Menu
Corriere Locride
Condofuri. Ai nastri di partenza il Mercatino Estivo Condofurese

Condofuri. Ai nastri di parten…

Mancano poche ore all’...

Prosegue con enorme successo il programma della Varia di Palmi 2019

Prosegue con enorme successo i…

di Sigfrido Parrello -...

“Terra Mia - non è il paese dei santi”: Cosimo Sframeli è tra i protagonisti del docufilm di Ambrogio Crespi

“Terra Mia - non è il paese de…

«Grazie ai veri coragg...

Elezioni Regionali: nota stampa dei sindaci di Cittanova, San Giorgio Morgeto e Santo Stefano d'Aspromonte

Elezioni Regionali: nota stamp…

«Il valore della nostr...

“La Calabria è talento”: gli Arangara domani a San Pietro di Caridà

“La Calabria è talento”: gli A…

Armando Quattrone, sta...

Nota stampa dei sindaci di Monasterace, Bivongi e Pazzano sulle candidature alle prossime elezioni regionali

Nota stampa dei sindaci di Mon…

«Le imposizioni dall'a...

Nota stampa del Partito Comunista: «né con Salvini né col PD»

Nota stampa del Partito Comuni…

Il Partito Comunista, ...

Storie, note e sapori della nostra Terra al castello Ruffo di Scilla con Maria Barresi, autrice de "L'essenza della Felicità"

Storie, note e sapori della no…

Evento promosso dalla ...

Siderno (RC): a Palazzo Falletti, per "L'Ulisse calabrese" la presentazione del romanzo "Omero al Faro" di Mimmo Rando (Rubbettino)

Siderno (RC): a Palazzo Fallet…

Ci sono Omero, il cant...

Addio a don Cosimo Simone, papà del Presidente della Palmese e mitico custode del “Lopresti”

Addio a don Cosimo Simone, pap…

di Sigfrido Parrello -...

Prev Next

Il movimento "Il Sud che Sogna" condivide la preoccupazione dei lavoratori portuali di Gioia Tauro

  •   Redazione
Il movimento "Il Sud che Sogna" condivide la preoccupazione dei lavoratori portuali di Gioia Tauro

Il movimento "Il Sud che Sogna" condivide la preoccupazione dei lavoratori portuali di Gioia Tauro rispetto alle risultanze del tavolo ministeriale odierno alla cui fine il Ministro Toninelli ha annunciato un'ulteriore attesa di 60/90 giorni per la definizione della revoca della concessione pubblica a MCT che, tra l'altro, non ha partecipato ai lavori. 
In questi giorni una delegazione del nostro movimento è sempre stata presente ai sit in di protesta e oggi anche il nostro portavoce Michele Conia è stato presente alla protesta, in qualità di sindaco di Cinquefrondi esprimendo ancora una volta la propria vicinanza ai portuali. 
La preoccupazione è legittima, sia per l'ennesimo rinvio di decisioni che possano dare una prospettiva certa ai lavoratori, sia perché da troppo tempo il destino dei lavoratori e delle proprie famiglie (e di un intero territorio) è in balia di  istituzioni pubbliche e private che, nonostante la crescita del settore marittimo, sembrano volere il definitivo naufragio dello scalo calabrese, forse colpevole di avere teoricamente tutte le carte in regola per competere o per stare in rete coi principali porti mediterranei e mondiali e ciò è chiaramente visto come un problema politico per molti interessi nazionali ed internazionali verso altre realtà. 
Ad ogni modo "Il Sud che sogna" ritiene che qualunque accordo debba prevedere obbligatoriamente e per iscritto l'impegno per il mantenimento della continuità lavorativa di TUTTI i lavoratori di Gioia Tauro, lavoratori che hanno da sempre dimostrato di essere in grado di gestire in modo ottimale qualsiasi tipo di flusso e di tipologia di lavorazione portuale. 
Non si può dire la stessa cosa per la gestione politica della vicenda specie da parte del Governo che ancora oggi non ha provveduto a nominare il Presidente dell'Autorità di Sistema Portuale di Gioia Tauro, come da tempo denunciamo, ulteriore elemento di incertezza, (senza dimenticare la pantomima dell'accorpamento con Messina e il successivo smembramento con lo scippo non solo di Messina, ma anche di Reggio e di Villa S.G.) che sta lasciando senza una vera e legittimata guida politico-amministrativa lo scalo portuale della Piana. Troppe coincidenze per non pensare ad un delitto (im)perfetto.