Settembre 22, 2021

Corriere Locride

Trova le ultime notizie dal mondo da ogni angolo del mondo su Paper Project

Un lungo addio ad Alitalia

Questo metodo ha una data precisa. Decenni dopo, sull’orlo del collasso, Alitalia chiude. La mattina del 14-15 ottobre, l’iconica compagnia aerea italiana scomparirà dal cielo dopo 75 anni di storia. È stata sostituita da ITA, l’italiana Transporto Areo, una nuova società nata per occupare parte dello spazio lasciato dal suo predecessore.

La storia dell’azienda italiana risale al 1946, quando Benito Mussolini: nel 1934 per volere di Ala Litoria nasce una nuova azienda statale. Per la nuova fase il governo italiano ha collaborato con quello britannico, che deteneva il 40% di Alitalia, mentre l’IRI, la società di ristrutturazione industriale, ne deteneva il 47%, mentre il resto è rimasto nelle mani di azionisti minori.

Alitalia è stata una compagnia pubblica dal primo volo nella primavera del 1947 fino al gennaio 2009, quando è stata privatizzata sotto la pressione dell’UE e altre compagnie aeree del continente non erano di proprietà dei loro governi. Fu allora che il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi tirò le fila per formare la “Cortata patriottica” (federazione patriottica) di investitori privati ​​considerati “coraggiosi patrioti e amanti dell’Italia”.

Quando il suo successore, l’ITA, viene rilasciato, l’UE chiede un rimborso di 900 milioni di euro in denaro pubblico.

Berlusconi ha voluto sfruttare l’Italia dell’azienda, far conoscere al mondo il buon gusto del Paese, si è recato con orgoglio a Roma per le riprese con attrici e attori, toccando il cielo da funzionario. Alitalia è un’immagine preziosa per un altro Stato: il Vaticano. Da quando Paolo VI ha iniziato la tradizione pastorale internazionale nel 1964 (il primo papa a lasciare l’Italia in 155 anni) tutti i suoi eredi hanno volato con questa istituzione.

READ  Biden vuole che Putin agisca. Allora perché non inseguire i suoi soldi?

Favorendo l’operatività in una situazione in cui i voli internazionali erano contratti con compagnie di altri paesi per prezzi e frequenze, mentre i voli nazionali erano effettuati quasi da un monopolio o tramite sussidiarie, la rete di sicurezza delle compagnie di bandiera per decenni era destinata a liberalizzare gli anni novanta nonostante i funzionari europei avvertissero loro di cambiare questo panorama.

Uragano di aziende private e successive Prezzo basso Volare tra le città di tutta Europa ed entrare nelle rotte interne (una compagnia irlandese poteva volare tra Milano e Palermo qualche anno fa o un’austriaca tra Roma e Venezia) ha seguito il ritmo con cui Aitalia è cambiata: hanno lavorato in circostanze diverse Commercio europeo e intercontinentale alleanze e tutto è fallito. I movimenti sindacali hanno lottato per anni per mantenere la stabilità della forza lavoro, e il tempo è passato e Aitalia ha ristagnato, assorbendo una nuova situazione in cui gli aiuti del governo della compagnia aerea con sede ad Abu Dhabi, i partner patriottici e l’Etihad non possono compensare. Ha acquistato una quota del 49% nel 2015 e in seguito ha scoperto che si trattava di un pozzo poco profondo.

Il Qatar non potrebbe neanche in Italia

Oltre a partecipare ad altre compagnie aeree, Qatar Airways ha sempre pianificato di mettere piede in Europa acquisendo una compagnia. Dopo averla provata con Spanner una decina di anni fa, la successiva opzione italiana si è rivelata molto interessante sulla carta. La debole situazione di Alitalia ha portato al vecchio stato della compagnia aerea a pensare che essere in quel mercato al momento della sua scomparsa l’avrebbe sostenuta nel mercato. La mossa si basa su un’acquisizione del 49% di Aga Khan da AQA Holdings, di proprietà di Meridiana Airlines, per ammodernarla, dotarla di nuovi aeromobili e rinominare Air Italy per essere operativa nell’estate del 2018. La sua rivale Etihad ha vinto un maggioranza del partner di Alitalia. Considerando che l’impegno per una nuova e sofisticata compagnia italiana che è volata in Europa e lontano è durato poco e che Air Italy ha chiuso a febbraio 2020 davanti a opportunità di business così poco interessanti, Qatar Airways non vuole molta meno pazienza della rivale di Abu Dhabi

READ  Governo globale: donna muore nell'eruzione del delta di Sydney, 745 nuovi casi in Germania | Corona virus

Alitalia sparirà definitivamente il 14 ottobre con l’ultimo stallo economico noto conosciuto pochi giorni fa: la Commissione Europea imporrà un rimborso di 900 milioni di soldi pubblici, anche se dopo poche ore partirà l’ITA, azienda 100% nuova, senza business rapporto o obbligazioni con il precedente.

È temporaneamente di proprietà statale e inizierà con 1.500 milioni di iniezioni. Inizialmente impiegherà 3.000 dei 10.000 dipendenti del suo predecessore, che opererà solo con 50 velivoli. Nel frattempo, il fondatore di Ryanair Michael O’Leary lo aveva già accolto qualche giorno fa. “Alitalia è una cattiva compagnia e ITA andrà in bancarotta”.