Settembre 21, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

‘Semestre bianco’: l’Italia verso un incerto cambio di capo di Stato | Internazionale

Sergio Matterella, Presidente della Repubblica Italiana L’uomo, divenuto una figura chiave della politica del Paese in tempi di grande crisi e debolezza, si prepara a salutare la carica e, senza sorprese, a febbraio lascerà il Guernal Palace. Il suo decreto è finalmente entrato negli ultimi 6 mesi lo scorso agosto, comunemente indicato come il semestre bianco, che segna una tappa decisiva nello scioglimento del Parlamento o nello svolgimento delle elezioni. La competizione per scegliere un successore è iniziata molto tempo fa, ma è difficile trovare un nome condiviso.

L’elezione del capo dello Stato spetta al parlamento, votando il suo candidato ogni sette anni per non interferire nel ciclo elettorale e diventare un momento importante nel determinare il futuro e la natura di molte decisioni politiche.

Ulteriori informazioni

Da quando è stato eletto nel 2015, Mattarella vive come capo dello Stato, dal profilo brillante ma fermo e uno degli ultimi rappresentanti della vecchia democrazia cristiana. Alcuni anni confusi. Questa volta è stato inviato con quattro primi ministri, alla guida di tre crisi di governo in cui ha svolto un ruolo chiave, di cui una completa. Emergenza corona virus; Come affrontare i disastri naturali che hanno devastato l’Italia Terremoto di Amatris 2016, E un’epidemia che ha rappresentato la più grande sfida per il paese dopo la seconda guerra mondiale. Ha visto anche i progressi di estrema destra del parlamento e degli euroscettici, che lo hanno fatto uscire da un contesto molto tranquillo, anche quando ha posto il veto – questa è la prima volta che esercita questo diritto – Candidato ministeriale contro l’euro.

Il capo dello Stato è una specie di arbitro della politica italiana. La Costituzione gli conferisce vasti poteri, e quindi l’importanza della sua volontà. Come lui stesso a volte sottolinea, non è solo un notaio che firma tutto ciò che viene messo sul tavolo. Tra le altre cose, ha il compito di convocare le elezioni, ordinare la formazione di un governo e sciogliere le camere per nominare il primo ministro e la sua delegazione.

READ  Uno squalo 'in via di estinzione' in pericolo sorprende in Italia per aver catturato un porcellino d'India

Durante il semestre bianco, le parti iniziano le trattative politiche per selezionare la persona che occuperà il Palazzo Cuerine per i prossimi sette anni. Questo meccanismo è stato istituito anche come salvaguardia per impedire a un presidente di tentare di influenzare il parlamento per chiedere la sua rielezione. Mattarella non ha voluto ripetere né prolungare il suo addio. In caso di fallimento, come Giorgio Napolitano (2006-2015), se non riesce a raggiungere un candidato consensuale, può leggere una sorta di proroga. Ma ha fatto capire che non era l’opzione che voleva.

Segui tutte le news e leggi senza limiti Iscriviti subito a EL PAÍS

Iscriviti qui

Ambiente politico attuale straordinario, con Una grande alleanza nazionale Comprende tutti i partiti rappresentati in parlamento, ad eccezione dei fratelli di estrema destra italiani, che è un caso unico per un semestre bianco. Non solo c’è nel complesso orizzonte la competizione per il Guernsey Palace, elemento che sta già insolitamente destabilizzando la politica italiana, ma l’emergenza sanitaria e il suo impatto economico e sociale sul Paese sono ancora fuori controllo.

Inoltre, il nome dell’attuale Primo Ministro, Mario Draghi, la voce più forte dietro a Matterella. Ma le riforme dell’ex capo della Banca centrale europea sono ancora a metà. Se questa ipotesi sarà confermata, il Paese potrebbe trovarsi di fronte all’incertezza e alla necessità di utilizzare elezioni anticipate a febbraio o nuove formule che dureranno temporaneamente fino a quando Tragi non lascerà la legislatura. Ha compiuto la sua missione di guidare l’Italia alla ripresa e alla modernizzazione storica, per poi fare il salto alla presidenza della Repubblica.

Ministro dello sviluppo economico e Numero due In una recente intervista, Giancarlo Giorgietti della Liga di estrema destra ha definito Drake “un problema serio” a livello politico. Corriere della sera. “Attualmente una maggioranza dissenziente non è l’unità nazionale, ma ruota attorno a un uomo di nome Mario Draghi”, ha detto. “Se Drake deciderà di autocandidarsi e diventare presidente della repubblica, non so come potrà andare avanti il ​​governo”, ha detto, aggiungendo che “non ci saranno alternative, la parte italiana dovrà pagare ancora. “

READ  Real Madrid: un giardino a Madrid, Italia

Durante il semestre bianco si temono sempre crisi politiche proprio perché il presidente della Repubblica non può liberare le stanze. Di solito è un momento turbolento per le parti per affilare le armi. Anche se il capo di stato ha le mani legate, i partner di governo possono sentirsi liberi di imporre le proprie rivendicazioni o impegnarsi in veti incrociati senza il rischio di possibili elezioni e provare a creare un nuovo esecutivo. Dopotutto, la funzione del freno di emergenza del presidente è sempre garantita. Per ora Matterella ha recentemente lanciato un appello alle forze politiche perché non “perdano di vista gli obiettivi molto ambiziosi di medio e lungo termine che il Paese si è prefissato”.

Alcuni analisti ritengono che la maggioranza di coloro che sostengono Tracy, in particolare la Lega o il Movimento 5 Stelle, dovrà affrontare alcune vittime durante alcune delle controverse elezioni parlamentari nell’agenda politica del prossimo anno, come la legislazione che limita i reati omosessuali, la riforma finanziaria o le decisioni per tornare nelle scuole. Prima di importanti appuntamenti elettorali che si celebrano in autunno nelle grandi città come Roma, Milano, Torino o Napoli.

Altri, invece, pensano che dopo l’approvazione Riforma della giustiziaLa questione profondamente divisiva per l’attuale maggioranza, l’ampio sostegno di cui gode Mario Draghi e l’impegno per attuare il piano di rilancio dovrebbero essere sufficienti per mantenere la vita politica senza intoppi almeno fino a febbraio. “Drake ha un grande consenso sul fatto che in questo momento non dovrebbero esserci alternative politiche a un altro governo in parlamento, o la possibilità di andare alle urne, non dovrebbero esserci problemi”, ha detto il politologo Piero Ignaci. “Le lotte di potere sono neutralizzate dal potere del primo ministro”, ha affermato Stefano Secandi, vicepresidente dei Democratici.

READ  Il governatore di Boko Haram afferma che la studentessa di Sibok è stata rilasciata in Nigeria sette anni dopo il rapimento