Settembre 23, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Perché i leader europei dicono che non accoglieranno i rifugiati afgani

BERLINO – Prima dello sbarco in Germania del primo gruppo di 19 rifugiati afgani mercoledì, nel Partito conservatore della presidente Angela Merkel circolava la frase: “Il 2015 non si deve ripetere”.

La signora Merkel, che vuole candidarsi alla presidenza dopo le elezioni del prossimo mese, ha detto lunedì. Un alto funzionario di un partito ha usato le stesse parole dopo un po’. Li ha ripetuti un ministro del governo.

Migliaia di afghani spaventati sono fuggiti dal paese mentre i talebani hanno rovesciato l’Afghanistan. Ma ha anche allarmato i politici europei, spaventati da un altro movimento di massa di richiedenti asilo musulmani. Sono preoccupati che dopo che l’ondata di richiedenti asilo dalle guerre in Siria e Iraq si è trasferita in Europa nel 2015, i nuovi immigrati vorranno elementi dell’estrema destra e dei movimenti popolari che hanno trasformato la politica.

Anche il sostegno agli immigrati è diminuito con l’immigrazione. Ma con le elezioni importanti in arrivo in Germania e Francia, la linea tracciata dai leader europei è fermamente in vigore. Gli afghani affrontano una mancanza di compassione in Europa, che è insormontabile.

Sebbene l’Afghanistan imponga all’Europa obblighi e responsabilità morali più pressanti che in qualsiasi altra guerra, molte delle sue nazioni si sono unite all’invasione statunitense delle forze della NATO dopo gli attacchi dell’11 settembre.

“Noi europei siamo in quel paese da 20 anni e ovviamente abbiamo una responsabilità morale, soprattutto nei confronti delle persone che lasciano questo nuovo regime talebano”, ha affermato Jan Bucklerin, presidente dell’Ufficio di Berlino del Consiglio europeo per le relazioni estere. “Ora diciamo che l’Afghanistan non è un nostro problema”.

Gli Stati Uniti affrontano un problema simile – e ancora più impegnativo – nell’accettare i richiedenti asilo in Afghanistan. Quasi ovunque, i governi hanno espresso il desiderio generale di accettare gli afgani che hanno lavorato con le forze statunitensi o con gruppi di aiuto internazionali, ma hanno fornito piccoli dettagli su come ciò potrebbe accadere.

Ma sono cauti nel determinare le molte altre migliaia che vogliono fuggire per sfuggire alla vita sotto i talebani, nonostante il numero relativamente piccolo di coloni sulle rotte di terra.

“Stiamo parlando di migliaia, non centinaia di migliaia, che hanno bisogno del nostro aiuto e sono sulla lista perché hanno lavorato con noi”, ha affermato Gerald Knos, presidente fondatore dell’Iniziativa europea di stabilità.

Considerando il calo complessivo del numero di migrazioni negli ultimi anni, sollevare i timori di un’altra ondata è “un umanesimo di paglia”. “Il 2015 non accadrà mai più”, ha detto. “Paragonare il 2015 è completamente sbagliato e politicamente pericoloso”.

READ  Il viaggio sotto la bandiera panamense corre in piano nel nord del Giappone, dividendosi in due

Tuttavia, riflette l’interessante politica degli ultimi anni. Sotto la guida della Merkel, la Germania ha accolto più di un milione di rifugiati nel 2015 e nel 2016 ed è stata una sfida per i suoi partner europei.

Questo problema divide l’Europa in due, con i paesi dell’Est che accettano l’arrivo e si scontrano oltre il recinto di filo spinato. Il razzismo ha gettato nuove radici. Anche i partiti anti-immigrazione – che erano anti-UE – hanno minacciato di rompere l’alleanza.

“Non puoi sottovalutare il trauma di quel periodo”, ha detto la signora Bucklier. “Quando l’Europa si è sentita appesa a un filo, è stato il momento in cui è scoppiato il consenso principale”.

“Questo è ciò che incombe su queste reazioni”, ha aggiunto.

Il mutato tono proveniente da Berlino sta già echeggiando in vari angoli d’Europa. L’Austria, una delle principali rotte migratorie sei anni fa, si rifiutò categoricamente di portare rifugiati in Afghanistan. La Grecia ha subito chiarito che non sarebbe più stata una “porta di accesso” per i rifugiati verso l’Europa. La Francia ha chiesto una “risposta forte” per mantenere i rifugiati più vicini a casa.

Il capo della politica estera dell’Unione europea, Joseph Borrell Fondellas, ha detto brevemente dopo l’incontro con i ministri confederati che gli Stati membri vogliono “assicurare una migrazione su larga scala verso l’Europa”.

Ma gli esperti avvertono che i tentativi di evitare i partiti populisti potrebbero ritorcersi contro, facendo rivivere un problema in via di estinzione. Il numero di immigrati effettivi è sceso al livello più basso da anni e la maggior parte delle frontiere del 2015 è ora protetta.

Se qualche partito trarrà vantaggio da questo problema nelle elezioni tedesche, sarà un’alternativa di estrema destra alla Germania, o all’AfD, Mr. Knos ha sostenuto.

“Se la paura di un immaginario flusso di rifugiati diventa un argomento nella campagna elettorale tedesca, ne beneficerà solo un partito, non la CDU”, ha detto al principale partito conservatore tedesco. “Aiuterà l’AfD, che è davvero vulnerabile perché non abbiamo rifugiati”.

I leader dell’AfD hanno colto questo momento e si sono opposti a gran voce all’arrivo dei rifugiati in Afghanistan sui loro canali di social media; Il loro slogan principale è Mr. Lachet echeggia: “Il 2015 non si può ripetere!” L’AfD è stagnante con circa il 10% dei voti.

Matteo Salvini, la cui Lega ha faticato ad attirare l’attenzione all’interno di un ampio governo di coalizione, ha avuto l’opportunità di tornare sui suoi temi anti-immigrazione. “Porte aperte a migliaia di uomini, compresi potenziali terroristi, assolutamente no”, ha scritto su Twitter.

Tuttavia, alcuni leader europei sono stati molto schietti nel riconoscere la responsabilità dell’Europa.

Martedì il presidente del Consiglio Mario Tragi ha detto in televisione che sono i benvenuti coloro che hanno aiutato l’Italia in Afghanistan, così come “tutti coloro che si sono espressi per la difesa delle libertà fondamentali, dei diritti civili e dei diritti umani”.

La Merkel, che si dimette dopo le elezioni, è più sottile dei suoi colleghi conservatori. Coloro che hanno lavorato con l’Occidente e ora sono in pericolo devono essere salvati, ha detto.

“Per molti che hanno lavorato per costruire progresso e libertà – soprattutto le donne – questi sono eventi amari”, ha detto. Ora, ha detto, “è il momento di portare quante più persone possibile in sicurezza”.

Ma i titoli dei giornali sono dominati dai timori di una ricorrenza nel 2015, quando si è visto che il governo guidato dai conservatori della Merkel ha perso il controllo da parte di alcuni elettori.

Marcus Soder, leader dei conservatori bavaresi, ha avvertito di un'”ondata di rifugiati” dall’Afghanistan e ha sottolineato che la Germania “non potrebbe avere un secondo 2015”.

Al confine austriaco, il ministro dell’Interno non solo ha rifiutato di accogliere rifugiati, ma ha anche fatto campagna per “centri di espulsione” nella regione vicino all’Afghanistan.

“L’Afghanistan non ha motivo di venire in Austria ora”, ha affermato il ministro Carl Nehmer, che ha incontrato i ministri degli interni europei in videoconferenza.

READ  L'Italia perde contro Svizzera, Inghilterra, Spagna, Germania e Belgio vincono le qualificazioni europee

Sotto la pressione della signora Le Pen, il presidente francese Emmanuel Macron ha dichiarato apertamente: “L’Europa non può sopportare da sola le conseguenze della caduta dell’Afghanistan”.

Invece, ha esortato l’UE a creare una “risposta forte” a qualsiasi nuovo arrivo di migranti dall’Afghanistan, che mira a pagare i rifugiati per trasportare i paesi per rimanere lì. Sig. Macron ha dichiarato lunedì di voler instaurare una “cooperazione con i paesi dei trasporti” come la Turchia, i paesi dell’Asia centrale e il Pakistan.

Questo sembra essere il consenso emergente: l’idea che gli europei lavorino insieme per mantenere i rifugiati nella regione.

“La soluzione deve essere comune, deve essere una soluzione europea”, ha affermato il ministro greco dell’immigrazione Nodis Mitarachi.

“Chiariamo ai rifugiati e ai migranti che cercano di entrare nell’UE che possiamo e non possiamo essere la porta d’ingresso per l’Europa”, ha detto l’emittente statale Mitrachi a ERT.

Per raggiungere questo obiettivo, i ministri degli esteri dell’UE si sono incontrati martedì e hanno deciso che prima dell’insediamento di un governo in Afghanistan, Bruxelles dovrebbe coinvolgere i talebani per ragioni pratiche.

Il capo della politica estera della federazione, Mr. Borel ha dichiarato: “Dobbiamo parlare con loro per impegnarci nel dialogo necessario per prevenire un disastro umanitario e un possibile sfollamento”.

Elva Johansson, commissario europeo per gli affari interni, ha affermato che la cooperazione con i vicini Afghanistan, Pakistan, Iran e Tagikistan si “intensifica”, come nel caso della Turchia, dove già vivono molti immigrati afgani. L’accordo del 2016 tra Bruxelles e Ankara ha bloccato il flusso.

Il primo aereo di evacuazione con rifugiati afgani è atterrato a Francoforte mercoledì mattina presto. I 19 rifugiati – insieme a tre famiglie e un padre con sua figlia – sono stati poi portati ad Amburgo, che ha preparato un rifugio temporaneo per 200 rifugiati. Molte città e regioni si sono offerte di accogliere rifugiati, compreso lo stato nordoccidentale governato da Lashet.

Sig. Lasket era una strenua sostenitrice della politica sui rifugiati della Merkel del 2015, ma il suo successo è stato ostacolato. . “

Ma durante un evento della campagna elettorale nel nord della Germania mercoledì, ha tracciato una linea attorno ad alcuni parenti.

“Le assicuro, come Cancelliere, che tutti coloro che sono in questa lista di nomi e che hanno aiutato la Germania saranno portati via dalla Germania”, ha detto Laschett.

Annunciato da Catherine Benhold da Berlino e Steven Erlanger da Bruxelles. Christopher F. Sootze ha riferito da Berlino ed Emma Bubola da Roma.