Menu
Corriere Locride
Siderno. Al via da giovedì 10 ottobre, da “MAG. La ladra di libri”, il nuovo corso professionale a cura di Amalia Papasidero

Siderno. Al via da giovedì 10 …

“L’attività editoriale...

Ai domiciliari un giovane corriere fermato dai finanzieri nel porto di Reggio Calabria con oltre un chilo di cocaina

Ai domiciliari un giovane corr…

Il signor Giuseppe Var...

Sant’Eufemia d’Aspromonte. Giovedì 19 settembre si terrà la conferenza stampa di presentazione del Convegno CALABRIA “ANIMA MEDITERRANEA” – “Ponte tra Meridione e Settentrione”

Sant’Eufemia d’Aspromonte. Gio…

Giovedì 19 settembre a...

Calabria, Anas: incidente sulla statale 106 “Jonica” a Brancaleone

Calabria, Anas: incidente sull…

L'incidente ha coinvol...

Incontro del Partito Comunista con i lavoratori di "Locride Ambiente" aperto a cittadini e forze politiche e sindacali

Incontro del Partito Comunista…

Si è svolto  lune...

Enrico Panini annuncia il calabrese Conia responsabile del Mezzogiorno DemA

Enrico Panini annuncia il cala…

Sabato 14 settembre, a...

Bovalino (RC):  domani primo impegno ufficiale per il Bovalino Calcio a 5 (Coppa di Divisione)

Bovalino (RC): domani primo i…

di Pasquale Rosaci - P...

Nuovo ridimensionamento dell'Ospedale di Locri: nota stampa del partito comunista (federazione provinciale di Reggio Calabria)

Nuovo ridimensionamento dell'O…

«La notizia, poco fa d...

Nuovo Governo: Nota stampa del Segretario generale di Uil Calabria

Nuovo Governo: Nota stampa del…

Uil Regionale Calabria...

Poste Italiane: nuove divise per i portalettere della provincia di Reggio Calabria

Poste Italiane: nuove divise p…

REGGIO CALABRIA, 10 se...

Prev Next

Melito. I Gruppi Area Grecanica Futura per Melito, Melito Cambia, e Una città da #cambiare dicono: «NO AL DISSESTO»

  •   Redazione
Melito. I Gruppi Area Grecanica Futura per Melito, Melito Cambia, e Una città da #cambiare dicono: «NO AL DISSESTO»
Una gravissima crisi politica quella che il nostro paese sta attraversando, situazione che rende assolutamente necessario fermarsi per fare chiarezza sulle relative responsabilità.
Serve un atto di onestà intellettuale per far capire ai cittadini quali sono i problemi del nostro comune, chi li ha causati e quali le possibili soluzioni.
Ci troviamo di fronte ad un’amministrazione che parla di collaborazione, ma nei fatti continua a non ascoltare chi da tre anni e mezzo sta cercando di metterli in guardia sui rischi a cui si andava incontro, rischi che si sono concretizzati nella delibera della Corte dei Conti n. 2/2019, che ha avviato una procedura di “dissesto guidato”.
Sempre più spesso i consiglieri di minoranza e i consiglieri dissidenti vengono accusati di irresponsabilità, sol perché si ostinano ad impedire alla maggioranza, che tale non è più, di continuare a fare danni. Per tre anni si è cercato di portare l’amministrazione Meduri sulla giusta strada, provando a fare chiarezza su tutto quello che chiaro non era, ponendo massima attenzione su quello che si andava a fare.
Adesso c’è un punto fermo, la delibera della Corte dei Conti, che ha sostanzialmente confermato i nostri timori ed ha chiarito in modo inequivocabile che, se ci sarà il dissesto, sarà a causa dell’amministrazione Meduri, avendo evidenziato che il disastro amministrativo e contabile dell’ente si è concentrato in modo sproporzionato dal 2015 in poi.
Ci accusano di irresponsabilità; l’unica cosa di cui non vogliamo essere ritenuti responsabili è quella di consentire a chi ha causato questo disastro di continuare a fare danni.
Accanto ai problemi di ordine economico e di gestione, ci sono gravi problemi politici: c’è una profonda spaccatura all’interno della maggioranza, come emerge chiaramente dal fatto che non si riesce più a fare un Consiglio in prima convocazione.
Non ci sono più le condizioni politiche e la necessaria serenità che dovrebbero caratterizzare l’esercizio delle nostre funzioni consiliari, alle nostre aperture politiche per la soluzione dei problemi economici la maggioranza ha sempre alzato un muro di indifferenza ed ostilità. 
Adesso però è necessario che questa “maggioranza politica” faccia chiarezza al suo interno: non si può addebitare all’opposizione la responsabilità della drammatica situazione che stiamo attraversando, se non esiste una maggioranza in grado di fornire le soluzioni necessarie.
Se non ci sono più le condizioni per amministrare, chiediamo al sindaco Meduri ed al suo esecutivo di prenderne atto, di fare un passo indietro inequivocabile e definitivo dimettendosi.
L’opposizione c’è ed è al servizio del nostro paese e di tutti i cittadini, offrendo il massimo impegno per evitare tutte le drammatiche conseguenze che la dichiarazione di dissesto comporterebbe per il nostro territorio. Nessuno di noi auspica il disastro economico di questo paese: noi diciamo con forza NO AL DISSESTO.
 
I Gruppi
Area Grecanica Futura per Melito
Melito Cambia
una città da #cambiare