Menu
Corriere Locride
Il Parco Archeologico urbano di Brancaleone Vetus chiuso ai visitatori; l'appello della Pro-Loco!

Il Parco Archeologico urbano d…

Non si arresta la cont...

La democrazia a zumpa filici (Africo e dintorni)

La democrazia a zumpa filici (…

di Bruno Salvatore Luc...

Poste Italiane: a Reggio Calabria un’azienda a misura di bambino

Poste Italiane: a Reggio Calab…

Reggio Calabria, 6 dic...

Sant'Ilario dello Jonio.  Sabato 7 dicembre l'evento: "Tra racconto e riflessioni le migrazioni del passato e del presente", con Mimmo Gangemi, Ilario Ammendolia e la musica di Fabio Macagnino

Sant'Ilario dello Jonio. Saba…

Sabato 7 dicembre, all...

"Fondo per le Non Autosufficienze": pubblicato il Bando che coinvolge tutti i cittadini residenti a sud di Locri

"Fondo per le Non Autosuf…

Il presente avviso, pr...

Presentato a Lamezia Terme «Leopardi e L’Infinito» di Raffaele Gaetano

Presentato a Lamezia Terme «Le…

Presentato sabato scor...

Nota stampa della Fsi - Usae sull'adempimento dei LEA regionali in sanità

Nota stampa della Fsi - Usae s…

FSI - USAE FEDERAZIONE...

Reggio: «Comitati “politici” per risolvere i problemi dei cittadini?»

Reggio: «Comitati “politici” p…

«Non abbiamo la presun...

Locride. Riunione dei Commissari dei Circoli di Fratelli d’Italia di Ardore, Bovalino, Caulonia, Gioiosa Ionica e Siderno: «soddisfazione per la nomina del nuovo Commissario Regionale»

Locride. Riunione dei Commissa…

«Dopo i proficui lavor...

Prev Next

Crotone. Si è svolto nei giorni 28-29 e 30 Ottobre 2019 il “KrotonOlympic”, l'Hackaton delle scuole della Regione Calabria

  • Published in Scuola

60 ragazzi, 10 Istituti coinvolti, 6 delegazioni, 3 formatori specializzati e un problema da risolvere. Questi gli elementi che hanno caratterizzato nei giorni 28-29 e 30 Ottobre 2019 il “KrotonOlympic”,  l'Hackaton delle scuole della Regione Calabria, iniziativa connessa al Piano Nazionale Scuola Digitale, promosso dall’Istituto G. Donegani di Crotone, diretto dalla prof. Laura Laurendi.

Tre giorni intensi tra Parco Pitagora e un hotel crotonese in cui gli studenti delle classi quarte delle Scuole Secondarie di Secondo grado del territorio calabrese si sono sfidati per trovare soluzioni innovative in chiave digitale attraverso la valorizzazione di miti, riti e storia al fine di favorire la promozione delle identità locali e dei valori dei territori.

Presente anche una delegazione dei Licei G. Mazzini di Locri composta da Autolitano Giuseppe, Clemente Giuseppe, Condò Maria, Facchi Vincenzo, Macrì Beatrice e Novella Giuseppina, che hanno prontamente accettato la sfida su indicazione del D.S. prof. Francesco Sacco, sempre attento a cogliere in eventi come questi, opportunità di crescita umana e culturale per i propri studenti.

Crasi tra hacker e marathon, l’hackathon, in realtà, non ha niente a che fare né con gli hacker (almeno con la connotazione piratesca e illegale con cui sono comunemente intesi, quanto invece con la connotazione di ‘esperti’) né, ovviamente, con la corsa e lo sport. Un hackaton è una specie di grande convention di programmatori, sviluppatori, esperti e operatori della programmazione e del web che, per un breve tempo (in genere due giorni, difficilmente più di una settimana), riflettono ed elaborano una soluzione possibile intorno ad un determinato problema.

A dare l’avvio alla maratona, una particolare cerimonia di apertura che ha ripercorso le modalità di inizio dei giochi olimpici e il relativo giuramento degli atleti. Subito dopo, i saluti della D.S. dell’Istituto Donegani, prof.ssa Laura Laurendi, che ha accolto i ragazzi presentando loro l’iniziativa, sottolineando l’importanza di rendere il sapere adeguato al contesto,  rintracciando nei valori, nei miti, nelle tradizioni di una cultura e nella loro rivalutazione delle opportunità per “imparare ad apprendere”. La parola è poi passata alla dott.ssa Lucia Abiuso, referente regionale del PNSD, la quale ha  rimarcato quanto sia fondamentale che la nostra Terra possa offrire ai giovani che decidono di restare delle opportunità di affermazione in ambito personale ed anche professionale  e, laddove ciò ancora non avvenga, quanto sia vitale il ruolo delle istituzioni scolastiche per lo sviluppo di quelle competenze necessarie a creare queste opportunità, rendendole concrete e fattive per il loro stesso avvenire. La stessa, inoltre, ha ribadito quanto l’utilizzo consapevole del digitale,  nella sua duplice veste di strumento tecnologico e di pensiero logico, possa  costituire una risorsa per reinterpretare i bisogni territoriali ed extraterritoriali alla luce del terzo millennio oltre che per l’esercizio di una piena cittadinanza nell’era dell’informazione.

E così, suddivisi in 10 squadre da 6 componenti ciascuna, i nostri giovani maratoneti si sono sfidati, per ben due giorni, a suon di progetti atti a valorizzare il proprio patrimonio culturale e sociale, senza dimenticare di condire il tutto con un pizzico di innovazione e con l’utilizzo degli strumenti digitali, in linea con le richieste dei tempi. Mercoledì 30 ottobre si è svolta, invece, la presentazione dei risultati ottenuti e la relativa premiazione. La squadra vincitrice si è aggiudicata la possibilità di partecipare alla finale nazionale che avrà luogo a Bolzano.

Il sindaco Ugo Pugliese e gli assessori Valentina Galdieri e Giuseppina Felice si sono complimentai con i partecipanti e hanno annunciato che i vincitori saranno insigniti, in un’apposita cerimonia, della Menzione Speciale, onorificenza della città di Crotone. Inoltre, tutti i progetti saranno valutati dall’amministrazione Comunale per sostenerne la fattibilità.

Ognuno di noi ragazzi porterà con sè questa esperienza che, da un lato, ci ha dato la possibilità di creare nuovi approcci interattivi e partecipativi alla fruizione del patrimonio, da affiancare a quelli tradizionali, anche attraverso l’interazione con gli altri ragazzi e lo scambio di idee, consci del fatto che il successo di ciascuno non può che portare al successo collettivo; dall’altro, è stata espressione tangibile e lampante del legame che intercorre tra la cultura scientifica e quella umanistica e di quanto il cosiddetto “Pensiero computazionale” sia alla base della risoluzione di ogni situazione problematica che si presenti, indipendentemente dal suo campo di interesse.

Giuseppina Novella – 4DLT Licei Mazzini di Locri

Leggi tutto

Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”: «Ammodernare la S.S.106 è possibile con fondi europei»

A Crotone le importanti novità ottenute il 23 marzo scorso dal responsabile della Mobilità dell’UE.

Pugliese: «sulla variante al Megalotto 6 siamo tutti d’accordo ma oggi non c’è neanche un euro. L’Europa può aiutarci. Grazie all’on. Picierno»

Ha avuto luogo sabato scorso presso la Provincia di Crotone l’importante conferenza stampa indetta ed organizzata dall’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”, moderata da Giuseppe Pipita, direttore de “Il Crotonese” a cui erano presenti l’Ing. Antonio Bevilacqua del Comitato “Crotone Nuova S.S.106”, l’On. Consigliere Regionale Flora Sculco, l’On. Deputata Enza Bruno Bossio e l’On. Europarlamentare Pina Picierno.

Proprio l’On. Pina Picierno, nello scorso mese di novembre, ha consentito all’Associazione calabrese di raggiungere Bruxelles e di colloquiare con Matthew Baldwin, responsabile della mobilità dell’Unione europea, a cui sono state consegnate diverse domande al fine di comprendere se è possibile cofinanziare l’ammodernamento della S.S.106 con fondi UE considerato che proprio la strada Statale 106 (nel solo tratto cosentino, crotonese e catanzarese fino a Catanzaro Lido), risulta inclusa nella rete TEN-T Comprehensive dei trasporti europei.

Le risposte corpose, articolate e complete, sono pervenute all’Associazione lo scorso 23 marzo e solo sabato 13 aprile sono state presentate nelle suddetta conferenza stampa. In pratica è emerso che sono in fase di negoziazione i nuovi bandi per diversi miliardi di euro; la S.S.106 può essere cofinanziata con fondi UE; può fare domanda ai fondi solo il Governo mentre il progetto deve essere predisposto dall’Anas Gruppo FS Italiane.

La nuova programmazione ha già previsto che i fondi saranno destinati a quei progetti che metteranno al primo posto la sicurezza degli automobilisti. Inoltre, è stato fornito all’Associazione un documento che consente di capire quali sono i criteri che la Commissione Europea valuta in modo positivo e che sono determinanti per l’assegnazione dei fondi: in pratica oltre all’obiettivo della sicurezza c’è anche l’ottimizzazione dei costi (non si possono fare opere costose ma si deve cercare di contenere la spesa), e poi, soprattutto, l’intermodalità (bisogna realizzare strade che siano connesse con stazioni, porti ed aeroporti). Naturalmente, più il progetto presentato rispetta i requisiti richiesti, più questo è cofinanziabile.

«Noi tutti – ha dichiarato il Presidente dell’Associazione Fabio Pugliese – ci stiamo battendo per la realizzazione della Variante al Megalotto 6 della S.S.106. Siamo tutti d’accordo ma c’è solo un problema: non ci sono i soldi. Sulla Variante non c’è, ad oggi, neanche un euro. Per questo motivo – continua Pugliese – la nostra Associazione da mesi ha deciso di lavorare per capire se la S.S.106 può essere cofinanziata con fondi UE e solo da poco abbiamo finalmente capito che è possibile ma, soprattutto, abbiamo compreso come si può fare. Nei prossimi mesi – va avanti il Presidente – usciranno i nuovi bandi e noi faremo fronte comune con gli amici del Comitato “Crotone Nuova S.S.106” per fare in modo che sia presentato un progetto per l’ammodernamento della S.S.106 da Crotone a Catanzaro: una parte cofinanziata dall’UE e l’altra dall’attuale Governo che finalmente ci farà capire se nei fatti è con noi oppure no. Voglio ringraziare – conclude il Presidente Pugliese – l’On. Pina Picierno per il grande aiuto che ci ha dato. L’On. Pina Picierno non solo si è sinceramente legata alla nostra causa ed all’Associazione ma rappresenta senza alcun dubbio l’unica ed autentica europarlamentare che ha la Calabria: perché nei fatti ha dimostrato di riuscire a poter fare qualcosa di utile. Altri, invece, non hanno neanche risposto alle nostre chiamate!!!»

Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” – 15 Aprile 2019

Leggi tutto

Nota del Partito Comunista (PC) sulla protesta dei pastori Crotonesi

Il Partito Comunista con i pastori Crotonesi: «Meglio ai maiali che agli industriali, responsabili del sangue bianco buttato dai pastori! Avanti nella lotta fino alla vittoria!»

«Due giorni fa, sulla scia di ciò che sta avvenendo in Sardegna, i pastori crotonesi si sono riuniti nel capoluogo per protestare contro il prezzo del latte ovino a 0,65 euro al litro. Troppo poco per poter continuare a fare il proprio lavoro e offrire una vita dignitosa alle proprie famiglie. Il Partito Comunista (PC) scende in piazza al fianco dei pastori e li sprona a continuare sulla via della lotta. Con l’obiettivo di ottenere un prezzo minimo del latte di 1 euro per litro e non solo.

In Calabria sono circa 6000 le micro-aziende produttrici di latte di pecora con una media di 3 operatori, quasi sempre familiari. Mentre i capi ovini sono circa 250.000. Questo numero garantisce una produzione annua di circa 300 milioni di litri di latte trasformabili in 50 mila quintali di formaggio. Una vera e propria miniera d’oro bianco quella su cui sono seduti i pastori calabresi. Eppure, i “baroni” dei caseifici, per la maggior parte italiani, per arricchirsi, con il ricatto di comprare il latte dagli allevamenti in est Europa, impongono il misero prezzo al litro di 0,65 euro. Questa concorrenza sleale al ribasso, incentivata dall’Unione Europea, fa sì che le condizioni di vita delle famiglie dei lavoratori della pastorizia diventano sempre più dure.

“Non solo riteniamo sia necessario un prezzo minimo del latte di 1 euro al litro - commenta Franco Adamo segretario regionale del PC - ma avanziamo una serie di proposte a medio-lungo termine per invertire questi processi di concentrazione e ripopolare le nostre campagne tramite il lavoro”

Le proposte del partito comunista in sintesi:

• l’immediata uscita dall’Unione Europea;

• l’eliminazione delle tasse sui piccoli pastori-agricoltori, proponendo invece una tassazione progressiva e basata sul reddito effettivo, tassando i profitti dei gruppi monopolistici;

• la riduzione dell’età di pensionamento: a 60 anni per i pastori-agricoltori uomini e 55 per le donne con pensioni dignitose, e una totale e gratuita sicurezza sociale per tutti i lavoratori delle campagne;

• il taglio delle imposte sulla produzione con la parola d’ordine “olio e latte esente da imposte”, l’abolizione dell’IVA sugli attrezzi agricoli, derrate alimentari, consumo popolare e servizi, il fissaggio di un prezzo minimo garantito per i prodotti agricoli e della pastorizia coprendo i costi di produzione e garantire un reddito di sopravvivenza e la continuazione dell’attività agricola, fermando così il costante ricatto dell’industria della grande distribuzione che impone “prezzi bassi” ai produttori agricoli.

Il partito comunista invita alla unione di classe dei piccoli e medi contadini calabresi ed alla lotta contro il governo, l’Unione Europea ed i grandi gruppi monopolistici, per un modello di agricoltura diverso: che allo sfruttamento sistematico dovuto all’anarchia della produzione si sostituisca una pianificazione dell’agricoltura così da garantire prodotti di qualità per il popolo ed un reddito dignitoso per tutti i lavoratori delle campagne!»

Leggi tutto
Subscribe to this RSS feed