Ottobre 18, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Rambo de Leon ai messicani prima del duello con l’Honduras: ‘Nel primo calcio faranno denuncia all’arbitro’ – Diez

Quando Julio César “Rambo” de León parla, ha suscitato molte polemiche e dibattiti tra i tifosi honduregni, tutto a causa della sua vasta esperienza calcistica e della carriera che lo consente.

Esempio per tutti i calciatori: Keylor Navas si è fotografato con gli honduregni, sempre cordiale e con il sorriso

Nelle ultime ore ha infuriato l’ex giocatore honduregno, il match tra Messico e Honduras, che si disputerà domenica nella quinta giornata di qualificazione al Qatar 2022.

Rambo de Leon “ha fatto saltare in aria” i calciatori messicani e ha assicurato che con il minimo tocco avrebbero già chiesto l’arbitro. Tutto questo a causa della difficoltà degli scontri passati tra gli Aztechi e i Catraco.

Per Julio Cesar non ci dovrebbero essere molte lamentele con l’arbitro per qualsiasi tipo di calcio durante le partite, perché per lui il calcio è uno sport con molti contatti.

“È diventato dannoso per il calcio in Messico, al primo calcio o graffio si lamentano con l’arbitro e devono toglierselo dalla testa. Certo, un buon calciatore va protetto, ma non perché ha sempre Intervista a metà tempoGiornale messicano.

“I giocatori messicani che sono in Europa sono i meno richiesti, quelli che si lamentano sono quelli del campionato messicano e questo cambia quando vai in Europa perché lì non c’è molta richiesta”, ha aggiunto.

Sei il partner di Rommel Kyoto? Il calciatore svela la sua vera relazione con una bellissima donna honduregna

Della partita di domenica ha parlato anche Rambo de Leon, che ha confermato che un pareggio è vantaggioso per il Piccolour, nonostante consideri questa generazione “inciampata”.

Ha ammesso: “Se otteniamo un pareggio, è perché il Messico gioca dal calcio di rigore, ma se vediamo che il livello di ogni giocatore è molto più alto, siamo lontani anni luce dal Messico. La generazione honduregna vacilla”.

READ  Il regista dei Padres difende Machado per aver litigato con Tatis

Qual è il tuo miglior ricordo di Azteca?

Julio Cesar è stato anche consultato sul suo passato da giocatore e non ha dimenticato il suo gol su punizione nelle qualificazioni del Sudafrica 2010.

“Se otteniamo un pareggio è perché il Messico gioca dal dischetto, ma se vediamo il livello di ogni giocatore, i messicani sono molto più avanti, siamo lontani anni luce dal Messico. La generazione honduregna è fantastica”.

Ha aggiunto: “Giocare in Messico contro il Messico è la cosa più bella, è una cosa unica che dovrebbe essere apprezzata e apprezzata come calciatore perché puoi definire la storia e se giochi bene sarà una sponda”.

Rambo de Leon ha anche ricordato il suo periodo all’Atlético Celaya della squadra di calcio azteca, che lo ha aiutato ad emigrare in seguito nel campionato italiano dove ha raggiunto i suoi migliori livelli.

“Sono arrivato a 20 anni e ho giocato con alcuni mostri, come Tebe, che mi ha dato tanto da crescere e l’arrivo di Master de los Cobos è stato qualcosa di super e mi ha aiutato ad arrivare da lì in Italia”, ha concluso.