, e gratificherà con un giro turistico i camminatori che non desiderano cimentarsi nella faticosa salita e che, insieme alle famiglie e a coloro che giungeranno a piedi da Archi, visiteranno il Museo della Seta, Monte Chiarello e tanto altro.

Appuntamento dunque a domenica per l’ottava delle 26 escursioni previste dal programma e, come di consueto per chi volesse saperne di più, tutte le info alla pagina www.genteinaspromonte.it

Leggi tutto

L’associazione Gente in Aspromonte alla ricerca della natura nascosta

Continua lo svolgimento del programma di Gente in Aspromonte con la bellissima escursione che si è svolta domenica 31 marzo nel bosco di Rumbica, nel territorio dei comuni di Molochio e Ciminà. Una bella giornata primaverile ha fatto da cornice ad uno stupendo percorso con pochi dislivelli che partendo dal luogo di culto di villaggio Moleti ha portato la numerosa comitiva dei partecipanti nel cuore di questo scorcio di stupendo Aspromonte dove si conservano essenze botaniche significative come l’acero montano, l’abete bianco, castagni secolari, agrifogli maestosi e faggi monumentali oltre ad erbe, arbusti, felci e alberi di frutti ormai in via di estinzione.

Unico aspetto dolente per gli attenti osservatori è stato quello di costatare il completo abbandono di un bosco che, proprio per le sue peculiarità e la sua importanza, dovrebbe essere manutenuto, studiato, tutelato da eventuali devastazioni di malattie o parassiti.

L’escursione è stata una vera e propria immersione nella biodiversità del parco d’Aspromonte che in questo angolo è caratterizzato anche dalla presenza di numerose sorgenti e fontane da cui sgorgano acque con eccellenti proprietà organolettiche e chimico-fisiche.

La fontana dell’acqua calda, che calda non è, la fontana du medicu, du russu, da pruppetta sono alcuni esempi di sorgenti alle quali gli escursionisti hanno potuto attingere per dissetarsi nel corso della bella e lunga camminata. Lungo il percorso e prima di imboccare il sentiero a chiusura dell’anello è stata raggiunta la Timpa di Galessia da cui si affacciano un meraviglioso paesaggio sulla piana di Gioia Tauro e in lontananza, a valle della montagna, i tre salti della maestosa cascata Mundo nel territorio di Molochio. Insomma una stupenda giornata a contatto con la natura nascosta dell’Aspromonte che gli appassionati di Gente in Aspromonte continueranno a scrutare nel corso dello svolgimento del corposo e interessante programma escursionistico per l’anno 2019. 

Leggi tutto
Subscribe to this RSS feed

  • fb iconLog in with Facebook