Menu
Corriere Locride
Il Parco Archeologico urbano di Brancaleone Vetus chiuso ai visitatori; l'appello della Pro-Loco!

Il Parco Archeologico urbano d…

Non si arresta la cont...

La democrazia a zumpa filici (Africo e dintorni)

La democrazia a zumpa filici (…

di Bruno Salvatore Luc...

Poste Italiane: a Reggio Calabria un’azienda a misura di bambino

Poste Italiane: a Reggio Calab…

Reggio Calabria, 6 dic...

Sant'Ilario dello Jonio.  Sabato 7 dicembre l'evento: "Tra racconto e riflessioni le migrazioni del passato e del presente", con Mimmo Gangemi, Ilario Ammendolia e la musica di Fabio Macagnino

Sant'Ilario dello Jonio. Saba…

Sabato 7 dicembre, all...

"Fondo per le Non Autosufficienze": pubblicato il Bando che coinvolge tutti i cittadini residenti a sud di Locri

"Fondo per le Non Autosuf…

Il presente avviso, pr...

Presentato a Lamezia Terme «Leopardi e L’Infinito» di Raffaele Gaetano

Presentato a Lamezia Terme «Le…

Presentato sabato scor...

Nota stampa della Fsi - Usae sull'adempimento dei LEA regionali in sanità

Nota stampa della Fsi - Usae s…

FSI - USAE FEDERAZIONE...

Reggio: «Comitati “politici” per risolvere i problemi dei cittadini?»

Reggio: «Comitati “politici” p…

«Non abbiamo la presun...

Locride. Riunione dei Commissari dei Circoli di Fratelli d’Italia di Ardore, Bovalino, Caulonia, Gioiosa Ionica e Siderno: «soddisfazione per la nomina del nuovo Commissario Regionale»

Locride. Riunione dei Commissa…

«Dopo i proficui lavor...

Prev Next

Tansi: “E’ partita la sagra delle solite promesse?”

‹‹Ad un mese dalle elezioni spuntano le graduatorie di tirocini per inclusione sociale, sarà forse un caso? No, si tratta, come facile capire, della solita elemosina preelettorale tipica della vecchia politica che prevede di portare prima il popolo alla fame e poi distribuire un tozzo di pane gratis›› – scrive in una nota Carlo Tansi candidato alla presidenza regionale alle prossime elezioni del 26 gennaio.

‹‹Sono sicuro che i calabresi però hanno ormai capito che la dignità non potrà mai essere comprata con un tirocinio che altro non è che un subdolo ricatto morale a farsi votare. La vecchia politica ha avuto tutte le occasioni, per decenni, ed il risultato qual è stato? Siamo l'ultima regione d'Italia in tutto in termini di lavoro, sanità e infrastrutture››.

‹‹Non so proprio con che coraggio – continua Tansi – chiedete agli elettori di dargli l'ennesima opportunità.  Ma credete veramente che i calabresi siano proprio così autolesionisti? Se aveste fatto anche solo una minima parte di ciò che avete sempre promesso io, oggi, non sarei nemmeno qui a candidarmi. Noi cittadini non vogliamo più vergognarci di essere calabresi, anche perché ormai ne abbiamo le scatole piene dei soliti teatrini della politica. C’è bisogno di concretezza e non di proclami››.

‹‹Il mio obiettivo oggi più che mai, rafforzato dal dover assistere a questo continuo tentativo di “corruzione morale”, è prima di tutto quello di ridare la dignità a tutti noi, di farci sentire presto di nuovo orgogliosi di essere calabresi, di creare un sistema nel quale per ottenere un lavoro precario non si deve aspettare di essere in campagna elettorale, un sistema nel quale ci siano opportunità di occupazione per tutti in ambito pubblico e privato, senza alcun favoritismo, un sistema nel quale di precario non ci sia più nulla. Abbiate almeno per una volta l’onestà di farvi da parte e lasciar governare chi ha a cuore questa terra›› – conclude Tansi.

Leggi tutto

Rende, sala gremita per Carlo Tansi. Cresce sempre di più il consenso elettorale per il candidato governatore alla Regione Calabria

RENDE (CS) – L’entusiasmo esonda. Tappa dopo tappa, l'ex dirigente della Protezione Civile regionale, raccoglie stima e consensi. Anche ieri, grande partecipazione all'incontro, svoltosi al Parco Acquatico Santa Chiara di Rende. Tantissimi, più di 400, soprattutto giovani, sono intervenuti e hanno partecipato con intesse all'incontro. Carlo Tansi ha parlato di alcuni punti del suo programma: il diritto al lavoro, il diritto alla salute e l’assistenza sociale, il diritto alla sicurezza del territorio, il diritto alla salvaguardia del territorio e del mare, lo sport e spettacolo come strumento di rilancio per lo sviluppo del turismo calabrese e infine del futuro dei giovani.

“Il mio – ha dichiarato – è un progetto sulla Calabria fondato su alcune idee ben precise: Voglio una Calabria libera! Voglio restituire ai calabresi i diritti negati attraverso un programma di governo essenziale ma realizzabile e sostenibile, mirato a perseguire obiettivi concreti in tempi certi, fondato sui tre cardini principali della Sanità, dell’Istruzione e della Sicurezza. Il problema della Calabria non è stata la mancanza di programmi o di idee, ma cinquant’anni di regionalismo segnati da programmi fantasmagorici poco attinenti alle inclinazioni della nostra Terra, o da programmi magari efficaci, ma solo proclamati e mai attuati per incapacità amministrativa e politica.”

“Bisogna liberare la Regione dai tanti personaggi della politica e del clientelismo che finora hanno utilizzato le cariche solo per soddisfare i propri loschi interessi personali. Scacceremo dalla Regione quel manipolo di personaggi che hanno determinato il sottosviluppo della nostra terra e consegneremo le cabine di comando a quei tanti funzionari e dirigenti onesti e competenti che lottano quotidianamente contro il malaffare, ma che sono stati sempre tenuti in disparte”.

“Ad esempio – continua Tansi – riguardo alla sanità oggi ridotta in uno stato pietoso per il semplice fatto che è ormai nelle mani di famiglie che speculano sulla salute e paure dei cittadini, noi avvieremo un processo di selezione e controllo di tutte le strutture sanitarie strappandole a questi “improvvisati imprenditori” e gestendole direttamente in forma pubblica com’era quando negli anni ’60 l’Italia aveva il primato mondiale per la qualità del servizio sanitario pubblico”.

“Per svoltare bisogna però saper leggere fino in fondo gli errori fatti finora, e avere la consapevolezza di avviare una nuova politica che sappia coniugare libertà e democrazia con uguaglianza e giustizia, attuando un programma sostenibile e coerente con i valori identitari di noi calabresi mandando a casa chi ha ridotto la nostra terra così. Tutti insieme cambieremo la Calabria”.

Infine – conclude Tansi - grazie alle 400 persone ‘libere’ che mi hanno onorato della loro presenza. Insieme abbiamo scoperto i nostri immensi Tesori dispersi e che tutti insieme possiamo riportare alla luce per creare ricchezza, prosperità e lavoro!

Leggi tutto

Tansi: “Quando si discute di Calabria a Roma, Oliverio non c’è”

“Ogni volta che si è discusso, in questi anni, del futuro dei calabresi a Roma, Oliverio e i suoi sono risultati sempre assenti ingiustificati – scrive in una nota Carlo Tansi.

Abbiamo appreso con sorpresa, mista a rabbia che oggi la Calabria è stata l'unica assente al tavolo in cui le lobby del nord hanno dato inizio all'ultimo scippo e senza nemmeno provare a reagire, senza nemmeno provare a dire una parola per fermare il processo di autonomia differenziato avviato dalle regioni padane e che porterà la Calabria e, temiamo tutto il sud, ad essere privato dei servizi più elementari.

Infatti, Oliverio non ha nemmeno partecipato (come è spesso accaduto, tranne poi inventarsi banali scuse) alla conferenza Stato Regioni convocata per validare la proposta del ministro Boccia che vuole concedere alle regioni del nord l'Autonomia senza condizionarne l'approvazione e la successiva entrata in vigore, alla preliminare determinazione dei Livelli Essenziali di Prestazioni.

Come Tesoro di Calabria – conclude Tansi - non accetteremo mai nessuna autonomia fino a quando non saranno definitivamente individuati, attuati e finanziati i LEP in tutti i settori della Pubblica Amministrazione e si proceda ad equa redistribuzione riequilibratile.

Leggi tutto
Subscribe to this RSS feed