Settembre 21, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Questi sono gli accordi firmati da Chavismo e dall’opposizione venezuelana in Messico

Regime e opposizione in Venezuela in Messico

Il dialogo tra il regime di Nicolás Maduro e l’opposizione venezuelana ha dato i suoi primi risultati tangibili lunedì in Messico, dove le due delegazioni hanno annunciato i primi due accordi parziali dopo la seconda fase dei negoziati da venerdì.

“I risultati di questa tabella andranno a beneficio di tutti i venezuelani e di tutti i venezuelani. Lo abbiamo fatto di nuovo in Messico”.Jorge Rodriguez, rappresentante di Chavismo, ha detto alla stampa prima delle trattative.

La prima e più importante decisione è “Accordo parziale per la protezione sociale del popolo venezuelano”.

Sulla base di tale accordo, il Coordinatore della delegazione della Piattaforma Unificata, Gerardo Blade ha annunciato la creazione del Consiglio nazionale per il benessere sociale per affrontare i problemi sanitari e nutrizionali affrontati dai venezuelani.

Comunicazione congiunta tra Chavismo e l'opposizione
Comunicazione congiunta tra Chavismo e l’opposizione

Per risolvere questo flagello, Blade ha affermato di essere alla ricerca di risorse che consentano loro l’accesso a un numero maggiore di vaccini contro il COVID-19, nonché l’accesso al Programma di sicurezza alimentare delle Nazioni Unite.

“Non abbiamo bisogno che nessuno ci doni nulla, abbiamo abbastanza risorse”, Rodriguez ha detto, riferendosi al fatto che con denaro depositato all’estero, è possibile ottenere “vaccini COVID, attrezzare ospedali, frequentare programmi alimentari”.

A questo punto, Gerardo Blade ha rivelato che il chavismo aveva proposto idee per utilizzare i soldi della repubblica attraverso il Fondo Monetario Internazionale (FMI).

“Il regime ha chiesto risorse del FMI e non abbiamo ancora permesso nulla”, Rassicurato rappresentante delle forze democratiche venezuelane.

con quest’ultimo, Rodriguez ha detto che il regime di Maduro intende prendere il controllo dei beni che sono stati congelati all’estero.

dichiarazione di piattaforma unitaria
dichiarazione di piattaforma unitaria

Il secondo

READ  Cinque morti, otto feriti, due killer arrestati a Guayaquil e Doran poche ore prima dell'arrivo di gruppi di élite per intervenire nelle zone critiche | Sicurezza | Notizia

La lotta unitaria per “la ratifica e la difesa della sovranità del Venezuela sulla Guyana Iquipa”Con una superficie di 159.500 chilometri quadrati, è ricca di risorse tra Venezuela e Guyana, da quasi due secoli al centro di conflitti tra i due Paesi.

“Sono risorse appartenenti anche al Venezuela e illegalmente rubate attraverso il numero di ‘eccessiva conformità’, eccessiva conformità, e dal punto di vista del governo bolivariano sono misure illegali e coercitive, sanzioni errate”.Rodriguez ha sostenuto.

In tal senso, il rappresentante dell’opposizione ha affermato che: “Esequibo appartiene ai venezuelani, quindi non c’è differenza qui nel difendere il nostro territorio e la nostra sovranità”.

progressi nella negoziazione

Chavista lo ha annunciato I negoziati riprenderanno nella terza fase dal 24 al 27 settembre in Messico, Hanno negoziato sin dalla prima visita del 13-15 agosto, quando hanno firmato un memorandum d’intesa per concordare un’agenda comune.

La dichiarazione di Chavismo
La dichiarazione di Chavismo

Gerardo Blade ha anche annunciato che la questione del ripristino della costituzionalità democratica del Venezuela sarà discussa con l’obiettivo di ottenere “Un sistema giudiziario indipendente e sovrano che può decidere senza interferenze politiche”.

Allo stesso modo, ha affermato che: “Non c’è democrazia in Venezuela”, quindi ha insistito sul fatto che se non fosse stata raggiunta una rapida separazione dei poteri, “nemmeno la crescita economica” sarebbe stata possibile.

Con questo processo, promosso dalla Norvegia e di cui il Messico è il quartier generale, l’opposizione chiede elezioni “libere” alle regionali del 21 novembre, mentre il dittatore Nicolas Maduro chiede la revoca delle sanzioni internazionali.

La dichiarazione di Chavismo
La dichiarazione di Chavismo

“Le due parti hanno convenuto che il primo punto di discussione nel prossimo round farà riferimento al “rispetto dello stato di diritto costituzionale”. In particolare, si discuterà del sistema giudiziario e del rispetto delle istituzioni”.Lo ha annunciato in una nota l’ambasciata norvegese in Messico.

READ  Crisi nel governo argentino: i funzionari che hanno risposto a Cristina Kirchner hanno presentato le dimissioni al presidente Alberto Fernandez

“Le parti hanno concordato di stabilire meccanismi per recuperare e ottenere risorse per soddisfare i bisogni sociali della popolazione, con un’attenzione particolare agli effetti della pandemia di COVID-19, compresi quelli delle organizzazioni multilaterali”.Norvegia ha aggiunto.

Ma i disaccordi persistono

Sebbene il progresso Blade ha indicato alla stampa che nell’ambito dei colloqui gli accordi verranno raggiunti “a poco a poco” e dopo aver discusso le questioni “in modo completo” per non alimentare “false aspettative”.

Firme del chavismo e delle delegazioni dell'opposizione
Firme del chavismo e delle delegazioni dell’opposizione

Non siamo ancora arrivati ​​al punto su tutti i prigionieri politici in Venezuela, o gli esuli, oi perseguitati, è un punto all’ordine del giorno. Quando si parla di restituzione dei diritti, è il punto numero 1 all’ordine del giorno”.L’avvocato ha sostenuto.

Il rappresentante dell’opposizione ha anche spiegato che ci sono stati colloqui sulla “questione elettorale”, ma non era il “centro” delle trattative.

Gerardo Blade Pérez, rappresentante della Piattaforma Unificata
Gerardo Blade Pérez, rappresentante della Piattaforma Unificata

Inoltre, ha spiegato che il regime ha chiesto l’accesso alle risorse del Fondo monetario internazionale, ma l’opposizione non l’ha autorizzato.

Non abbiamo ancora permesso nulla, abbiamo semplicemente concordato di discutere e approfondire le discussioni nei prossimi turni. Quello di cui abbiamo parlato è che ci sono ancora risorse disponibili che sono state scongelate da conti all’estero che possono essere utilizzate per i vaccini”., ha sottolineato.

L’avvocato ha previsto un processo “lungo, difficile e complesso”.

Jorge Rodriguez, capo della squadra negoziale del dittatore Nicolás Maduro
Jorge Rodriguez, capo della squadra negoziale del dittatore Nicolás Maduro

Sulla base di quanto firmato il 13 agosto, le discussioni includono “diritti politici per tutti”, garanzie elettorali e un calendario per le elezioni monitorate.

Include anche la revoca delle sanzioni, la rinuncia alla violenza, il risarcimento delle vittime, la protezione dell’economia nazionale, le misure di protezione sociale e le garanzie di attuazione, monitoraggio e verifica.

READ  I talebani giustiziano un cantante afghano con cui hanno parlato

(Con informazioni da EFE)

Continuare a leggere: