Menu
FanduCorriere Locride
Reggio Calabria. Il Circolo Culturale “G. Calogero” organizza il convegno “La Rivolta di Reggio del 1970 tra società cultura e storia”

Reggio Calabria. Il Circolo Cu…

In occasione del cinqu...

DIOCESI OPPIDO MAMERTINA - PALMI. Iniziato il delicato intervento di restauro della monumentale statua di San Girolamo a Cittanova

DIOCESI OPPIDO MAMERTINA - PAL…

È iniziato il delicato...

Gli alunni del “Gemelli Careri” di Oppido Mamertina alla quinta edizione del concorso “Archivio Nazionale dei monumenti adottati dalle scuole italiane”, con un corto su “lo scoglio dell’ulivo di Palmi”

Gli alunni del “Gemelli Careri…

Il progetto didattico,...

Poste Italiane contribuisce allo sviluppo economico e sociale del paese

Poste Italiane contribuisce al…

«Nel 2019 le attività ...

Bovalino: l'Adda richiede segnaletica e spazi per disabili

Bovalino: l'Adda richiede segn…

L'associazione Adda, s...

"Distanti", il nuovo libro edito da Falzea

"Distanti", il nuovo…

di Cosimo Sframeli Un...

Respinto il ricorso della Palmese retrocessa in Eccellenza. Adesso si va al Tar

Respinto il ricorso della Palm…

di SIGFRIDO PARRE...

Poste Italiane ottiene l’attestato ISO 26000

Poste Italiane ottiene l’attes…

L’Azienda aderisce al ...

UNHCR e Intersos a Camini per la Giornata mondiale del rifugiato  Incontri e dibattiti il 23 e 24 giugno nel paese dell'accoglienza

UNHCR e Intersos a Camini per …

UNHCR (Alto commissari...

Nour Eddine Fatty e l'esilio del flautista: «Nella Locride la presentazione del libro del grande musicista»

Nour Eddine Fatty e l'esilio d…

Dice di aver sempre pe...

Prev Next

Creazzo non c’entra nulla con l’Aspromonte, e meno ancora con l’Ente Parco

Ci sono enti che sono una chiara espressione politica, perché vengono fuori da percorsi elettivi che si basano sul confronto tra i partiti, ed enti dichiaratamente “superiori” i cui gestori - pur venendo designati attraverso un percorso politico - hanno il dovere di mantenersi al di sopra delle parti, e pensare al bene comune.

Il Parco nazionale d’Aspromonte è uno di questi. E lo è per le sue caratteristiche geografiche, per le sue risorse naturali, per l’antropologia storica a cui hanno attinto Cesare Pavese, Corrado Alvaro, Saverio Strati, Francesco Barillaro. Lo è perché essere “Parco” richiede un sacrificio di territorio da parte dei Comuni, cioè limiti e restrizioni senza nulla in cambio, con l’unica finalità di proteggere i delicatissimi ecosistemi aspromontani. Un sacrificio di “livello superiore”, che non può e che non deve avere colore politico.

Parte integrante della montagna, e diretti responsabili della sua salute, sono i popoli che la vivono da secoli. Prima di parlare di Parco è dunque necessario concentrarci su di essi.

La Gente alvariana è sopravvissuta, in modo dignitoso, a importanti dissidi interni che l’hanno vista dividersi, combattersi e infine dilaniarsi sotto colpi intestini. Siamo negli anni Ottanta, nel ventennio più buio della sua storia: quello dei sequestri di persona.

Ma è una guerra, e in guerra pagano soprattutto gli innocenti, e da innocente la Gente d’Aspromonte ha pagato le tensioni e i disaccordi interni secondo quelle regole che ne hanno garantito per anni la sopravvivenza. Regole efficaci, tribali, ma non tollerate da uno Stato che, a sua volta, è piombato duro all’interno di quel perimetro, isolandolo ancora di più, tenendolo sotto assedio con un dispiego di forze armate che ancora lascia sgomenti. E mentre nel triangolo nero d’Italia si setacciava a tutta forza sotto l’occhio attento della stampa mondiale, la provincia reggina moriva.

Una guerra, dicevamo, combattuta su più fronti, senza far distinzione tra colpevoli e innocenti; e un veleno che si insidiava lentamente nelle pagine di storia, iniettato per uccidere tutto quello che sarebbe stato dopo. Anche i figli. È il pregiudizio ad essere stato letale, più feroce degli ndranghetisti  e delle squadriglie armate, perché tutt’oggi avvolge e soffoca; è la diffidenza di chi - pur non conoscendo - addita e schernisce; è il ricatto, perché nascere aspromontani è una colpa da cui mai ci si potrà redimere.

Creazzo non c’entra nulla con l’Aspromonte, e meno ancora con l’Ente Parco. Creazzo inizia e finisce nella sua Sant’Eufemia.

Ma i compagni al potere, già privati della Sanità che avrebbe loro garantito altre poltrone, non potevano permettersi - a due anni dalle regionali - di non avere il controllo di mezza provincia reggina, e un po’ come nel Risiko quella di Creazzo era l’armata giusta nel posto giusto. Vicepresidente all’atto della scadenza del mandato di Giuseppe Bombino, diviene facente funzioni (che avrebbe dovuto essere solo temporaneo) nella fase di transizione tra il vecchio e il nuovo presidente. Il Parco è un ente particolare e la procedura per designare un nuovo vertice è abbastanza complessa: partendo da una rosa di nomi, serve l’intesa tra il  Ministro dell’Ambiente e il Governatore della Calabria. Ma Oliverio non intende intendere, e ciò si concretizza in un anno e mezzo di nulla per gli aspromontani. Ché loro pagano, e pagano sempre.

La figura, inoltre, dovrebbe essere qualificata e colta, e avere la sensibilità di parlare di flora, fauna, cultura, ecosistemi, e di una montagna che per sua conformazione (particolarmente ripida sul lato orientale) necessita di attenzioni costanti e di uno “strappo” alle logiche rigide dei Parchi che poco tollerano l’uomo, ma la componente antropica – in Aspromonte – deve essere considerata essenziale alla salvaguardia di tutto il sistema.

Il Parco dovrebbe dunque svolgere un ruolo di collante: laddove la città metropolitana non riesce ancora ad arrivare, resta l’unico ente non repressivo che si interfaccia con i Comuni e con la gente.

Dunque, cosa c’entra Creazzo con il Parco nazionale? Lui, uomo del PD, amico di un governatore del PD, sottoscrittore e sostenitore per la ricandidatura di Oliverio. Sempre nel PD.

È la nostra storia, la solita, della Calabria tutta e dei suoi vari “Aspromonte” che si devono piegare alle logiche di chi detiene il potere e ha il compito di dimostrare a Roma quanto egli appartenga ad un simbolo e non alla propria terra. E tutto resta finalizzato al benessere personale e del proprio gruppo, che il branco è sacro, e non basta la poltrona e l’annesso lauto stipendio, le mani vanno messe ovunque. Per il partito.

Domenico Creazzo, già sindaco di Sant’Eufemia d’Aspromonte, vicepresidente del Parco nazionale fino a qualche giorno fa, neoeletto consigliere regionale, oggi è ai domiciliari per voto di scambio o qualcosa del genere.

E se ci fosse finito per e con il PD sarebbe solo il triste epilogo di tante altre storie uguali.

No, Creazzo si supera. Lui oliveriano d’acciaio, stratega della politica, viene eletto con gli integerrimi di Fratelli d’Italia, nel cui simbolo è stampata (ma non arde) la fiamma del Movimento sociale italiano.

Il centrodestra arrivato al 26 gennaio è un girone dantesco, in cui si è accaparrato di tutto: socialisti, democristiani, radicali, e poi i voti a pacchetti, e migliaia di firme per sottoscrivere le liste raccolte nottetempo, e gente plagiata al punto di essere felice di stare nel pacchetto di uno piuttosto che di un altro, o del medico che può sempre servire, o dell’imprenditore che a chiedere un posto di lavoro in nero e sottopagato potrebbe anche concederlo. E notturni porta a porta, telefonate pure ai morti, voti a pagamento (e molto a buon mercato).

Abbiamo visto famiglie squartate dai fac-simile e dall’ignobile divedere i voti fra i richiedenti. E padri chiedere ai figli di eseguire senza pensare.

Perché - alla luce di un sistema allo sfascio sotto tutti i punti di vista, che piega i cittadini calabresi al doversi arrangiare e li costringe a prostituire la propria libertà di espressione - il modo di farsi la campagna elettorale non è penalmente perseguibile?

Dovrebbe rispondere, Creazzo, oltre che di voto di scambio o qualcosa del genere, del caso in cui abbia utilizzato la propria posizione di vertice all’interno del  Parco per la sua candidatura alle Regionali; se in quella sorta di Via Crucis intrapresa qualche settimana prima di Natale abbia (lui o chi per lui) distribuito materiale elettorale; se sentirlo parlare (finalmente) di progetti e di buoni propositi abbia avuto a che fare con la ricerca del suo personalissimo consenso.

Ecco, se lo avesse fatto, anche questa dovrebbe essere un’accusa penale.

Ma ora lasciamo che si difenda, perché nessuno può essere ritenuto colpevole fino al terzo grado giudizio. Ma chi difenderà gli aspromontani dai danni dei vari Creazzo, adesso? Che loro pagano, e pagano subito.

Persino Oliverio li ha snobbati quando – nel corso della due giorni estiva “Gente d’Aspromonte” organizzata dalla stessa Regione Calabria - ha evitato di arrivare fino ad Africo antica, fermandosi a Bova. Per le strade dissestate forse? O per il fatto che sul Comune di Africo gravava il responso della commissione d’accesso che poi ha deciso per lo scioglimento dell’Amministrazione? Temeva (forse) il Governatore di compromettere ciò che del suo curriculum era rimasto illibato?

Che si difendano dunque gli accusati, ma che non trascinino con sé, qualunque sia il verdetto, la Gente d’Aspromonte.

Questa è solo la punta di un iceberg che ha radici molto profonde e che per sciogliere bisognerebbe mettere in discussione tutto. Anche noi stessi.

E rieducare i calabresi alla libertà e al senso civico.

E alla lotta, che il nostro popolo non lotta più e la forma di ribellione più spinta che conosce - ormai - è l’astensionismo millantato su Facebook.

E noi attivisti investiamo tutto, e ci crediamo, e ci speriamo, ma non facciamo più rumore.

Insisteremo ancora. E ancora.

Attivisti Meetup Reggio 5 Stelle

Attivisti Meetup Magna Grecia 5 Stelle

Leggi tutto

Bovalino (Rc): il Meetup “Magna Grecia” 5 Stelle “sollecita” il ripristino del lungomare

di Pasquale Rosaci - Era il 23 febbraio 2019 quando una violenta mareggiata distrusse un tratto del lungomare “San Francesco di Paola”, un pezzo di passeggiata lungo circa duecento metri che fa parte di un percorso che si snoda per circa 1200 metri di fronte alla spiaggia antistante il centro abitato del Comune di Bovalino (Rc). Per fortuna non ci furono conseguenze a persone perché in quel momento, visto il cattivo tempo, non transitava nessuno, ma danni  a cose si e tantii…oltre un milione di euro! questo è stato l’importo quantificato nei giorni successivi alla mareggiata dai tecnici comunali e regionali: marciapiedi divelti e spaccati; balaustre e piani di discesa a mare staccate dalla loro sede naturale; passamano e panchine in cemento rotte in più punti; fioriere distrutte e materiale vario disperso sulla battigia, tutto come se si trattasse di un castello di sabbia che improvvisamente viene giù; anche il famoso e rinomato lido balneare (notissimo negli anni ’70)  "La Rocchetta", subì un forte cedimento strutturale che lo fece sprofondare sotto i colpi violenti del mare.

 “Era il nostro fiore all’occhiello” ebbe a dire il Sindaco di Bovalino, Vincenzo Maesano,  il giorno dopo la mareggiata, giorno in cui venne anche chiesto lo “stato di calamità naturale” quantificando i danni in  oltre un milione di euro. “Non si è perso certamente tempo -fa sapere, oggi, il Sindaco- sono stati subito interessati tutti gli organi Istituzionali aventi competenza in caso di calamità naturali: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti; Ministero per il Sud e la Coesione Territoriale; Protezione Civile Regionale; Regione Calabria-Ufficio Lavori Pubblici e Mobilità; Commissario Straordinario delegato per la realizzazione degli interventi mitigazione rischio idrogeologico per la Regione Calabria; Distretto Idrografico dell’Appennino Meridionale; Referente delegato dell’ex Autorità di bacino regionale; Prefettura di Reggio Calabria; Capitaneria di Porto Direzione Marittima di Reggio Calabria; ma purtroppo, a distanza di un anno, non abbiamo ricevuto notizie certe sul finanziamento e di conseguenza neanche sui tempi necessari alla ricostruzione. La cosa certa è che anche per quest’estate, perdurando questo stato di cose,  il tratto continuerà ad essere inibito con i conseguenti disagi ai cittadini ed agli esercizi commerciali che in quel tratto allestivano gli stabilimenti balneari”

Ora, ad un anno esatto dall’evento e considerato che ancora nulla si è mosso in esito alla ricostruzione del sito, che ricordiamo rappresenta come per ogni paese costiero che vive di turismo una delle principali fonti di guadagno e di sviluppo economico, il Meetup “Magna Grecia” 5 stelle chiede con forza l’intervento delle Autorità competenti, ognuno per la propria parte, Sindaco in primis, affinchè  non si tergiversi oltre ma s’intervenga con urgenza al fine di poter ripristinare e restituire a Bovalino ed alla sua comunità quel tratto di lungomare distrutto.

Diciamo ciò avendo negli occhi, a distanza di anni, la ferita ancora aperta che lo stesso mare inferse al lungomare di Siderno dove la situazione di criticità si protrasse per diversi anni creando non pochi disagi ai commercianti ed alla cittadinanza intera. La comunità bovalinese non può e non vuole più rimanere relegata in una posizione di “attesa passiva” e, per questo, è auspicabile che vengano evitati i rimpalli di responsabilità e/o di competenza che, probabilmente, sono alla base di questi insopportabili ritardi.

Come Meetup “Magna Grecia” 5 stelle operante nel contesto di Bovalino e dell’intera fascia jonica reggina, siamo fermamente convinti  che sensibilizzare le coscienze serve ma serve ancor più denunciare la lentezza di un apparato burocratico farraginoso e che spesso rallenta, oltre il limite di ogni lecita sopportazione, la crescita e lo sviluppo dei territori, per questo chiediamo al Sindaco di farsi promotore delle istanze dei cittadini per non subire le stesse lungaggini che ha dovuto sopportare Siderno con il suo lungomare. 

Leggi tutto
Subscribe to this RSS feed