Ottobre 17, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Perché i baby boomer amano parlare al telefono e i millennial lo odiano?

“Ho dovuto fare tre chiamate con estranei finora questa mattina e le mie chiamate Salute psicologica Hai raggiunto il Millennio Al culmine dell’ansia per tutta la settimana. Questa sono io, timorosa e determinata”.

C’è una guerra davanti ai nostri occhi, ma nessuno vuole accorgersene. Con questo messaggio si riassume la linguistica Miguel Sanchez Ibanez (35 anni) su Twitter (ovviamente) uno degli argomenti che sono stati mostrati su Millennial. Quello che a volte è stato descritto come La generazione ‘stupida’ Per lo stesso motivo: la loro avversione a parlare al telefono, che si traduce in un uso quasi esclusivo dei messaggi scritti (WhatsApp, mail, quant’altro), nell’attesa che finisca il campanello per rispondere per iscritto o nel rendere il telefono sempre muto. Non smetti di essere giovane non quando diventi nautico, ma quando attivi una suoneria.

Pochi divari generazionali sono così evidenti come l’atteggiamento nei confronti delle telefonate tra baby boomer e millennial o Generazione Z. Alcuni chiamano e altri no. I primi si rivolgono sempre al telefono quando possono risolvere un problema mandando un sms (o, almeno, così pensano i Millennials). Quel famoso “Aspetta, ti chiamo” che suona come una minaccia, uno spreco di 10 minuti, per smettere di fare quello che stai facendo Partecipa con tutti i sensi al telefono. Questi ultimi ricorrono sempre a lettere scritte quando avrebbero potuto risolverlo per contatto (o, almeno, così pensano i “boomer”.

“Nel mio caso, penso che la causa della mia ansia sia legata alla timidezza Vertigini da esposizione, caldo e senza letto, chi sono e cosa voglioPiù volte davanti a sconosciuti”, spiega (per iscritto ovviamente) Sanchez Ibanez, autore diLa (nuova) logica dei linguaggiL’altro giorno un amico mi ha risposto che tocca ‘l’essenza esistenziale’ di una giornata di lavoro e, personalmente, essere davvero più che abituato a WhatsApp, perché mi costa, perché nel canale scritto puoi sempre prenderti il ​​tuo tempo per dare forma al messaggio che vuoi diramare, rispondere al messaggio che ti inviano, impostarlo con emoticon che modulino e spezzino il dialogo…”.

“Dovresti essere disponibile per me” è una funzionalità di “Boomer”

Prima premessa: considerando che la comunicazione telefonica abilita il chiamante, il ‘mittente’, la persona trasportata dal messaggio (che sia tramite WhatsApp, e-mail o nostalgia, breve messaggio) ristabilisce il saldo a favore del destinatario come spiega (tramite una telefonata) Cristina Villa (45), professoressa nel dipartimento di spagnolo dell’Università di Valladolid, ha affrontato la sofferenza dei suoi studenti quando li ha chiamati al telefono. “e io li chiamo È troppo violento per loro quindi devo usare whatsapp e adattarmi al loro mondo“.

Ma perché l’hobby “Boomer” al telefono? “La velocità di ‘Qui ti prendo, qui ti uccido’ e ‘Dovresti essere a mia disposizione’ è un vantaggio che i difensori della conversazione telefonica possono vedere”, apprezza. “NSQuando chiami, decidi il momento in cui è chiamato. Questo è ciò che i critici della conversazione telefonica stanno cercando di evitare”.

READ  La Cina ha mostrato i suoi nuovi aerei e droni che sono stati tenuti segreti fino a poco tempo

Chi chiama, insomma, ha la meglio, e ha deciso che il momento, le circostanze (temporanee, ma anche mentali e fisiche) Vengono in mano. Al contrario, la persona che riceve la chiamata non sa niente: Né come ti chiamano (complimenti o intenzione?), né quanto durerà la chiamata (è una domanda breve o starò al telefono per mezz’ora?), né l’importanza di ciò che è stato discusso (sciocchezze o dramma?), o quali argomenti trattare. È vero che il “chiamante” non sa se il “chiamante” è in bagno o nel suo ufficio, ma a lui non importa.

vivi o fai tardi

La seconda premessa: la sincronizzazione del telefono ci rende Mostra, come suggerito dal linguista “Millennium”. La grande quantità di informazioni non verbali che fornisce una telefonata ci rende molto trasparenti all’interlocutore. Una pausa inappropriata, un cambiamento nel tono di voce o un’esitazione possono dimostrare che siamo all’oscuro, che odiamo l’altra persona o che ci piace. non si può”Esci a guardare“La mia telefonata. Al contrario, le lettere scritte ci danno molto più spazio per pensare, anche se abbiamo bisogno di un po’ di tempo per scriverle. Scrivere… su Internet. Scrivere…

“Nell’interazione orale, l’investimento emotivo è sempre maggiore.”

“Mi sento esposto quando parlo al telefono con estranei, probabilmente perché ci sono tanti modi di comunicare con loro che mi permettono, in un certo senso, di “parapetto” Per mascherare questo sintomo, è difficile per me trovare una giustificazione per una tale interazione verbale in cui l’investimento emotivo sarà sempre maggiore”, aggiunge Sanchez. Ecco perché videochiamate: Perché ci vuole più sforzo per essere più visibili.

“Per iscritto, l’esposizione della persona è inferiore”, aggiunge Villa. “Non può sentirmi, quindi posso controllare i sentimenti”. Gli emoji non sostituiscono i sentimenti. Invece, serve per esprimere il contrario di come ti senti veramente: è più probabile che disegniamo una faccina sorridente quando siamo secchi o irritabili (e lo sappiamo). Il emoji È completamente controllato, mentre c’è molto di più nella chat vocale Più gesti fuori dal nostro controllo Possono tradirci. L’inferno dei “Millennials”, che non parlano al telefono con i loro amici, ma con i loro capi, clienti o familiari. Voglio dire, proprio il tipo di persone contro cui non vuoi scivolare.

C’è un altro buon motivo per amare i baby boomer: Non vogliono fraintendimenti che di solito generano lettere scritte (anche se ci sarà chi si oppone a loro, che quando qualcosa è scritto in nero è più facile farvi riferimento di nuovo), e senza scuse ‘Ah, deve essere andato a “File di spam”Ciò può essere dovuto in parte alla mancanza di abitudine a ordinare le cose con una scrittura scorrevole, a una certa mancanza di competenza digitale per esprimersi e mantenere una comunicazione aperta attraverso messaggi che avviene anche tra le generazioni più giovani.

READ  Xiaomi | Elenco dei cellulari che verranno aggiornati alla MIUI 13 | ufficiale | Smartphone | Software | livello di personalizzazione | Aggiorna | nda | nnni | GIOCO SPORTIVO

“L’altro giorno ho ricevuto un’e-mail da una bambina che mi ha detto ‘Sono uno dei pochi miei amici che mi chiamano Mi apprezzano molto al lavoro perché sono l’unico che sa parlare al telefono“Ricorda Villa. Ma, non importa quanti anni abbiamo, in generale, per noi è sempre più difficile alzare il telefono per chiamare o rispondere a una chiamata. E tutti noi, una volta o l’altra, ammettiamo di aver lasciato squillare il telefono .” Io stesso, quando squilla il telefono, dico “mmmm.” , ma un po’ meno giovanile”, ammette Villa. Terminare le chiamate? Non così in fretta.

È un piacere parlare al telefono

Ipotesi tre: quando immaginiamo una telefonata, pensiamo che sarà Più scomodo di quanto non sia già.

Amit Kumar Ricercatore in psicologia sociale presso l’Università del Texas ad Austin e uno dei pochi autori ad aver affrontato questo argomento. Quando suggerisce che potrebbe essere più facile, data la differenza di fuso orario, parlare per posta, insiste: No, no, Molto meglio al telefono Anche se siamo a otto ore di distanza. Sei d’accordo con i tuoi ultimi risultati Indagine, pubblicato sul “Journal of Experimental Psychology”, dove mostra che la comunicazione attraverso la voce è sempre più soddisfacente dei messaggi. Il problema è che la gente non se ne rende conto.

“Se sei abituato a parlare al telefono, sai che non è stressante”

Una domanda. “Le aspettative delle persone diminuiscono l’utilità di interazioni più intime attraverso il suono”. Perché allora siamo così preoccupati di parlare al telefono?

Risposta. La gente pensa che sarà più scomodo di quanto non sia in realtà. Quando parliamo come te e io adesso, posso cambiare il mio tono, aumentare il mio tono e tutti quei tipi di cose che producono sentimenti e una comunicazione più intima. Tutto si perde nel testo.

P. Ma è proprio questo che i giovani non amano, sanno sentirsi.

R: Sono solo speculazioni, ma penso che la gente pensi molto nei primi momenti della conversazione. Pensa alla stessa chiamata: dovevi chiamare il mio numero, aspettare che rispondessi e magari pensavi “Come risponderà?” Ma quando abbiamo iniziato a parlare, quell’ansia è scomparsa. Quando ricorderai questa conversazione, non la ricorderai come una cosa negativa. In generale, se dici “ciao” a qualcuno, ti risponderà!

D: Non è importante chi sta chiamando e chi riceve la chiamata?

A. Potrebbero esserci differenze nella situazione, come A Presidente chiamare un dipendente. Nel nostro contesto, le persone hanno cercato deliberatamente di connettersi con un’altra persona, come un vecchio amico o estranei, in un’altra esperienza, ma in tutti i casi stavano cercando di connettersi con qualcuno.

S. Perché le persone preferiscono un testo se genera più incomprensioni e meno soddisfazioni?

READ  Xiaomi ha lanciato il nuovo tapis roulant che vorrai acquistare

R: È il risultato di queste false aspettative. La cosa interessante è che è difficile per le persone scoprire questi benefici se non hanno mai provato a connettersi con loro. Le persone pensano che la comunicazione sarà imbarazzante, quindi preferiscono non esporsi.

D: Perché i Boomer preferiscono chiamare al telefono?

R: Non abbiamo preso in considerazione le differenze di età nei nostri esperimenti, ma una possibilità è che alcune persone abbiano più esperienza nel parlare al telefono e questo gli faccia sapere che non è stato particolarmente stressante. Se sei abituato a parlare al telefono, hai imparato a definire le tue aspettative. La cosa che è stata interessante per me è quel tempo trascorso in conversazioni parlate o in conversazioni postaSebbene la gente pensi che la posta sia veloce e che il telefono impieghi troppo tempo, è simile, senza il vantaggio di sentire quell’intimità.

“A volte ci concentriamo troppo sulla competenza e troppo poco sulla connessione con gli altri”.

“Il focus della nostra ricerca è sulle connessioni personali, perché gli esseri umani sono esseri sociali, e questo è qualcosa di essenziale La nostra salute fisica e mentale‘”, conclude. “A volte, come suggeriscono le tue domande, ci concentriamo troppo in efficienza o “multitasking”, nel trasmettere un messaggio a un’altra persona, non in ciò che è importante, che è il modo in cui comunichi con gli altri, che è ciò che ti rende felice.

Prima di riagganciare, ha chiesto a Kumar la sua età. Ha 35 anni e sta per compierne 36. Abbiamo solo pochi mesi. Alcuni lettori potrebbero essere stati in grado di pensare dalle sue risposte che fosse un “Boomer”, ma non è così. Ha visto l’aumento dei messaggi dopo l’età del telefono. “Quando pensi agli sviluppi tecnologici, ti rendi conto di come sono cresciuti gli sviluppatori Il numero di possibilità di esprimerci per iscritto Qualunque siano le sue implicazioni, ma sebbene alcune persone lo preferiscano, in realtà sono le nostre aspettative errate a generare questa preferenza”. Connettersi senza paura.

Foto: Foto: Reuters.

L’ultima grande contraddizione. Non abbiamo scritto molto prima, ricorda Sanchez Ibanez, ma non abbiamo mai scritto prima Abbiamo parlato di meno. “L’oralità, invece, non smette mai di conquistare nuovi territori nelle forme della nostra comunicazione quotidiana (ecco perché WhatsApp, in Twitter…spesso “scriviamo mentre parliamo”), e d’altra parte, l’orale stesso è “stipato” in situazioni che non coinvolgono la tecnologia”. Un futuro senza chiamate? Kumar dubita: la pandemia ci ha aiutato, a almeno, ricorda la divertente conversazione senza messaggi, almeno quando ci sentiamo soli.