Ottobre 17, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Sono passati 150 anni da quando le vite sono state salvate

Ricordiamo la storia dell’istituzione che, in un modo o nell’altro, ha aiutato tutti coloro che sono passati dalla clinica nel reparto.

Era il 1891, la fine del diciannovesimo secolo, e il sovrano Pedro Gusto Perrio Volevo implementare modifiche ambiziose per aggiornare la sezione. Ha promosso la costruzione del treno e ha anche migliorato l’istruzione trasformando il Collegio di Stato, fondato sotto l’influenza del Viceré, nell’Università di Antioquia, afferma il professore dell’UPB, Rinaldo Spitalita. Tra le professioni iniziate c’era la scuola di medicina, che in seguito sarebbe stata chiamata collegio e che il 6 ottobre in questa celebrazione celebra il suo 150° anniversario.

nei primi anni

Il primo curriculum comprendeva materie come anatomia, fisiologia, patologia, botanica… e durava quattro anni, cioè otto semestri, che sono cinque anni in meno del semestre attuale.

Iniziarono gli studi presso il Monastero di San Ignacio, oggi Comfama, e svolgevano le pratiche presso l’Ospedale di San Juan de Dios e presso il Cimitero di San Lorenzo, come ci racconta l’attuale decano del collegio, Carlos Alberto Palacio Acosta.

Una delle prime fotografie mediche scattate ad Antioquia, Lecciones de Anatomía (1892), di Meliton Rodriguez, riferendosi all’omonimo dipinto di Rembrandt e presentando una scena simile: una manciata di studenti esamina un corpo mutilato su un tavolo di legno, nessuno guardando la telecamera, alcuni con la barba, altri con i baffi, e solo un cappello, indossando grembiuli di stoffa e un vestito sotto.

La scena è presentata in uno spazio aperto, nelle cantine delle tombe, dice Palacio, che ammette che è una delle sue immagini preferite perché mostra lo sviluppo della facoltà medica e medica del dipartimento.

Sebbene questi non fossero la prima generazione di studenti di medicina, è molto probabile che i diciassette studenti con cui ha iniziato la sua carriera, tutti di Antioquia, abbiano ricevuto inizialmente le stesse istruzioni.

Secondo Escuela de Medicina de la U. de Antioquia, Science and Presence in History 1871-2016 da Tiberio Alvarez Echeverri Solo sei studenti sono riusciti a laurearsi: Ramon Arango Arango, Tomas José Bernal Mejia, Jesus Maria Espinosa, Alejandro R. Fernandez Avendano, Julio Restrepo Arango e Francisco Velasquez.

READ  Effetti della pandemia del virus corona sulla salute dei bambini | Video | Univision Chicago WGBO

Città

Prenditi un momento per pensare a come appariva Medellín 150 anni fa. La prima costituzione del paese è stata firmata 50 anni fa e la città è diventata la capitale di Antioquia cinque anni dopo e non era più quella che è ora.

Comuni come Envigado, Belo e Itague, che oggi appaiono come una dependance, erano paesi lontani, anche Belen era un villaggio, ed è ancora lontano, ed El Poblado erano solo fattorie.

L’istruzione nel dipartimento aveva 70 anni, spiega Spitaleta, ma non copriva molte aree, quindi chi era interessato, con la capacità finanziaria di imparare, doveva trasferirsi in città come Bogotá o Popayan, o lasciare il paese. Coloro che praticavano la medicina erano stranieri dalla Francia, come menzionato nel libro di Alvarez.

Accademia di Francia

Palacio dice che il primo modello adottato per la scuola di medicina è stato proprio quello francese, che è il più popolare, e così tanti dei primi laureati che hanno cercato di specializzarsi si sono recati in quel paese.

L’influenza francese può essere vista nella distribuzione degli spazi: “Gli edifici ospedalieri avevano ali, collegate da gallerie con un cortile centrale, e stanze ospedaliere da 30 letti altamente ventilate”, afferma il libro di Alvarez.

Inoltre, dice Palacio, è un farmaco retrogrado, che era responsabile della rilevazione dei sintomi dei pazienti per curarli.

I medici sono diventati una specie di strega che curava le malattie in tutta Antioquia, e in questo modo sono diventati persone molto amate e ben pagate nella società, dice Spitaletta. In questo modo lo studio della medicina divenne una delle professioni principali, come prima con preti o avvocati.

nuova sede

110 anni fa, la città stava attraversando un momento di boom tessile guidato dalla famiglia Echavarria e Coltiger. In un atto di beneficenza, fondarono l’Hospital de la Caridad, l’odierna San Vicente, e gli diedero alcuni terreni vicini per l’espansione. A quel tempo l’università decise di spostare il college in modo che fosse vicino ai medici, dice Palacio. Il terreno fu acquistato dall’ospedale e fu assunto un architetto belga che venne in città, Agustin Govarts, che progettò anche il Palazzo Nazionale e il Palazzo della Cultura di Rafael Uribe Uribe.

READ  Nuova edizione della Conferenza sulla promozione dell'occupazione nelle scienze economiche - InfoRegion

La sua idea originale era di quattro blocchi, uno in ogni angolo, con un giardino aperto nel mezzo. Tuttavia, c’era solo un budget per due collezioni, “quelle che chiamiamo storiche, perché sono il patrimonio architettonico e culturale del paese”, dice Palacio. Uno il cui nome, in ricordo, di Angelo Manuel Uribe, Uno dei promotori della fondazione del collegio e dei suoi primi insegnanti, e l’altro lo loda Andrés Posada Arango, Docente di facoltà nei settori delle scienze naturali, botanica e farmacia.

Accademia americana

Il successivo cambiamento nell’infrastruttura del college avvenne nel 1949, quando Ignacio Velez EscobarEssendo preside, avverte che lo spazio è insufficiente e costruisce quello che oggi chiamiamo il Central Building, che ha un design diverso, “meno estetico e più vicino all’American Academy”.

Rendendosi conto che era necessario rinnovare l’istruzione, Vélez beneficiò di una serie di borse di studio e convenzioni, e poté inviare diversi professori a formarsi negli Stati Uniti, nelle aree della chirurgia clinica di base, suddivise in dipartimenti in cui stava approfondendo.

nuove sezioni

Nel 1942 entrarono in collegio le prime tre donne e solo una riuscì a laurearsi, Clara Glutman, che in seguito ricevette una borsa di studio per specializzarsi come ginecologo ed endocrinologo e tornò a lavorare come insegnante.

Un amico e un collega personale attueranno lo stesso schema, solo lui si specializzerà in sanità pubblica: Hector Abad Gomez.

Secondo suo figlio, lo scrittore Hectorabad Faciolince Nell’oblio saremo dentro e il libro delle cento vite lo raccontiamo a un giornalista Juan Jose HoyosAbad Gomez è stata una delle prime persone a interessarsi alla salute pubblica.

College della figlia

La sanità pubblica non era l’unica figlia della scuola di medicina. “Lì è nata la Scuola di Microbiologia e Odontoiatria, così come i primi sforzi in infermieristica, strumentazione chirurgica, nutrizione e dietetica”, afferma Palacio.

Allo stesso modo, dopo 100 anni di essere l’unica scuola di medicina della città, è anche “l’origine delle altre nel paese, perché i professori che venivano da qui erano quelli che formavano i professori di Bolivariana e Sich, per esempio. L’Università Industriale di Santander presso l’Universidade de Santander ha persino istituito la scuola di medicina affiliata Her, che ha 30 anni, è uno dei nostri professori ed ex studenti”.

l’università oggi

Nei suoi 150 anni di storia, il College, con risorse, talento umano o ricerca, ha portato a grandi risultati medici in città e nel paese. “Qui è stato eseguito il primo cesareo in America Latina, è arrivato il primo intervento chirurgico nella nostra regione, è arrivata la prima macchina per anestesia ed è stata anche la prima volta che questa procedura è stata applicata ai pazienti”, afferma Palacio.

Inoltre, in collaborazione con l’Ospedale San Vicente, sono stati eseguiti il ​​primo trapianto di rene in Colombia, i primi esami radiologici e i primi elettrocardiogrammi”.

Il college non si ferma: ha 46 specialità chirurgiche, lavora a più di 120 progetti di ricerca, c’è un dottorato clinico, quattro master e un ospedale digitale per formare le generazioni future.

6

Il numero di studenti che si è laureato era nella prima generazione.