Menu
FanduCorriere Locride
Abilitati in Romania. Il consiglio di stato accoglie definitivamente l’appello: la abilitazione all’insegnamento in Romania e il titolo di studio conseguito in Italia non necessita di mutuo riconoscimento. Il Miur ha violato l’art.45 tfue e l’art.1

Abilitati in Romania. Il consi…

«Di particolare import...

Reggio. Alla ricerca del verde pubblico tra incuria e abbandono

Reggio. Alla ricerca del verde…

«La vicenda della riap...

Poste Italiane tra le aziende più attrattive del mondo del lavoro per gli studenti universitari Calabresi

Poste Italiane tra le aziende …

«L’Azienda, guidata da...

Giovani Avvocati reggini - traguardi e prospettive

Giovani Avvocati reggini - tra…

Lo scorso 20 Luglio 20...

Gioiosa Jonica (RC): Al via il FilMuzik Art Festival

Gioiosa Jonica (RC): Al via il…

FilMuzik arts festival...

Poste Italiane: prosegue il piano di riaperture da lunedì 27 luglio torna disponibile l’ufficio di Locri1

Poste Italiane: prosegue il pi…

Reggio Calabria, 23 lu...

Reggio. “Scatti tra Cielo e Terra: l’Astronomia per la legalità e l’inclusione sociale”

Reggio. “Scatti tra Cielo e Te…

«Venerdì a Palazzo Cor...

EasyPark arriva a Roccella Ionica: «ora la sosta si paga anche con l’app»

EasyPark arriva a Roccella Ion…

21 luglio 2020 Da ogg...

A Sant'Ilario dello Jonio : La mostra di Celestino Gagliardi, il racconto di Rehab, l'incontro con Lou Palanca e il loro "Mistero al Cubo", la musica di Gabriele Albanese con la partecipazione speciale di Paolo Sofia

A Sant'Ilario dello Jonio : La…

Venerdì 17 luglio 2020...

In Calabria la finale nazionale delle Olimpiadi di Astronomia: «Il Planetarium Pythagoras scelto tra le 12 sedi nazionali»

In Calabria la finale nazional…

La finale nazionale 20...

Prev Next

Camini (RC): giovanissimi da tutta Europa per la fase conclusiva del progetto GOOD4YOU(th)

Sono giunti ieri a Camini 40 adolescenti tra i 15 e i 19 anni provenienti da tutta Europa in rappresentanza di oltre 15 nazionalità grazie al progetto “GOOD PRACTICES FOR A BETTER YOU(th). Empowering youth well-being”, finanziato dalla Commissione europea nell’ambito del programma europeo Erasmus+ gestito per l’Italia dall’Agenzia Nazionale per i Giovani – ANG e coordinato dalla cooperativa sociale EUROCOOP Servizi “Jungi Mundu” in qualità di capofila.

Si tratta dell’ultima attività di mobilità transnazionale del progetto, iniziato formalmente il 18 Luglio con la visita di programmazione preliminare APV (Advanced Planning Visit), grazie alla quale i delegati delle organizzazioni partner, provenienti da Germania, Grecia, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Romania e Spagna, sono stati accolti a Camini per l’avvio del lavoro comune di pianificazione e un primo vero contatto con il contesto di accoglienza dove è stata realizzata anche la tappa intermedia successiva ovvero il corso di formazione del quale hanno beneficiato due ‘youth workers’ (ovvero coloro che lavorano con e per i più giovani) per ciascuno dei sette paesi associati oltre a cinque delegati/e locali.

Ora, con lo scambio giovanile, le attività proposte sono declinate in misura ancora maggiore sul piano giovanile, dopo essere riusciti a coinvolgere partecipanti minorenni o neomaggiorenni da un numero così ampio di paesi associati.

Lo scambio giovanile del progetto “GOOD4YOUth – Buon per te!” è dedicato agli/alle adolescenti che entrano nell’età adulta e abbraccia tutta la loro esperienza di vita, senza trascurare i genitori, gli/le youth worker, gli/le insegnanti, i/le compagni/e, etc.

Gli scambi giovanili sono una modalità strutturata all’interno del programma Erasmus+ e permettono a gruppi di giovani di diversi paesi di incontrarsi e vivere insieme per un periodo massimo di 21 giorni. Durante uno scambio di giovani, i partecipanti portano a termine congiuntamente un programma di lavoro (una combinazione di sessioni seminariali, esercitazioni, dibattiti, giochi di ruolo, simulazioni, attività all’aria aperta, etc.) progettato e preparato da loro stessi prima dell’avvio dell’attività di mobilità. La partecipazione all’attività di scambio permette giovani di sviluppare competenze, venire a conoscenza di argomenti e aree tematiche socialmente pertinenti, scoprire nuove culture, abitudini e stili di vita, soprattutto attraverso l’apprendimento tra pari; rafforzare valori come la solidarietà, la democrazia e l’amicizia. Il processo di apprendimento negli scambi di giovani è determinato da metodi di educazione non formale e si basa su una cooperazione transnazionale tra due o più organizzazioni partecipanti di diversi paesi all’interno e all’esterno dell’Unione europea.

In questo caso, il tema di lavoro riguarda la promozione della salute globale e del benessere giovanile traendo ispirazione dal quinto obiettivo della Strategia dell’Unione europea per la gioventù 2019-2027 dedicato ai temi “Salute mentale e benessere” con lo sforzo di ispirare anche una cooperazione ulteriormente rafforzata tra scuole, centri giovanili, entità dedicate alla salute e al benessere e organizzazioni sportive.

Lo scopo generale del progetto “GOOD4YOUth” è quello di fornire ai partecipanti le risorse per migliorare la propria salute (o dei giovani con e per i quali si lavora nel caso degli/lle youth workers), assumendosi precise responsabilità sin dalla gioventù. In tal modo, gli adolescenti saranno stimolati ad avere una vita sana e attiva ed incoraggiati a essere protagonisti del proprio stato di salute, attraverso il miglioramento delle proprie competenze, delle conoscenze e delle proprie abitudini.

Le attività progettuali ambiscono, inoltre, a coinvolgere principalmente i/le giovani con minori opportunità e coloro che risentono maggiormente di situazioni di “health inequality”, affinché possano sperimentare e sperimentarsi nel corso di una settimana dedicata alla buona salute e alla cura di sé anche sfidando le proprie abitudini fisiche e mentali di cui non sempre si possiede una piena consapevolezza.

Per informazioni e aggiornamenti sul progetto è possibile scrivere all’indirizzo di posta elettronica dedicato: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leggi tutto

La terza edizione della “Giornata Internazionale della Gioventù” a Camini il 12 agosto

Per il terzo anno consecutivo Camini ospiterà le celebrazioni della “Giornata Internazionale della Gioventù” promosse da un partenariato ancor più esteso rispetto alle due edizioni precedenti. Tra le organizzazioni coinvolte al fianco della cooperativa EUROCOOP Servizi “Jungi Mundu” di Camini (RC), risultano a oggi confermate e impegnate nell’organizzazione dei numerosi eventi in programma la Pro Loco “Passarelli Rinaldo Sisto” di Camini (RC), il Centro Europe Direct di Reggio Calabria, EDIC Calabria & Europa Gioiosa Jonica (RC), l’associazione Eurokom Calabria & Europa di Gioiosa Jonica (RC), le associazioni JIMUEL Onlus – Internet Medics for Life, l’Istituto Tecnico Tecnologico “Giovanni Malafarina” di Soverato (CZ), APICE - Agenzia di Promozione Integrata per i Cittadini in Europa, Open Calabria, Amica Sofia, FOCS - Formazione e Lavoro, la società cooperativa sociale “PATHOS” Mondi Meticci di Caulonia (RC), l’associazione culturale “Terre Vivaci” di Roma, la Casa della Poetessa di Riace (RC), il media partner Ciavula e con il patrocinio del Comune di Camini (RC) e la presenza delle istituzioni locali.

La “Giornata Internazionale della Gioventù” si celebra ogni anno in tutto il mondo il 12 agosto dopo essere stata istituita nel 1999 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite con la Risoluzione A/RES/54/120 in onore delle nuove generazioni da sostenere e valorizzare quali agenti responsabili dello sviluppo globale in grado di incarnare il progresso delle società contemporanee.

Il tema proposto a livello internazionale per l’anno 2019 è quello dell’educazione globale e dell’istruzione di qualità racchiuse nello slogan “Trasformare l’educazione” che trae ispirazione all’obiettivo 4 dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile finalizzato a “garantire un’istruzione di qualità inclusiva ed equa e promuovere opportunità di apprendimento permanente per tutti”.

L’istruzione di base è universalmente ritenuta un fattore moltiplicatore poiché svolge un ruolo imprescindibile per realizzare gli obiettivi principali dello sviluppo sostenibile, in particolare: agire per eliminare la povertà, garantire a tutti buone condizioni di salute, favorire la parità di genere, promuovere la crescita economica e un lavoro dignitoso per tutti, ridurre le diseguaglianze, mettere a punto misure efficaci per reagire alle catastrofi ambientali, promuovere società pacifiche e inclusive.

In tale contesto, il piccolo ma dinamico Comune di Camini, nell’area della Locride in provincia di Reggio Calabria, già protagonista di virtuose esperienze di ripopolamento attraverso programmi di inclusione sociale e di integrazione di persone migranti e richiedenti asilo, accoglierà per il terzo anno le celebrazioni comunitarie della “Giornata Internazionale della Gioventù” dopo il successo delle due edizioni precedenti. Quest’anno la proposta si estende ulteriormente e declina il tema attuale intorno alle specificità del lavoro della comunità locale sul tema dell’educazione come veicolo di trasformazione sociale e di crescita delle società maggiormente marginalizzate a causa della collocazione geo-strategica, economica e storica. Sarà un’occasione importante per presentare i primi risultati conseguiti nell’ambito dei programmi europei “Erasmus+” e “Corpi Europei di Solidarietà” presentati al pubblico proprio in occasione delle precedenti “Giornate Internazionali della Gioventù” e ora in corso di implementazione attraverso i sei progetti concreti attualmente in fase di sviluppo. Il caso di Camini è particolarmente significativo poiché insieme alle sfide del ripopolamento e della ricostruzione di un tessuto architettonico così come di welfare, è stato possibile – attraverso il percorso collettivo denominato “Camini Giovane” – anche contare sull’abbassamento dell’età media della popolazione in netta controtendenza con i dati che emergono dal livello nazionale e che vedono nell’invecchiamento della popolazione un elemento strutturale, in Italia come in altri paesi dell’Europa meridionale.

Per onorare in maniera ancor più decisa il tema proposto dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’anno 2019 è stato consolidato un partenariato con l’Associazione Culturale “Terre Vivaci” di Roma che permetterà lo svolgimento per la prima volta anche a Camini, come uno dei momenti salienti della celebrazione del 12 agosto, della manifestazione di edutainment “STESI DALLE TESI© Il Bel Sapere” finalizzata a unire un pubblico variegato attraverso la condivisione delle tesi di laurea di diverse epoche e discipline.

Quest’ultimo è un format innovativo sperimentato dal 2014 già in 5 città italiane, finalizzato a rimettere in circolo e rivalutare le tesi di laurea, spesso sepolte negli archivi, nelle biblioteche o nei cassetti dei/lle laureati/e, mettendole a disposizione di chiunque, soprattutto in contesti lontani dai circuiti universitari come quelli delle aree rurali e interne.

L’obiettivo indiretto è quello promuovere la cultura come bene comune attraverso un format di intrattenimento vivace e molto originale, di grande attrattiva per un pubblico intergenerazionale e questo avviene mettendo in comune storie, saperi e passioni per contribuire a rafforzare un modello di comunità fondato sulla bellezza della condivisione e partecipazione.

Tra gli altri momenti che comporranno l’intera manifestazione è possibile anticipare la presentazione del lavoro di gruppo sugli “Obiettivi di Sviluppo del Millennio - AGORA” curata dai giovani/e volontari/e dei Corpi Europei di Solidarietà in servizio a Camini grazie ai progetti “Camini Corps: Chance – Creativity – Community for Solidarity Actions” e “Skozi solidarnost v boljšo realnost”, del Comitato dei Garanti sui Corpi Europei di Solidarietà e della campagna “Less Posts More Postcards” di contrasto ai discorsi di odio.

Per tutta la durata della manifestazione, sarà presente un corner di materiali informativi sulle opportunità di studio, lavoro, formazione professionale, viaggio e sport a livello europeo grazie alla cooperazione della comunità di Camini (RC) con il Centro Europe Direct di Reggio Calabria, con EDIC Calabria & Europa Gioiosa Jonica (RC) e grazie al supporto dell’Ufficio delle pubblicazioni dell’Unione europea (Lussemburgo).

Il programma delle attività avrà inizio alle ore 18:30 e si concluderà con una serata conviviale, sempre aperta a tutti, in piazza Municipio.

Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leggi tutto

Visite dai quattro angoli di Europa per sopralluoghi operativi a Camini

  • Published in Camini

Ogni buon progetto che si rispetti deve fondarsi su una seria attività di pianificazione e sulla sequenza di opportune fasi di conoscenza e studio di temi di lavoro, luoghi, organizzazioni e persone, soprattutto se le attività proposte si svolgono in un contesto transnazionale e molteplici lingue. È questo il caso delle iniziative progettuali riguardanti le politiche giovanili, la cittadinanza attiva e la solidarietà internazionale in fase di implementazione a Camini, piccolo borgo della Locride protagonista di esperienze di ripopolamento che negli ultimi anni hanno permesso la crescita demografica e un vero e proprio ringiovanimento della popolazione residente.

Attraverso il contributo di un gruppo di lavoro multidisciplinare ed esperti/e provenienti da diversi paesi europei ed extra-europei, negli ultimi cinque mesi sono state ammesse al finanziamento pubblico ben sei proposte progettuali che coinvolgono la comunità di Camini di volta in volta come beneficiaria, come comunità di accoglienza o come luogo di origine dei e delle giovani che potranno maturare esperienze di volontariato, tirocinio, formazione o lavoro in contesti internazionali presso le sedi delle organizzazioni che compongono il partenariato transnazionale (Comuni, centri giovanili ministeriali, fondazioni, associazioni giovanili e ONG). Saranno proprio queste ultime le protagoniste dell'intenso programma di lavoro che sarà avviato la mattina del 18 luglio a Camini nell'ambito delle Visite di Programmazione Preliminari (dall'inglese APV - Advanced Planning Visit) ovvero dei sopralluoghi effettuati di persona da parte dei responsabili delle organizzazioni coinvolte nei progetti che finanziano tali esperienze di mobilità: il programma "Erasmus+ 2014 - 2020: Gioventù in Azione" e il nuovo programma "European Solidarity Corps – Corpi europei di solidarietà" gestiti entrambi per l'Italia dall'Agenzia Nazionale per i Giovani (ANG). Tali sopralluoghi hanno lo scopo di verificare le condizioni di ospitalità per i giovani che prenderanno parte alle mobilità nelle prossime settimane, e che saranno seguiti per tutto il percorso dalle organizzazioni partner, di confrontarsi sulle procedure gestionali e di supporto ai/lle giovani con minori opportunità, di conoscere la comunità in maniera diretta e di perfezionare le modalità operative per affrontare insieme qualsiasi problematica in un'ottica di cooperazione funzionale per il benessere delle giovani generazioni. È proprio il benessere giovanile uno dei temi portanti del progetto Erasmus+ «GOOD PRACTICES FOR A BETTER YOU(th). Empowering youth well-being - GOOD4YOU(th)» che vede come organizzazione capofila la cooperativa sociale EUROCOOP Servizi di Camini "Jungi Mundu – Un solo colore" e risulta essere l'unico in graduatoria per quanto riguarda l'area della Città metropolitana di Reggio Calabria, oltre a rappresentare la prima possibilità di questo tipo per il piccolo comune della Locride. La promozione della salute psicofisica, l'adozione di stili di vita sani, l'educazione alimentare e la sensibilizzazione nei confronti dello sport come strumento per promuovere il lavoro di gruppo sono temi sempre più rilevanti a livello europeo tanto da essere stati recentemente inclusi nella nuova "Strategia dell'Unione europea per la gioventù per il periodo 2019-2027" e da costituire le basi del modello di politica pubblica a favore della salute e del benessere elaborato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità con il titolo "Health 2020 Strategy", della "Strategia per l'attività fisica 2016–2025" elaborata dalla stessa organizzazione e, in precedenza, della Risoluzione del Consiglio sulla salute e sul benessere dei giovani e del Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio sulla istituzione del terzo programma d'azione dell'Unione in materia di salute (2014-2020) ispirandosi, in particolare, all'approccio collaborativo per la prevenzione e la promozione della salute definito a livello internazionale con l'espressione "health in all policy (HiAP)". Il progetto «GOOD PRACTICES FOR A BETTER YOU(th). Empowering youth well-being - GOOD4YOU(th)», che è rientrato nella graduatoria di merito tra quelli finanziati nel 2019 attraverso il programma "Erasmus+ 2014 - 2020: Gioventù in Azione", permetterà di trasferire sulle realtà locali tali tematiche e fornirà l'opportunità concreta a oltre 60 beneficiari/e diretti/e – in particolare coloro residenti in aree rurali e/o altri contesti socio-territoriali svantaggiati – di rendersi protagonisti del proprio benessere presente e futuro e di confrontarsi con coetanei provenienti da diversi paesi europei rafforzando le dinamiche di partecipazione e il senso di cittadinanza.

Dopo le Visite di Programmazione Preliminari già tenutesi con le organizzazioni partner provenienti dalla Slovenia e dalla Svezia negli scorsi mesi di maggio e giugno, con le visite preliminari che avranno inizio dal 18 luglio per tutta l'estate arriveranno a Camini circa 30 delegati da dieci diversi paesi (Germania, Grecia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Paesi Bassi, Repubblica Serba, Romania e Spagna) in rappresentanza di quattordici diverse nazionalità raggiungendo il culmine della partecipazione nei giorni del 18 e 19 luglio 2019. La complessità e la lunghezza dei viaggi che affronteranno i/le delegati/e rappresenterà una componente fondamentale di tutti i progetti che mirano, anche come obiettivo indiretto, a connettere a livello globale le aree interne. Queste ultime risultano, infatti, talmente isolate dal punto di vista tanto logistico quanto programmatico da essere definite hard-to-reach a livello europeo e attraverso tali progettualità che prevedono attività strutturate di mobilità transnazionale risulta possibile, seppur temporaneamente, stabilire connessioni operative significative con contesti simili e altrettanto remoti siti in altri paesi europei così come con le zone nevralgiche e garantire alla popolazione, soprattutto a quella giovanile, opportunità di lavoro e formazione di qualità in maniera tale da non risentire della situazione di svantaggio geografico e socio-economico. (Foto Nicola Zolin)

Leggi tutto
Subscribe to this RSS feed