Ottobre 21, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Quando la morte apparve negli occhi di Maravilla Martinez

“Erano le dodici di mezzogiorno del 2 gennaio 2013, e il chirurgo mi ha detto, “Sergio, ora devo operarti perché se non succede, al massimo alle 17, devo amputarti la gamba, perché morirai tra mezzanotte e mezzogiorno di domani.” Non mi sono operato, non mi hanno amputato la gamba e non credo di essere morto”. Dopo più di otto anni, Sergio Maravilla Martinez (1975, Buenos Aires) torna a salire sul ring con 46 molle alle spalle, ma Bohm è un bambino. Affronterà Brian Rose il 25 ottobre, anche se avrebbe dovuto appendere i guanti al chiodo molto tempo fa. Per la boxe, non l’ha fatto.

Questa sarà la terza partita dell’Argentina dal suo ritorno sul ring nel 2014, quando Miguel Cotto Sconfiggilo in Leggendario Madison Square Garden. Sei anni dopo, nel 2020, Maravilla ha risposto vincendo Jose Miguel Fandinho E ora, con un 53-3-2 record Vuole mettere in chiaro che quando parla di lottare per un titolo mondiale non sta scherzando. Egli ha detto Yahoo Sport In un’intervista ha parlato apertamente di tutto ciò che ha dovuto affrontare per arrivare qui. “Ho dovuto passare molto, usando la morfina per calmare il dolore lancinante e dovendo rinunciare perché mi stava distruggendo dentro. Poi ho iniziato con i corticosteroidi, che mi hanno peggiorato con la morfina”, ammette Sergio Martinez. “Ho interrotto tutto e ho fatto delle terme che mi hanno tolto il dolore perché uccidevano due tipi di batteri che avevo nel ginocchio che né i medici né lo sapevo».

guida | I passaggi che devi seguire per poter guardare un video di YouTube che non è disponibile a causa delle tue preferenze sulla privacy.

Molti, dopo aver superato molti ostacoli, lo considereranno di nuovo uno scherzo. Tuttavia, tra ahah e GGMaravilla inizia a flirtare di nuovo sul ring. “Quando il dolore è passato, ho cominciato a scherzare sul fatto che sarei tornato. Lo scherzo dopo mezz’ora si è trasformato in qualcosa di serio. Una settimana dopo, mi stavo già allenando e avevo un’idea molto chiara di combattere di nuovoUn combattente con una carriera leggendaria e titoli mondiali in diverse classi di peso ha rifiutato di ritirarsi, tutto per ostinazione “Sfida personale”, come ammette lui stesso. Ma anche per una mentalità vincente che punta a riqualificarsi per la cintura. “Voglio vincere, vincere e vincere ancora”, ha detto Louis Aragon. Chi lo dice? Ryota Murata dice anche Gennady Golovkin NS Chris Eubank Jr Loro tre hanno la possibilità di schiacciare me… e me”. Guarda, Sergio Martinez, quando pronuncia queste parole, non mente.

READ  Rambo de Leon ai messicani prima del duello con l'Honduras: 'Nel primo calcio faranno denuncia all'arbitro' - Diez

Non ci sono due fazioni, nessun personaggio costretto a vendere un combattimento, nessuna pretesa di essere più di quello che realmente sono. Le “meraviglie” non si nascondono, ma non ingannano nessuno, compreso se stesso. “Do assolutamente tutto sul ring e le persone apprezzano molto la consegna. Ma quando mi tolgo i guanti, sono normale e casual come chiunque altro. Mi sveglio con lo stesso mal di schiena che potresti avere tu, il tuo vicino, tuo padre o tuo cugino. Parlami degli stessi drammi che possono capitare a chiunque. Non ho mai pensato che dovessi creare un personaggio e per me è stato un bene sapere di aver sempre messo piede per terra”.

E quando mise i piedi ben saldi a terra, si rese conto che stava percorrendo strade sbagliate. “Il mio obiettivo è trovare l’equilibrio che mi dia la possibilità di scegliere la mia strada e, soprattutto, con chi farlo. All’inizio della mia carriera volevo essere un campione e questa era la cosa più importante. Ho vissuto i miei primi 14 o 15 anni di boxe pensando solo quel giorno e ho perso tutto quel tempo. Poi mi ci è voluto ancora qualche anno per maturare come uomo.” L’uomo di oggi ha fiducia nel tetto perché, come lui stesso proclama, “Una persona senza fiducia è inutile nella vita. Un uomo con entusiasmo e desiderio ha molti pericoli“.

Una storia dal glorioso passato trasformato in dramma e in un emozionante presente. I titoli vinti anni fa sono inutili (“Le mie cinture si sono ammucchiate su un tavolo e hanno preso polvere. Non do loro l’attenzione che meritano”Ma la possibilità di vincerne un altro mantiene l’illusione di Sergio “Maravella” Martinez, che ha affrontato la morte e ha deciso di non avere paura.

READ  Holyfield ha rischiato la vita combattendo | Altri sport 123

Video | Il campione del mondo di arti marziali miste sfida i suoi compagni di palestra a prenderlo a pugni senza muoversi.

Altre storie che potrebbero interessarti: