Menu
In Aspromonte
Wwf Calabria. L’eterno problema cinghiale

Wwf Calabria. L’eterno problem…

Nonostante lo abbia fa...

Nota stampa di Maria Carmela Lanzetta in risposta al Presidente del Parco Aspromonte Bombino

Nota stampa di Maria Carmela L…

«La mia candidatura al...

Reggio. Sabato 17 febbraio il Segretario Generale del Partito Comunista, Marco Rizzo, presenta i candidati del territorio

Reggio. Sabato 17 febbraio il …

Riceviamo e pubblichia...

Nota stampa di Francesco Toscano, candidato capolista della Lista del Popolo nel collegio plurinominale Calabria 2

Nota stampa di Francesco Tosca…

Per liberare il sud da...

WWF al fianco dei Carabinieri forestali in Calabria

WWF al fianco dei Carabinieri …

"Apprendiamo in queste...

La nostra storia. Il tempo dei mascherati

La nostra storia. Il tempo dei…

A dispetto delle duris...

Brancaleone. Straordinario successo della giornata nazionale del dialetto organizzata dalla Pro - Loco

Brancaleone. Straordinario suc…

Straordinario successo...

Reggio. Sabato 13 gennaio si terrà la presentazione del Programma Escursionistico 2018 di “Gente in Aspromonte”

Reggio. Sabato 13 gennaio si t…

"Siamo pronti ai senti...

Bioshopper, WWF: necessario porre un argine all'invasione della plastica

Bioshopper, WWF: necessario po…

NEI MARI DEL PIANETA “...

Presepe Vivente: a San Roberto (RC) rivive la Betlemme di duemila anni fa

Presepe Vivente: a San Roberto…

Il Presepe Vivente com...

Prev Next

Vele, veline e barconi

  •   Bruno Salvatore Lucisano
Vele, veline e barconi

Le vele che girano per il web sono quelle del 2016, quelle del 2017, non sono ancora note. Però, si ha l’ufficialità dei comprensori premiati con le fatidiche cinque vele. E anche dei comuni con cinque vele.

E mentre sui giornali si vedono vele di qua e vele di là, tranne che nel nostro mare, sarà bene vedere questa classifica che tutti potete trovare sul sito di Legambiente.

Ecco i quindici comprensori marini, degni delle cinque vele (nessuno è calabrese):

1) Litorale di Chia (a sud della Sardegna)

2) Maremma Toscana

3) Baronia di Posada e Parco di Tepilora (in provincia di Nuoro).

Seguono: il Litorale di Baunei (sulla costa orientale sarda), L’Alto Salento Adriatico), la Costa del Parco Agrario degli Ulivi secolari (sempre in Puglia), la Costa d’Argento e Isola del Giglio la Planargia (ovvero il litorale del comune di Bosa), l’isola di Ustica (in Sicilia), la Gallura e PN Arcipelago La Maddalena (vasto comprensorio nella Sardegna nord orientale) il Sud Cilento (in Campania) l’Isola di Salina (nell’arcipelago delle Eolie). Ed ancora la Costa di Maratea e il Golfo di Policastro, le Cinque Terre (in Liguria), il litorale Nord Trapanese. Tutto qua!

Queste sono le vele che navigano, questi sono i politici e gli amministratori che amano il territorio, queste sono vele non canotti.

Questa è la classifica dei comprensori perché, in Calabria, qualche comune, come Roccella le cinque vele ce le ha e le mantiene, con soddisfazione della popolazione, di chi l’amministra e di chi l’ha amministrata da anni. A Locri, a Siderno, c’è la merda di sempre e a Bovalino è addirittura vietata la balneazione.

Ecco, questo è. Finitela di prendere la gente in giro riempendovi la bocca di vele quando, fino a qualche giorno fa e tutt’ora scorre implacabile ed inesausta la fogna a mare!

Ma quali vele, qui manco barche a remi ne abbiamo più!

Fatevi il bagno e usate la lingua per salvagente.

Chiudo con una domanda che è questa: Ma in Sardegna, la gente, non…mangia?

Qui da noi navigano solo chiacchiere e fasce tricolori fino a quando non arriva…Minniti!

Buon bagno a tutti.

*Sapete se una nave Ong è mai arrivata in uno di questi porti o conoscono solo la rotta per Reggio Calabria?

Se non fosse che non funzionano bene le fogne, vi manderei tutti a cacare!


  • fb iconLog in with Facebook